Lettore tio/20minuti
+3
CANTONE / CINA
29.01.20 - 16:190
Aggiornamento : 30.01.20 - 08:49

Una ticinese a Shanghai: «Una settimana chiusa in casa nel terrore»

Lisa studia economia in Cina. Tra paure e speranza racconta come si sta vivendo l'epidemia che ha già mietuto diverse vittime

SHANGHAI - Un misto di «terrore, depressione e rassegnazione». È questo lo stato d'animo di Lisa, ticinese di Gudo trapiantata a Shanghai, che da più di due settimane vive da vicino l'angosciante preoccupazione di un popolo messo di fronte all'epidemia di coronavirus, potenzialmente mortale.

L'impatto con la notizia, per la giovane che è lì a studiare economia, non è stato dei più morbidi. «Mi sono chiusa dentro casa e non sono uscita per una settimana», ammette. Oggi, finalmente, ha trovato il coraggio per mettere il naso fuori dal suo appartamento. «C'era il sole. Sono uscita a fare un giro».

Boom di contagi - Lisa cerca di stemperare le preoccupazioni, e sembra quasi voler rassicurare sé stessa quando afferma che «la situazione non è grave come la dipingono». Subito dopo, però, aggiunge: «Tra ieri e oggi c'è stato un boom di contagi, sono quasi raddoppiati. Non è divertente come situazione».

Il problema delle mascherine - La paura è generalizzata in Cina. Lo dimostrano le foto di strade semi deserte inviate dalla ragazza: «Chiunque incontri indossa la mascherina. Molti anche i guanti. La gente ha preso precauzioni». Reperire queste mascherine, però, sta diventando un'impresa: «Nelle farmacie ci sono le code. E rischi di arrivare che è già tutto esaurito».

Le misure di sicurezza non si limitano a un pezzo di stoffa sulla bocca. Nei centri commerciali, ad esempio, del personale addetto misura la temperatura ai clienti in entrata: «E tutti i dipendenti indossano sia guanti che mascherine».

L'app sui contagi - Il governo cinese, intanto, sta cercando di limitare i danni e di monitorare attentamente la situazione. «È stata istituita un'app che fornisce i dati relativi ai contagi per ogni quartiere della città. Nel mio, ad esempio, i casi accertati sono almeno tre».

Il problema del riccio Gordis - Lisa, ovviamente, ha pensato di tornare in Ticino, ma a trattenerla lì è il suo animale domestico: «Ho un riccio, Gordis. Fosse stato un cane avrei potuto metterlo in una pensione, ma così...».

Lezioni sospese - Anche le lezioni, per il momento, sono sospese: «La mia Università ci contatta quotidianamente per informarsi sul nostro stato di salute. Le lezioni dovevano riprendere il 20, ma sono state posticipate al 29. E forse lo saranno ancora. Gli studenti che si trovano all'estero vengono invitati a rimanere dove sono».

Corsa agli approvvigionamenti - Con il panico e la gente che si chiude in casa è, ovviamente, anche corsa agli approvvigionamenti: «I negozi verso sera sono vuoti. Le verdure sono le prime a finire. C'è chi va a fare la spesa con la valigia. Tuttavia rischi di rimanere senza cibo per il momento non ci sono, ma è evidente lo stato d'emergenza».

Lettore tio/20minuti
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / VATICANO
4 ore
Fondi vaticani, le "carte di Lugano" per chiarire lo scandalo
I documenti potrebbero portare a una svolta nelle indagini sul caso del "palazzo di Londra".
FOTO
MENDRISIO
8 ore
Qui solitudine e isolamento degli anziani si combattono da 30 anni
Il Servizio Anziani Soli, istituito a Mendrisio nel 1990, è tuttora un unicum a livello ticinese.
CANTONE
10 ore
Radar accesi su quattro distretti
La prossima settimana i controlli mobili colpiranno Bellinzona, Locarno, Lugano e Mendrisio.
CANTONE
11 ore
2'300 firme per avere «più corse nelle tratte affollate»
Covid-19 e trasporto pubblico: il SISA ha consegnato oggi alle autorità le firme raccolte con una petizione online.
CANTONE
14 ore
Cantieri e misure anti-Covid: «Scenario desolante»
Il sindacato Unia ha presentato un'analisi dettagliata del fenomeno, analizzando la situazione su 132 cantieri.
FOTO E VIDEO
LUGANO
14 ore
Liceo evacuato per un principio d'incendio
Ad aver preso fuoco sarebbe un albero di Natale. Le fiamme sono state rapidamente domate dai pompieri.
VIDEO
CANTONE
16 ore
«Cosa ci aspetta ora?»
Giorgio Merlani in un video prospetta tre scenari per l'evoluzione della pandemia nel nostro cantone.
CANTONE
17 ore
«Siamo in una fase di stabilizzazione, ma gli ospedali restano sotto pressione»
Il Medico cantonale Giorgio Merlani ha commentato l'evoluzione dei dati.
CANTONE
17 ore
Più pazienti dimessi che ricoveri
Nelle ultime 24 ore l'Ufficio del medico cantonale ha registrato altri 279 contagi.
CANTONE
19 ore
«Si sospendano i termini per il referendum sul CO2»
La Gioventù Comunista chiede che il Consiglio federale garantisca i diritti politici
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile