tipress
MENDRISIO
08.04.20 - 20:190
Aggiornamento : 09.04.20 - 07:05

«Gli anziani? Soli e spaventati»

L'esperienza di un'assistente di cura: «All'inizio trattata da appestata. Ora si fidano di nuovo»

La paura e le difficoltà in questa emergenza sanitaria per chi è al fronte: «Abbiamo ottenuto consulenza psicologica. Da non sottovalutare in questo periodo»

MENDRISIO - «All'inizio? Un trauma. Alcuni non ci volevano più in quanto frontalieri. Eravamo considerati untori». S.M. è un'assistente di cura che si occupa di anziani nel Mendrisiotto. Anche lei, da un mese a questa parte, fa parte di quel gruppo di "eroi del quotidiano" che si svegliano sapendo di dover fronteggiare "vis a vis" l'emergenza coronavirus.

«Si sentono soli» - S. lo fa confrontandosi con quella che è la categoria più a rischio: «Gli anziani già di norma vivono una sorta di isolamento. Che si è accentuato all'ennesima potenza. Per loro è dura. Mai come in questo periodo si sentono soli».

Secondo l'assistente di cura, quella che è la normale compagnia per questi nonnini si sta trasformando in una fonte d'ansia: «Sono abituati a stare davanti alla televisione. Che in questo periodo non fa che spaventarli. Il bombardamento sul coronavirus è per loro forma di terrorismo psicologico. Il nostro è anche un supporto in questo senso, cerchiamo di tranquillizzarli per quanto ci è possibile».

«Per strada ancora troppa gente» - Eppure per S. non tutti hanno recepito il messaggio: «Per strada si vede ancora troppa gente. Il nostro compito è, tra le altre cose, quello di cercare di far capire l'importanza, oggi più che mai, dell'igiene personale. Ovviamente i contatti con gli altri vanno evitati».

«Impossibile per noi mantenere le distanze» - Dal canto suo la paura non manca, ma si sente pure sicura dietro un protocollo che sta funzionando: «Mi occupo dell'igiene della persona. Quindi è impossibile mantenere le distanze di sicurezza. E la paura c'è, è ovvio. Molti di noi hanno famiglia. Anche per questo siamo scrupolosi e, appena notiamo uno dei sintomi, allertiamo la sede. Loro provvedono a far uscire un infermiere e subito dopo il medico. La nostra azienda ha fatto di tutto per metterci in sicurezza. Disinfettante e mascherine non sono mai mancati e per eventuali infetti abbiamo camice, copriscarpe e occhiali».

«Qualche caso lo abbiamo avuto» - Per il momento S. non si è trovata a dover fronteggiare personalmente il virus. Ma c'è chi l'ha fatto. «Nella zona che copro io, per ora, non ci sono utenti con Covid-19. E quindi lavoro munita "solo" di guanti, mascherine e tanta attenzione. Qualche positivo però alcuni miei colleghi l'hanno incontrato».

Il momento peggiore S. l'ha vissuto con i controlli alle dogane: «I primi giorni le code erano chilometriche. Un inferno. Per fortuna ci è stata offerta la possibilità di alloggiare il Ticino. Altrimenti non so come avremmo fatto. Ci è stata pure fornita consulenza psicologica. Che, in questo periodo, non è da sottovalutare».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile