Ti-Press
LUGANO
03.07.20 - 16:390
Aggiornamento : 17:23

Arriva la sentenza per il ragazzo che voleva fare una strage a scuola

Il 21enne è stato condannato a 7 anni e mezzo sospesi, in modo da potersi curare in una struttura adeguata.

Nel maggio del 2018 aveva pianificato un massacro alla Commercio di Bellinzona. Tutti i retroscena del caso raccontati dal giudice Mauro Ermani.

LUGANO - La pena massima prevista dalla legge: sette anni e mezzo di detenzione. Sospesi, in modo da potersi curare in una struttura stazionaria psichiatrica. È la sentenza pronunciata nel pomeriggio di oggi, venerdì, a Lugano, dal giudice Mauro Ermani, nei confronti del 21enne che nel maggio del 2018 aveva programmato una strage presso la Commercio di Bellinzona, scuola da lui stesso frequentata. «Il ragazzo – evidenzia il giudice – necessita di una presa a carico psichiatrica intensiva. Non sono passate inosservate le sue lacrime, che lui stesso si è asciugato in questa aula. Lacrime spontanee, sintomo di un disagio interiore. Ed è su questo che occorrerà lavorare. La sede in cui questo dovrà avvenire? Non spetta alla Corte stabilirlo». 

Il crollo dopo la perdita del lavoro dei sogni – Il giovane, ritenuto colpevole di atti preparatori punibili di assassinio plurimo, aveva pianificato il massacro per il 15 maggio del 2018. Cinque giorni prima è stato fermato. «Dopo il licenziamento dalle FFS nel 2014 – dice Ermani – il ragazzo è caduto in depressione, vedendo sfumare il sogno di una vita. Si immaginava di fare carriera a Zurigo. L'imputato non ha mai accettato la soluzione, impostagli dal padre, di frequentare la scuola di Commercio. Nel 2016 avrà poi una delusione amorosa». Prende forma l'idea di una non precisata vendetta. 

Carino e simpatico, e basta – A quel punto il giovane inizia sempre più a interessarsi a personaggi estremisti, in un secondo tempo avrà anche atteggiamenti razzisti. Dopo una breve relazione, conoscerà una nuova ragazza. A cui farà seguito un ulteriore rifiuto. A novembre 2017 il ragazzo avrebbe fatto capire alla coetanea che non avrebbe accettato una semplice amicizia. «Gli dicevano che era carino e simpatico, ma nulla di più – riprende Ermani –. E così l'imputato riprende i discorsi sulla vendetta già accennati nel 2016». 

Attratto dalle armi – Il 21enne è sempre più attratto dalle armi. E l'idea di fare una strage in quella scuola che non amava si fa sempre più pressante. Comincia ad acquistare fucili, pistole, coltelli. «Alcuni episodi accaduti attorno a Pasqua 2018 – fa notare il giudice – accadono episodi che turberanno l'imputato. In parallelo è sempre più attratto da Natural Born Killers, da gente che ha compiuto massacri nelle scuole americane».

I meriti dei compagni e dei docenti – Cruciale il tema del suicidio, che avrebbe concluso il suo folle progetto. In questo modo, stando alle sue idee, sarebbe passato alla storia. Ermani punzecchia Arturo Garzoni, rappresentante della Pubblica Accusa. «La strage non è stata sventata grazie a operazioni di intelligence, come sostenuto dal procuratore pubblico. Il merito di avere fermato questo ragazzo è di alcune amiche e di alcuni docenti. Temevano, avendo ricevuto segnali e messaggi inquietanti, che il giovane si suicidasse. La polizia ha fatto il suo, per carità».

Dubbi sulle scelte del Ministero Pubblico – La Corte è convinta che, fino al giorno dell'arresto, l'imputato volesse andare fino in fondo. Suicidandosi alla fine come avevano fatto alcuni dei suoi "idoli". «Dopo essere entrato in contatto con la polizia, il ragazzo ha mostrato agli agenti il suo arsenale e i documenti che aveva preparato. È stato in seguito ricoverato alla clinica psichiatrica di Mendrisio. Fino a luglio 2018 è rimasto in una cella sorvegliata per 24 ore su 24. Poi inspiegabilmente è stato collocato in un foyer, prima che fosse stabilita una perizia psichiatrica. Dal Ministero Pubblico, la Corte si sarebbe aspettato un'analisi molto più critica. Non si tratta di una semplice sbavatura».

Perdita di tempo – A luglio 2019, mentre si trovava in foyer, dopo una nuova delusione amorosa, il ragazzo viene ancora ricoverato, stavolta volontariamente, in una clinica psichiatrica. Il giudice lancia l'ennesima stilettata al Ministero Pubblico. «Fino a quel momento – tuona Ermani – si è solo perso del tempo». 

Urlare la rabbia al mondo – «La colpa dell'imputato è gravissima – conclude il giudice – . Quello che stava per fare è mostruoso. Difficile trovare le parole per descriverlo. Le modalità che aveva messo in atto fanno rabbrividire. Anche lo scopo è perverso: urlare al mondo la propria rabbia perché non ha successo con le ragazze e perché lo hanno licenziato dal posto di lavoro. Pensiamo a quante vite sarebbero state spezzate, allo sconforto in cui sarebbero finite diverse famiglie. Non ci sono giustificazioni. Auguro all'imputato di trovare, attraverso questo nuovo percorso, la giusta serenità».       

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
32 min
Colpì la giornalista con una testata, identificata dalla polizia
Si tratta di una 20enne svizzera domiciliata nel Luganese che il 30 novembre manifestava contro le restrizioni Covid
LUGANO
38 min
La prima neve è arrivata
Da Chiasso a Mendrisio fino a parte del Luganese i primi timidi fiocchi stanno scendendo dal cielo
LUGANO
47 min
«Concreti indizi di un movente estremista»
La 28enne di Vezia resta in carcere. L'arresto è stato confermato dal giudice
BELLINZONA
59 min
Picchiato e poi chiuso in casa dagli "amici"
Nuovi dettagli sulla lite di stamattina in un appartamento. I vicini: «C'erano già stati problemi»
CANTONE
5 ore
Affitti commerciali: «Il Cantone intervenga»
Se Berna non fa sconti, il Ps chiede a Bellinzona di aiutare le imprese
CANTONE
7 ore
Nuovo calo di pazienti negli ospedali
Nelle ultime 24 ore 18 persone sono state ricoverate nelle strutture sanitarie cantonali, mentre 26 le hanno lasciate.
FOTO
BELLINZONA
7 ore
Violenta lite in appartamento, la polizia cerca i responsabili
Un 25enne domiciliato nel Luganese ha riportato leggere ferite. Prima di andarsene, lo avrebbero chiuso dentro
BELLINZONA
10 ore
«Vado avanti a morfina, chiedo giustizia»
Continua la lotta di un 30enne contro il medico che lo ha operato alla schiena: «Io, danneggiato. E nessuno risponde».
SVIZZERA
10 ore
«È così difficile capire che il sesso senza consenso è uno stupro»?
Intervista a Roberta Schaller, criminologa di Zurigo, che accusa: «La legge svizzera è inadeguata per i reati sessuali»
FOTO
CANTONE
11 ore
In Ticino di cose da fare ce ne sono... almeno 104
Nicole e Mauro si sono inventati un metodo per rompere la routine. Per condividerlo hanno creato su IG "104things2do"
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile