Tipress
CHIASSO
14.03.20 - 17:170

Dogane, rifiutato l'ingresso a 228 persone

«I controlli alle frontiere funzionano bene» ha dichiarato il direttore dell'Amministrazione federale delle dogane

CHIASSO - La reintroduzione temporanea dei controlli alle frontiere interne allo spazio Schengen relativamente al confine italo-svizzero, decisa ieri dal Consiglio federale, finora funziona bene, ritiene il direttore dell'Amministrazione federale delle dogane (AFD), Christian Bock.

L'alto funzionario ha stilato oggi un primo bilancio delle nuove disposizioni, in vigore da ieri alle 15.30, in una conferenza stampa al valico di Chiasso-Strada. Da allora, l'ingresso dall'Italia è consentito solo ai cittadini elvetici, alle persone con un permesso di soggiorno nella Confederazione e a quelle che devono recarsi in Svizzera per motivi professionali.

Il numero dei veicoli privati diretti dall'Italia al Ticino è diminuito del 60%, ha affermato Bock. Sabato mattina, 288 persone si sono viste rifiutare l'ingresso.

Nove piccoli valichi di frontiera tra il cantone sudalpino e la vicina Penisola sono stati chiusi. In tutti gli altri vengono ora effettuati controlli sistematici. Come finora, le guardie sono attive anche più lontano dal confine e monitorano la frontiera verde.

Per il momento ai valichi di frontiera con Germania, Francia e Austria non sono state prese precauzioni specifiche in relazione al coronavirus. Tuttavia, le autorità stanno cercando di impedire un possibile riorientamento del traffico.

Lo scopo principale delle restrizioni all'ingresso è quello di proteggere la popolazione svizzera dall'infezione da coronavirus e di mantenere la capacità del sistema sanitario. Esse partecipano anche all'efficacia della normativa italiana contro la diffusione della malattia Covid-19.

Il Consiglio federale segue costantemente la situazione e, se necessario, applicherà le limitazioni all'entrata in Svizzera a viaggiatori provenienti da altri paesi o regioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
RIAZZINO
6 ore
Il Vanilla si ferma dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
LUGANO
10 ore
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
11 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
13 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
14 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
18 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
18 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
20 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
20 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
LOCARNO
22 ore
«Ecco l'idea che libererà le valli dai campeggiatori selvaggi»
L'app "parknsleep.eu" vince il premio per l'innovazione del turismo svizzero. E sbarca anche in Ticino.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile