Immobili
Veicoli
Compravano al Fox Town e rivendevano ai cinesi
GDF COMO
Un cittadino cinese acquistava abiti e accessori al Fow Town e li portava in Italia senza dichiararli.
+1
CANTONE / ITALIA
27.01.20 - 08:000
Aggiornamento : 10:16

Compravano al Fox Town e rivendevano ai cinesi

La Guardia di Finanza ha scoperto un contrabbando di capi griffati tra il 2017 e il 2018 per un valore di 1 milione di euro, senza versamento dei dazi

COMO - Entrava quotidianamente in Svizzera passando dai valichi di Brogeda e Bizzarone. Andava in un “noto centro commerciale di Mendrisio (prevedibilmente il Fox Town, ndr.) e acquistava vestiti e accessori di marca. Poi, rientrava in Italia senza dichiarare nulla in dogana. E rivendeva tutto a cittadini cinesi, su territorio italiano e all’estero. È un contrabbando per oltre un milione di euro quello scovato dalla Guardia di Finanza di Como.

La “soffiata” è arrivata tramite una telefonata al 117. Gli appostamenti in dogana hanno permesso di ricostruire i movimenti del cittadino cinese “extracomunitario” che quotidianamente, a Mendrisio, acquistava scarpe, borse, occhiali, cappotti, cinture, camicie, impermeabili, pantaloni. E ai valichi, rientrando in Italia, non dichiarava nulla, in completa evasione dei dazi e dell’Iva.

Nella sua abitazione, a Legnano (Milano), i militari hanno trovato 300 capi di Gucci, Burberry, Prada, Salvatore Ferragamo, Yves Saint Laurent, Dolce&Gabbana, Valentino, Armani e Versace. Merce per un valore di 400’000 euro, tutti acquistati nel 2018 e destinati a clienti residenti in Cina.

L’uomo, è emerso, aveva anche due complici, anch’essi asiatici. L’illecita “impresa” consisteva nell’acquisto su territorio svizzeri dei capi griffati, l’importazione in Italia senza dichiarazione doganale e la rivendita. I clienti erano connazionali residenti in Italia ma anche all’estero. A loro vestiti e accessori venivano spediti, dopo avere ricevuto un acconto di garanzia con Alipay, piattaforma di pagamento online. La merce raggiungeva la Cina anche all’interno di comuni valigie nei viaggi di ritorno in patria di cittadini cinesi, in Italia con visto turistico temporaneo.

Presso le residenze ufficiali dei tre indagati, a Montebelluna (Treviso) e Gambellara (Vicenza), la Guardia di finanza ha rinvenuto documentazione fiscale di ulteriori acquisti di merce di contrabbando, per un valore di 600'000 euro. Tutti effettuati a Mendrisio. Tra il 2017 e il 2018 lo shopping in Ticino ha raggiunto il milione di euro.

I tre cittadini cinesi sono stati denunciati per contrabbando aggravato e auto-riciclaggio.

GDF COMO
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
9 ore
Pronzini: «Questa candidatura è una provocazione»
L'MPS chiederà il rinvio della nomina del CdM ad hoc prevista lunedì in Parlamento
CANTONE
12 ore
Caos ferroviario a causa di un guasto
Sulla rete ferroviaria ticinese treni soppressi o in ritardo. La perturbazione è terminata
AGNO
13 ore
La Fiera di San Provino salta (di nuovo)
Per il terzo anno consecutivo il tradizionale evento di Agno, previsto a marzo, non si terrà.
FOTO
CANTONE
17 ore
La moglie faceva il palo, lui contrabbandava prosciutti
Il Tribunale amministrativo federale ha fornito nuovi dettagli sul modo di agire di un contrabbandiere fermato nel 2017.
CANTONE
19 ore
Meno positivi, ma quattro i decessi
I nuovi positivi sono poco più di mille. Cala anche il numero dei ricoveri, ma non nelle terapie intensive.
CANTONE / SVIZZERA
20 ore
Il Tavolino Magico torna a pieno regime
Dopo un 2020 complicato, l'anno scorso l'associazione ha salvato e distribuito 5'182 tonnellate di cibo in Svizzera.
CANTONE
21 ore
«Si controlli l'effettivo pluralismo dei media»
Una mozione dei comunisti chiede al Cantone di monitorare annualmente TV, radio e le testate giornalistiche ticinesi.
CANTONE
21 ore
Stipendio dimezzato: «Siamo sommersi dai debiti»
Basta un licenziamento, e una famiglia può finire al limite dell'auto-fallimento. Il caso di una coppia del Luganese
LOCARNO
22 ore
«Il test rapido ci stava regalando una falsa certezza»
Sempre più dubbi su come si va a caccia del Covid. Il caso di una coppia negativa al primo esame, positiva col PCR.
CANTONE
1 gior
Delitto di Muralto, si va in appello
Lo scorso 1. ottobre l'imputato era stato condannato a diciotto anni di carcere
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile