BELLINZONA
19.09.19 - 16:080
Aggiornamento : 16:54

Radar a Camorino: «Un'auto su tre andava troppo forte. 160 multe in un'ora»

Il Comandante Ivano Beltraminelli sulla polemica: «Quel radar rilevava la velocità a ben 60 metri dal cartello. Abbiamo agito nella legalità»

3 sett fa «La Polcom è di nuovo sulla bocca di tutti e non è una novità»
3 sett fa Anche il PS condanna il radar di Camorino: «Così si creano inutili attriti con la polizia»
3 sett fa Radar a Camorino: «Nessuna distanza minima dal cartello?»

BELLINZONA - Sono 160. In un'ora. Il 30% dei veicoli transitati di fronte al radar posizionato sotto il ponte della ferrovia di Camorino andavano oltre la velocità consentita. E saranno quindi multati.

«Un controllo effettuato lunedì e non ieri, come scritto da tutti», precisa il comandante della Polizia comunale Ivano Beltraminelli. «Un numero importante - sottolinea -. Piuttosto che sollevare polemiche dovrebbe far riflettere sul perché, magari, è stato posizionato un radar in quel tratto di strada».

L'automobilista meno virtuoso si è spinto ad 84 chilometri orari (su limite di 50 km/h): «Ma è la percentuale che preoccupa», prosegue Beltraminelli. Dal canto suo il comandante non nasconde di aver accusato il colpo per le polemiche sollevate da più parti, ma si dice tranquillo: «Abbiamo agito nella legalità».

Sulla vicinanza del radar al cartello che segnava la fine del limite dei 50 km/h quindi aggiunge: «A volte si commenta senza sapere come stanno realmente le cose. Il radar rilevava le auto a 60 metri da quel cartello».

Il Comandante mette a tacere chi giustifica "l'accelerata" per adeguarsi alla velocità consentita dopo il cartello: «Assurdo. Gli 80 chilometri orari dopo il segnale stradale sono la velocità massima consentita, non la minima. Se si arriva ad 80 già sul cartello dopo a quanto si andrà?».

Beltraminelli non nega che ci sarà una riflessione su quanto accaduto: «I controlli servono anche a questo. Magari il limite su quel tratto di strada è troppo basso. Si vedrà. Ciò non toglie la validità delle infrazioni rilevate».

Sul fare cassetta taglia corto: «A noi non entra in tasca nulla e nemmeno all'agente che effettua i controlli. Questa è la prova che non abbiamo alcun vantaggio a posizionare i radar, ma solo rogne».  

«In ogni caso - conclude -, io non sapevo che era stato piazzato lì. Ci sono persone predisposte per effettuare le dovute valutazioni prima della posa del radar. Io non vengo certo informato. Anche per non essere accusato di evitare di essere multato a mia volta».

3 sett fa Gobbi sul radar di Camorino: «Lo scopo preventivo è quantomeno discutibile»
4 mesi fa «I nostri controlli radar sono mirati e di corta durata»
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore

Parapiglia fra giovani calciatori (e genitori), la palla ora passa alla Federazione

Dopo alcuni fatti avvenuti sabato scorso in coda a una partita di Allievi B, il Raggruppamento Castello-Coldrerio ha inoltrato un rapporto alla FTC

FOTO
LUGANO
2 ore

Sbaglia manovra e cade dal tornante

Solo qualche graffio per l'automobilista

FOTO E VIDEO
BEDANO
6 ore

Restano solo macerie. Una vicina: «Sono scioccata»

Non ha ancora un nome la vittima del rogo di via Val Barberina. Per saperne di più bisognerà attendere l'identificazione formale

CANTONE
6 ore

Tempo a yo-yo e allerta pioggia di livello 3

In Ticino sono attesi 70-100 mm, con punte locali fino a 140 mm in Alta Vallemaggia, Leventina, Locarnese e Valle Verzasca

FOTO E VIDEO
BEDANO
8 ore

Il silenzio della notte è stato rotto da un boato

Fuori dalla ditta in cui è scoppiato l'incendio questa notte è rimasto solo un furgone. Metà veicolo è stato mangiato dalle fiamme

BELLINZONA
8 ore

Donna morta al Tertianum, nessuna responsabilità per la struttura

Per diminuire ulteriormente i rischi tutti i futuri appartamenti verranno muniti di rilevatori anti-fumo

FOTO E VIDEO
BEDANO
9 ore

Scoppia un incendio nella ditta di vernici, un morto

La vittima sarebbe un collaboratore, travolto da una fiammata quando ha aperto la porta del magazzino

CANTONE
10 ore

Funerali a 3'500 franchi, così 8 su 10 si fanno bruciare

La Svizzera è al primo posto in Europa per l'usanza di cremare i defunti. I numeri sono crescita nel nostro cantone, dove i servizi sono aperti alle salme d'oltreconfine

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile