Lo jihadista è lo svizzero-turco Ümit Y.
CANTONE
11.09.19 - 16:410
Aggiornamento : 12.09.19 - 08:07

Cittadinanza svizzera revocata, lo jihadista è l'ex agente di Argo1

L'uomo, il 34enne Ümit Y., frequentava la moschea di Viganello. Tra il 2014 e il 2017 aveva provato a reclutare attivisti tra Lugano, Como e Reggio Emilia

LUGANO - Per la prima volta il Governo federale ha deciso di revocare la cittadinanza svizzera a una persona con doppia cittadinanza. Questo è possibile qualora la condotta di una persona che possiede anche la cittadinanza di un altro Stato sia pregiudizievole agli interessi e quindi alla sicurezza della Svizzera.

Secondo una ricerca di 20 Minuten, lo jihadista in questione è lo svizzero-turco Ümit Y.* (34 anni), tra l'altro l'ex agente di Argo 1. L'uomo è stato condannato nell'agosto del 2017 dal Tribunale penale federale di Bellinzona a due anni e mezzo di reclusione, di cui sei mesi da scontare. L'accusa? Avere operato come "indottrinatore" e "radicalizzatore" per il gruppo fondamentalista islamico Jabhat Al-Nusra.

Attivo anche in Ticino - L'uomo, tra il gennaio 2014 e il febbraio 2017 ha anche provato a reclutare 10 persone per la jihad in Siria tra Lugano, Como e Reggio Emilia.

Dato che Y. aveva già scontato gran parte della condanna al momento del verdetto, come riporta la "Schweiz am Wochenende", era stato rilasciato per buona condotta. Dichiaratosi pentito, aveva affermato di essere alla ricerca di un lavoro per pagare le spese legali di 133.000 franchi.

Gli amici lo descrivevano come integrato - In seguito all'arresto, gli amici avevano descritto Y. come «super integrato». Frequentava spesso la moschea di Viganello a Lugano e qui si presentava con la divisa dell'agenzia di sicurezza per cui lavorava.

«Ultimamente parlava spesso di Islam e Turchia», aveva riferito un amico. Ma non aveva mai espresso opinioni estreme. «Non abbiamo mai pensato che si sarebbe radicalizzato».

Le autorità stanno attualmente indagando su casi simili.

«Spetta ora alle autorità cantonali della migrazione esaminare le condizioni di residenza e, se necessario, revocare il permesso di domicilio dell'interessato. Successivamente, la persona può essere espulsa», afferma Daniel Bach, capo delle informazioni presso la segreteria di Stato per la migrazione.

*nome noto alla redazione

1 mese fa Appartiene a un’organizzazione terroristica: perde la cittadinanza svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
MEZZOVICO
1 ora

Centra la rotonda e si ribalta sul tetto

Un conducente proveniente dalla Spagna ha perso il controllo della sua Citroen all'entrata di Mezzovico questa sera. Nell'incidente ha riportato ferite apparentemente non troppo gravi

LUGANO
2 ore

Festeggia il compleanno al bowling: gli rubano tutti i regali

Singolare furto in uno dei più noti locali ricreativi del Luganese. La mamma del bimbo: «Video sorveglianza scadente». La replica: «Non siamo baby sitter»

CANTONE
4 ore

Solo qualche pioggia all'orizzonte

Prosegue questa tendenza a giornate miti e sostanzialmente prive di precipitazioni, a parte una parentesi tra martedì e mercoledì

FOTO VIDEO E SONDAGGIO
LUGANO
6 ore

"Lugano migliore", scoppia la polemica

Piazza Riforma negata al corteo: critiche ai municipali per la loro politica poco ecologista

FOTO E VIDEO
BREGGIA
6 ore

Il sole bacia la sagra della castagna di Caneggio

Con 40 espositori e 20 artigiani, la piccola frazione della Valle di Muggio ha accolto oggi diverse centinaia di visitatori all'interno di una ventina di corti storiche

FOTO E VIDEO
BLENIO
7 ore

L'auto esce dal posteggio, il centauro vola a terra

Sul posto i soccorritori di Tre Valli Soccorso e la Polizia

FOTOGALLERY
CANTONE
10 ore

Ecco chi sono i 9 migliori apprendisti ticinesi

Incoronati i campioni ai TicinoSkills 2019. Una sessantina i partecipanti nelle competizioni in programma. Ed ora si vola ai campionati nazionali SwissSkills 2020

CANTONE
12 ore

Lugano Airport, il "salvatore" è un cavaliere dell'impero?

Il privato interessato allo scalo luganese avrebbe un nome, è l'ex Ceo di L’Oréal

FOTO
LUGANO
1 gior

Il mercato delle cipolle non è solo a Berna

Tante persone hanno partecipato quest'oggi al tradizionale evento autunnale svoltosi in Piazza Manzoni a Lugano

FOTO E VIDEO
BELLINZONA
1 gior

Oltre 200 persone per la pace in Siria: «Fermiamo Erdogan»

La manifestazione, svoltasi nella calma e senza incidenti di rilievo, è andata in scena questo pomeriggio nelle strade della capitale: «Ci opponiamo all'aggressione immotivata al popolo curdo»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile