foto DI
+ 15
OLIVONE
13.02.20 - 12:160
Aggiornamento : 13:42

Auto e camper travolti da una valanga (per finta)

Sul passo del Lucomagno un'esercitazione spettacolare della Protezione civile. Ecco le immagini

Fonte Dipartimento delle Istituzioni
elaborata da Davide Illarietti
Giornalista

OLIVONE - L’allarme è scattato con una telefonata al 117 alle ore 18.55 ieri sera, mercoledì. Un automobilista che stava percorrendo il passo del Lucomagno ha visto davanti a sé la carreggiata invasa da una valanga. Immediatamente la polizia ha avvertito tutti gli enti interessati. Sono partiti i soccorsi, perché sotto la valanga era sicura la presenza di almeno una vettura. Per fortuna tutto si è risolto al meglio: si trattava di un’esercitazione.

Con lo scopo di testare la prontezza d’intervento a seguito di un avvenimento lungo la strada del Passo del Lucomagno la Pro Lucomagno, responsabile per la gestione della strada nel periodo invernale, ha proposto ieri, mercoledì 12 febbraio dalle 18.00 alle 23.30, un esercizio di salvataggio in scala 1:1. L’operazione ha coinvolto i partner della protezione della popolazione e conseguentemente le strutture di condotta e il personale preposto al salvataggio. Questi ultimi hanno dovuto operare in uno scenario che prevedeva, appunto, la caduta di una valanga lungo la strada del Passo, con il coinvolgimento di un’auto e di un camper.

L'esercizio, diretto da un quadro superiore della Polizia cantonale in stretta collaborazione con il Servizio della protezione della popolazione del Dipartimento delle istituzioni, ha visto l'impiego di un’ottantina di soccorritori provenienti dagli Enti partner della protezione della popolazione, oltre che di figuranti (messi a disposizione della Scuola Svizzera di Sci Blenio, per simulare i passeggeri dei veicoli) per rendere il tutto verosimile.

In particolare hanno collaborato: la Polizia cantonale, i corpi pompieri di Biasca e di Blenio, i servizi d’autoambulanza, l’organizzazione di protezione civile delle Tre Valli, il soccorso alpino svizzero, la REGA, la Pro Lucomagno con il proprio personale del servizio tecnico e il Centro di sci nordico di Campra (aspetti logistici).  

Grazie allo scenario predisposto si è potuto testare l’attivazione della catena d’allarme e allenare il coordinamento, così come la condotta di un dispositivo d’urgenza al fronte, denominato SMEPI (Stato maggiore degli enti di primo intervento). La direzione d’esercizio ha messo l’accento sulle modalità (tecnico/tattiche) di intervento e sulle capacità di condotta, quali elementi fondamentali per riuscire ad affrontare questo genere di situazioni.  

L'esercitazione, organizzata nell'ambito delle attività della Commissione dell'istruzione della protezione della popolazione (CT istr PP), ha avuto un riscontro molto positivo e ha permesso d’identificare alcuni spunti di miglioramento che verranno ora elaborati e conseguentemente implementati.   

foto DI
Guarda tutte le 18 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LOSONE
2 ore
Valigia sospetta, isolata la zona attorno alla Raiffeisen
È successo questa mattina verso le 8.30. Un uomo con volto coperto avrebbe preso a calci la borsa
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
2 ore
Volo di 6 metri nel teatro, rischia la vita
Grave un addetto alla manutenzione. Da chiarire le cause dell'incidente
CANTONE
2 ore
Coronavirus: «Necessari esami rapidi, il Ticino sarà d'esempio»
Lo specialista basilese: «La chiusura delle frontiere o i controlli alle dogane sono inutili»
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
3 ore
Boato a scuola: usato un ordigno "da bancomat"
Tra le ipotesi al vaglio quella di una sorta di "test" dell'esplosivo. I danni? Tra i 30 e i 50 mila franchi
LUGANO
3 ore
Da Lugano a Zurigo: ecco come nasce un ingegnere gestionale
Mattia Ceraudo ha 29 anni. Da piccolo voleva fare il calciatore. Dopo la Supsi è andato a Rotterdam. Oggi è un manager
CAPRIASCA
4 ore
Il coronavirus mette a rischio il carnevale
Gli organizzatori dei festeggiamenti di Tesserete si dicono pronti ad annullare l'evento «qualora fosse richiesto»
BRIONE SOPRA MINUSIO
5 ore
Gli asini scappano, interviene la protezione animali
Irregolarità sulla gestione delle bestie? Partita la segnalazione di routine al veterinario cantonale
VIDEO
MERIDE
6 ore
Voglio andare alla Posta a pagare con i fossili, ma non si può
Le agenzie postali si stanno infilando ovunque. Anche alla RSI. Quella di Comano, però, non è stata la prima follia
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
13 ore
Il Coronavirus non ferma il Rabadan
Nel giorno del “primo caso in Ticino” si chiude la 157edizione del carnevale. Il video di Tio/ 20Minuti tra la gente
CANTONE
14 ore
Coronavirus, nel caos c’è chi diffonde fake news
Sono stati diffusi alcuni nostri articoli volontariamente modificati. Seguite i canali ufficiali
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile