Tipress
CHIASSO
14.03.20 - 17:170

Dogane, rifiutato l'ingresso a 228 persone

«I controlli alle frontiere funzionano bene» ha dichiarato il direttore dell'Amministrazione federale delle dogane

CHIASSO - La reintroduzione temporanea dei controlli alle frontiere interne allo spazio Schengen relativamente al confine italo-svizzero, decisa ieri dal Consiglio federale, finora funziona bene, ritiene il direttore dell'Amministrazione federale delle dogane (AFD), Christian Bock.

L'alto funzionario ha stilato oggi un primo bilancio delle nuove disposizioni, in vigore da ieri alle 15.30, in una conferenza stampa al valico di Chiasso-Strada. Da allora, l'ingresso dall'Italia è consentito solo ai cittadini elvetici, alle persone con un permesso di soggiorno nella Confederazione e a quelle che devono recarsi in Svizzera per motivi professionali.

Il numero dei veicoli privati diretti dall'Italia al Ticino è diminuito del 60%, ha affermato Bock. Sabato mattina, 288 persone si sono viste rifiutare l'ingresso.

Nove piccoli valichi di frontiera tra il cantone sudalpino e la vicina Penisola sono stati chiusi. In tutti gli altri vengono ora effettuati controlli sistematici. Come finora, le guardie sono attive anche più lontano dal confine e monitorano la frontiera verde.

Per il momento ai valichi di frontiera con Germania, Francia e Austria non sono state prese precauzioni specifiche in relazione al coronavirus. Tuttavia, le autorità stanno cercando di impedire un possibile riorientamento del traffico.

Lo scopo principale delle restrizioni all'ingresso è quello di proteggere la popolazione svizzera dall'infezione da coronavirus e di mantenere la capacità del sistema sanitario. Esse partecipano anche all'efficacia della normativa italiana contro la diffusione della malattia Covid-19.

Il Consiglio federale segue costantemente la situazione e, se necessario, applicherà le limitazioni all'entrata in Svizzera a viaggiatori provenienti da altri paesi o regioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
«Sei anni che vivo ad Airolo, ma non mi rinnovano il permesso»
Il racconto di uno dei lavoratori a cui è stato negato il rinnovo del "patentino" LAPIS.
CANTONE
3 ore
Prostituzione in hotel o a domicilio: «Non è illegale»
Una sentenza ha assolto due escort accusate di esercizio illecito della prostituzione.
CONFINE
6 ore
Scontro in galleria, quattro i feriti di cui uno grave
All'origine dell'incidente forse un sorpasso.
CANTONE
6 ore
Altre due classi in quarantena
La misura è scattata per allievi del CPT di Trevano e del Liceo di Bellinzona
CANTONE
8 ore
Falso nipote in manette
Si tratta di un 26enne che in almeno sei occasioni sarebbe riuscito a farsi consegnare denaro o gioielli
CANTONE
13 ore
In Ticino 137 nuovi casi
I dati aggiornati dall'Ufficio del medico cantonale. Nessun decesso nelle ultime 24 ore
LUGANO
14 ore
«Senza mascherina, niente scuola per mio figlio»
Covid alle medie. Silvana Pagani è una mamma di Barbengo che si fa portavoce di un appello al DECS.
CANTONE 
16 ore
Meno parti prematuri nella bolla del lockdown
Le risposte della dottoressa Petra Donati-Genet ai molti dubbi che assillano le mamme
CUGNASCO
16 ore
Infarto in casa, salvato da due idraulici-eroi
È successo a Cugnasco. Un 73enne soccorso dalla Rega, ma provvidenziale l'intervento di due "eroi per caso"
BELLINZONA
16 ore
In Ticino si studia la cura per il Covid
Novanta pazienti avranno la possibilità di assumere un farmaco ormonale che viene usato contro il tumore alla prostata.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile