keystone (archivio)
CANTONE / VENEZUELA
18.03.20 - 20:320
Aggiornamento : 19.03.20 - 10:32

Ticinesi bloccati in Venezuela: «Non si riesce a farli tornare»

La preoccupazione dei familiari: «L'ambasciata svizzera locale afferma di non prevedere rimpatri in Svizzera»

LUGANO - Bloccati in Venezuela, precisamente sull’ Isola di Margarita. Quella che doveva essere una vacanza da sogno si sta trasformando in un viaggio travagliato per due ticinesi. La causa, come ovvio, è la caotica situazione generata dalla pandemia di COVID-19 che, di fatto, ha visto bloccarsi in breve tempo le possibilità di muoversi da una nazione all'altra per tantissimi viaggiatori.

«Air France ha cancellato il loro volo e non riescono a tornare da noi - racconta, preoccupata, la figlia dei due turisti -. Mio papà ha 66 anni e non gode di ottima salute, e perlopiù la situazione politica e sanitaria del regime di Maduro non è delle migliori. Abbiamo scritto all’ambasciata svizzera in Venezuela a Caracas, ma la risposta è stata che non prevedono rimpatri per gli svizzeri».

Al momento i viaggiatori attendono una risposta dal DFAE: «Purtroppo le agenzie locali sull'isola non hanno soluzioni. Stanno cercando di trovare un modo per raggiungere Caracas. Siamo consapevoli che la crisi sanitaria ha colpito tutto il mondo, ma vogliamo che tornino da noi. Anche l’Italia si sta preoccupando delle operazioni di rimpatrio».

Centinaia di svizzeri bloccati - Di fatto sono centinaia gli svizzeri bloccati nel mondo a causa del coronavirus. Gli operatori turistici al momento stanno facendo del loro meglio per rimpatriarli, mentre la Helpline del DFAE riceve diverse centinaia di chiamate al giorno.

«Abbiamo ancora parecchi clienti all'estero che vorrebbero rientrare in Svizzera. Facciamo il possibile per trovare loro dei voli», ha spiegato a Keystone-ATS Bianca Gähweiler, portavoce di Hotelplan Svizzera. Se fosse necessario, l'agenzia di viaggio si occupa pure del loro alloggio.

Quando voli regolari sono modificati o annullati, «cerchiamo una soluzione per i clienti», ha precisato da parte sua TUI Suisse. Il tour operator è in contatto con i clienti e «si prende cura di loro».

Il DFAE esorta a tornare a casa - Ieri il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha esortato gli Svizzeri che si trovano all'estero in questo momento di crisi a tornare a casa al più presto per evitare di rimanere bloccati.

Non tutti i turisti elvetici si sono però annunciati presso le ambasciate o la piattaforma "Itineris" del DFAE, hanno indicato oggi i servizi di Ignazio Cassis. "Itineris" consente di localizzare e contattare le persone iscritte in caso di crisi grave all'estero.

Marocco, Sudafrica e Ucraina - La situazione è particolarmente delicata in Marocco, precisa il DFAE. Interventi a livello politico sono stati necessari per facilitare un ritorno degli Svizzeri bloccati nel Paese del Nordafrica. Si è potuto organizzare diversi voli charter da parte di compagnie aeree basate in Svizzera. Essendo tali voli di natura commerciale, i turisti sono responsabili delle prenotazioni e devono assumersi le spese, ricorda il dipartimento di Ignazio Cassis.

Anche le rappresentanze elvetiche in Sudafrica e Ucraina sono in contatto con i cittadini svizzeri e le autorità locali per determinare in che misura la Confederazione possa dare loro il proprio sostegno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Il treno color rame che diventa una star
Si chiama Traverso e da qualche tempo lo si nota anche nella Svizzera italiana. Ecco da dove arriva.
FOTO
CANTONE
1 ora
La sfida lanciata agli artisti, ogni spazio può fare museo
Adriana Bock Schmitt impegnata a promuovere gli artisti del nostro cantone attraverso il progetto creattivati.ch
BELLINZONA
1 ora
Migliaia di api uccise: «Cattiveria e stupidità non hanno limiti»
Il fatto è accaduto sui Monti di Marno, sopra a Carasso. L'apicoltore: «Sporgerò denuncia, ma non mollo e vado avanti».
CANTONE
10 ore
Tre condanne per gli scontri alla Valascia
Due ticinesi e un vodese si sono visto comminare una pena pecuniaria per i fatti avvenuti il 14 gennaio del 2018.
LUGANO
13 ore
Un testamento da 16 milioni, ma per il Tf è carta straccia
Dopo una battaglia durata decenni il Tribunale federale respinge un documento datato 1936 ritrovato in un cassetto
LOCARNO
15 ore
Festino alle medie, il docente licenziato ricorre al Tram
La decisione dell'ex insegnante di storia e italiano è stata comunicata dal suo legale, l'avvocato Carlo Borradori.
CANTONE
16 ore
Raddoppiano gli aiuti Ponte Covid
Da giugno l'importo massimo del primo richiedente sarà aumentato a 2'000 franchi.
LUGANO
16 ore
Giovane ammanettato al Maghetti, due agenti sotto accusa
Nei confronti di due poliziotti della Città di Lugano sono state proposte condanne a pene pecuniarie e multe.
FOTO
LUGANO
18 ore
Cristiano Ronaldo a Lugano in segreto
L'attaccante della Juventus sulle rive del Ceresio per uno spot. Non è passato inosservato.
CANTONE
21 ore
Sono 60 i nuovi positivi in Ticino, ma nessun decesso
Nei nosocomi ticinesi si contano attualmente 5 ammissioni e 5 dimissioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile