keystone (archivio)
CANTONE / VENEZUELA
18.03.20 - 20:320
Aggiornamento : 19.03.20 - 10:32

Ticinesi bloccati in Venezuela: «Non si riesce a farli tornare»

La preoccupazione dei familiari: «L'ambasciata svizzera locale afferma di non prevedere rimpatri in Svizzera»

LUGANO - Bloccati in Venezuela, precisamente sull’ Isola di Margarita. Quella che doveva essere una vacanza da sogno si sta trasformando in un viaggio travagliato per due ticinesi. La causa, come ovvio, è la caotica situazione generata dalla pandemia di COVID-19 che, di fatto, ha visto bloccarsi in breve tempo le possibilità di muoversi da una nazione all'altra per tantissimi viaggiatori.

«Air France ha cancellato il loro volo e non riescono a tornare da noi - racconta, preoccupata, la figlia dei due turisti -. Mio papà ha 66 anni e non gode di ottima salute, e perlopiù la situazione politica e sanitaria del regime di Maduro non è delle migliori. Abbiamo scritto all’ambasciata svizzera in Venezuela a Caracas, ma la risposta è stata che non prevedono rimpatri per gli svizzeri».

Al momento i viaggiatori attendono una risposta dal DFAE: «Purtroppo le agenzie locali sull'isola non hanno soluzioni. Stanno cercando di trovare un modo per raggiungere Caracas. Siamo consapevoli che la crisi sanitaria ha colpito tutto il mondo, ma vogliamo che tornino da noi. Anche l’Italia si sta preoccupando delle operazioni di rimpatrio».

Centinaia di svizzeri bloccati - Di fatto sono centinaia gli svizzeri bloccati nel mondo a causa del coronavirus. Gli operatori turistici al momento stanno facendo del loro meglio per rimpatriarli, mentre la Helpline del DFAE riceve diverse centinaia di chiamate al giorno.

«Abbiamo ancora parecchi clienti all'estero che vorrebbero rientrare in Svizzera. Facciamo il possibile per trovare loro dei voli», ha spiegato a Keystone-ATS Bianca Gähweiler, portavoce di Hotelplan Svizzera. Se fosse necessario, l'agenzia di viaggio si occupa pure del loro alloggio.

Quando voli regolari sono modificati o annullati, «cerchiamo una soluzione per i clienti», ha precisato da parte sua TUI Suisse. Il tour operator è in contatto con i clienti e «si prende cura di loro».

Il DFAE esorta a tornare a casa - Ieri il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha esortato gli Svizzeri che si trovano all'estero in questo momento di crisi a tornare a casa al più presto per evitare di rimanere bloccati.

Non tutti i turisti elvetici si sono però annunciati presso le ambasciate o la piattaforma "Itineris" del DFAE, hanno indicato oggi i servizi di Ignazio Cassis. "Itineris" consente di localizzare e contattare le persone iscritte in caso di crisi grave all'estero.

Marocco, Sudafrica e Ucraina - La situazione è particolarmente delicata in Marocco, precisa il DFAE. Interventi a livello politico sono stati necessari per facilitare un ritorno degli Svizzeri bloccati nel Paese del Nordafrica. Si è potuto organizzare diversi voli charter da parte di compagnie aeree basate in Svizzera. Essendo tali voli di natura commerciale, i turisti sono responsabili delle prenotazioni e devono assumersi le spese, ricorda il dipartimento di Ignazio Cassis.

Anche le rappresentanze elvetiche in Sudafrica e Ucraina sono in contatto con i cittadini svizzeri e le autorità locali per determinare in che misura la Confederazione possa dare loro il proprio sostegno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Covid in Ticino, 26 casi e ricoverati stabili
Non ci sono nuovi decessi né nuove quarantene di classe. Fermi a quota 18 gli ospedalizzati.
FOTO
BELLINZONA
3 ore
È stata un'estate complicata per gli animali selvatici
Tra aprile e fine agosto la Spab ha dovuto soccorrere un «numero impressionante» di bestiole in difficoltà.
BELLINZONA
5 ore
Forse c'è la svolta per i due "mostri"
Palazzine lasciate a metà in Viale Olgiati: tutto fermo da inizio 2019. Proprietaria vicina alla cessione del progetto.
CANTONE
5 ore
Aghi, inchiostro e quel vuoto (formativo) da colmare
Per diventare tatuatore a oggi non esiste alcuna formazione regolamentata e ufficialmente riconosciuta.
FOTO
BREGGIA
17 ore
Gli alberi stanno tornando in piazza
Le piante erano state rimosse lo scorso marzo per i lavori di valorizzazione a Cabbio
MENDRISIO
19 ore
Si getta ancora la spugna, niente Fiera di San Martino
La tradizionale fiera di novembre non avrà luogo per il secondo anno di fila: «Decisione sofferta, ma obbligata»
LUGANO
20 ore
Oltre 7'200 veicoli controllati durante "Bimbi sicuri"
La maggioranza degli utenti della strada si comporta con prudenza, ma c'è qualche eccezione...
LUGANO
23 ore
Arresto "da film" sul lungolago: erano due truffatori
Le due persone fermate giovedì scorso sono sospettate di aver tentato una truffa di tipo "rip-deal".
CANTONE
1 gior
Un weekend con 38 contagi
Le strutture sanitarie accolgono 18 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
1 gior
Smaltire i rifiuti costerà meno
Dal primo gennaio 2022 il Cantone ha previsto una riduzione di dieci franchi per ogni tonnellata smaltita dai Comuni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile