Ripulivano i soldi in Svizzera e poi acquistavano appartamenti a Marbella e Tangeri
GdF Varese
CONFINE
12.06.20 - 22:320

Ripulivano i soldi in Svizzera e poi acquistavano appartamenti a Marbella e Tangeri

Due pregiudicati che si dichiaravano nullatenenti in verità avevano investito milioni nel settore immobiliare.

Un avvocato italiano residente in Svizzera li ha aiutati nel riciclaggio di denaro.

VARESE - Avevano dichiarato di non avere praticamente guadagnato nulla negli ultimi anni. Ma in realtà i due pregiudicati - con precedenti per reati fallimentari e tributari - stavano investendo una piccola fortuna nel settore immobiliare. I due avevano infatti acquistato tre appartamenti a Marbella (Spagna), Tangeri (Marocco) e Desio, oltre a un negozio in Brianza. Il totale delle loro proprietà - compresi duecentomila euro celati in un conto elvetico - ammontavano a circa due milioni. Soldi  (sporchi) che la coppia aveva ripulito in Svizzera con la complicità di un avvocato italiano residente nel nostro Paese. Beni che ora sono stati messi sotto sequestro dalla  Guardia di Finanza di Varese.

Dalle indagini è emerso che il legale ha avuto un ruolo chiave nella vicenda. È infatti stato lui ad aiutare i due pregiudicati a ripulire i soldi accumulati in maniera illecita - tramite società fittizie - e a consigliare di investire nel settore immobiliare. Il duo, su indicazione del legale, ha dapprima fornito disponibilità finanziarie in contanti per oltre 650mila euro a una fiduciaria elvetica. Poi ha fatto portare in Svizzera - con l'aiuto di uno spallone - oltre 700'000 euro in contanti per poi depositarli su conti intestati a prestanome. Con questi fondi, i due pregiudicati hanno potuto acquistare un lussuoso appartamento in un residence di Marbella e due immobili a Desio.

Nel procedimento penale instauratosi risultano indagati a piede libero nove soggetti ritenuti responsabili a vario titolo dei reati di riciclaggio e trasferimento fraudolento di valori. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CHIASSO
3 ore
Muore sul bus da Chiasso: ma non si sa chi è
Un 75enne di identità sconosciuta è deceduto ieri a causa di un malore. Le autorità italiane cercano in Ticino
FOTO
CANTONE
5 ore
«Quel fumo nero che usciva dal portale del San Gottardo»
Ha avuto luogo oggi a mezzogiorno il ricordo delle undici persone che morirono nella galleria il 24 ottobre 2001
LOCARNO
7 ore
Il 20enne che ha sparato resta in carcere
Convalidato l'arresto del giovane dopo i fatti di via Vallemaggia
FOTO
CHIASSO
8 ore
«Un fans club a Chiasso? Non me l'aspettavo proprio»
Miglior giovane all'ultima Vuelta, Gino Mäder è "tornato" nel Mendrisiotto accolto da un fans club nato un po' per caso.
LOCARNO
1 gior
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
1 gior
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
MENDRISIO
1 gior
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
1 gior
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
1 gior
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
1 gior
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile