Depositphotos (kozzi2)
CANTONE
28.03.20 - 17:030
Aggiornamento : 29.03.20 - 14:47

I Verdi: «Semi e piantine sono beni di prima necessità»

L'appello degli ambientalisti è in favore dell'autosostentamento e contro lo spreco

BELLINZONA - « I Verdi hanno sempre dato molto valore all’autoproduzione alimentare. A maggior ragione nel periodo di crisi come questo, promuovere l’orticoltura locale è molto importante. Sementi e piantine da orto sono da ritenersi, in questo senso, beni di prima necessità», inizia così il comunicato diffuso oggi dai Verdi ticinesi che rilancia un tema sentito anche a livello svizzero.

«È assurdo che si possano comperare, nei grandi magazzini, verdure prodotte in Spagna o in Olanda e non si possano invece comperare i semi e le piantine che molti piccoli orticoltori-vivaisti svizzeri hanno preparato per la primavera. In mancanza di un possibile smercio si vedono ora costretti a distruggerle: una rilevante perdita economica per loro e uno spreco insensato per noi».

Secondo gli ambientalisti, quindi, quella delle autorità è «una scelta che danneggia i produttori locali e che impedisce a molti cittadini-orticoltori di contribuire al proprio autosostentamento alimentare, nonché a una maggiore autosufficienza del paese».

Per questo: «i Verdi del Ticino fanno quindi appello alle autorità affinché riconoscano, tra i beni di prima necessità, anche semi e piantine».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile