Facebook
LOCARNO
22.11.19 - 16:400

Lettere anonime a Dadò: «È la 150esima. Un'ossessione»

Da anni uno stalker l'avrebbe preso di mira. «Invito questa persona a dedicare il suo tempo ad altro e a sé stesso. Probabilmente ne ha bisogno»

LOCARNO - Ben 150 lettere. Anonime. Il contenuto? «Minacce e pensieri sconnessi rivolti a me, ma anche alla mia famiglia». È con un post su Facebook che Fiorenzo Dadò ha voluto, in qualche modo, togliersi un sassolino dalla scarpa, o meglio un peso. Lo ha fatto con un'immagine che è anche un gesto simbolico: quello di cestinare l'ennesima missiva.

«Oggi le mie segretarie mi consegnano la centocinquantesima lettera anonima da quando faccio politica - scrive il presidente del PPD sul social network -. Una consuetudine. Che mi accompagna da tempo», aggiunge.

Quindi cerca di buttarla nello scherzo, con un pizzico di amara ironia: «In questo spazio così corto che è la nostra vita, quanto angoscioso ossessivo pensiero dedicato a me, e quanto prezioso respiro, quanto irripetibile tempo oramai andato per il proprietario del mental disorder. Mi scuso per la mia profonda ingratitudine, per non saper apprezzare tutta questa immensità vitale. Mi cospargo il capo di cenere per tanta generosità e gioiosa attenzione finita con sistematica costanza (naturalmente chiusa) direttamente nel piccolo e umile cestino».

Chi sarà mai lo stalker? «In questi anni di queste lettere ne ho ricevute una valanga - ci conferma al telefono -. Negli ultimi due si sono intensificate. Ormai non le apro neanche più». Dadò spiega di avere indizi circa la fonte, ma di avere intenzionalmente scelto di lasciar correre: «Da quanto sono riuscito a capire, trattasi di una persona evidentemente disturbata. Ho creduto opportuno evitare di infierire».

In qualche modo, tuttavia, il post ha voluto un po' significare che la botte è quasi piena: «È ora che questa persona si occupi di altro», aggiunge. «In caso contrario mi vedrò costretto a rivolgermi ai servizi sociali».

Di fatto Dadò non sembra avere intenti belligeranti, almeno per il momento: «Alla fine non ho ben capito cosa voglia da me questa persona. Le lettere? Non sono in grado di decifrarle fino in fondo. Bisognerebbe domandare a uno psichiatra».

Il suo è anche un appello: «Abbiamo tutti famiglia e vogliamo stare tranquilli. Per il momento mi limito a mandarle a Giubiasco (all'inceneritore n.d.r.). Invito questa persona a dedicare il suo tempo ad altro e a sé stesso. Probabilmente ne ha bisogno».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BISSONE
38 min
Operaio ferito questa mattina a Bissone
Sarebbe stato schiacciato dal materiale usato per i lavori.
CANTONE
1 ora
Contagi sotto la decina nel weekend
Colpisce il numero delle ospedalizzazioni: il 50% di coloro che sono stati trovati positivi
LOCARNO
3 ore
Stalkerizzata dalla ditta di incasso
Vicenda surreale per una giovane, dopo un acquisto online. Regolarmente pagato. I retroscena.
CANTONE
5 ore
Giovani in ansia durante il Covid
Pro Juventute ha potenziato il suo 147 con la chat: «Siamo stati contattati da ragazzi sofferenti per i lutti da Covid»
PURA
11 ore
«Il mio viaggio di 23mila km, senza prendere un aereo»
Una giovane donna ticinese ha scelto di percorrerli da sola per mettersi in gioco e superare i suoi limiti
CANTONE
13 ore
Rientro a scuola: ecco i tre scenari
Il Decs sta studiando un piano per settembre. Bertoli: «Gli istituti dovranno essere pronti»
CANTONE
13 ore
«Per battere il Covid, un treno ogni 15 minuti»
L'associazione dei passeggeri Astuti fa una serie di proposte alle FFS. «In Ticino si può osare di più»
GORDOLA
13 ore
Scomparso e ritrovato: «Soffre di problemi psichici»
I familiari del 34enne disperso sui Monti Motti raccontano alcuni dettagli
CANTONE
15 ore
Tamponamento tra un'auto e una moto a Lumino
Il giovane centauro è stato trasportato in ospedale per i controlli del caso
VERZASCA
15 ore
La Verzasca come in tangenziale
Il turismo interno congestiona le valli. I residenti: «Ostaggio dei turisti, basta». C'è chi pensa di dosare gli ingressi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile