Tipress (archivio)
LUGANO
04.09.19 - 10:350
Aggiornamento : 11:20

Predava la figliastra in salotto, davanti alla tv

Un sessantenne ticinese a processo davanti alle Assise criminali per ripetuti atti sessuali su una minorenne. I reati avvenivano in casa, mentre la moglie era assente

LUGANO - Un crescendo di atti sessuali nei confronti della vittima minorenne iniziato nel novembre 2016 e protrattosi fino all’agosto 2018. È una cronaca di violenze con oggetto la figliastra quello ricostruito stamane in aula penale a Lugano dove un 60enne viene processato davanti alla Corte delle assise criminali di Locarno. Nei suoi confronti sono contestati i reati di atti sessuali con fanciulli, ripetuti; coazione sessuale, ripetuta; atti sessuali con persone incapaci di discernimento o inette a resistere. Quest’ultimo reato rinvia al fatto che gli atti sono stati compiuti anche mentre la vittima dormiva.

L’uomo, difeso dall’avvocato Chiara Buzzi, rischia una pena minima di 5 anni. Almeno è questo il minimo che intende chiedere il titolare dell’inchiesta, il procuratore pubblico Nicola Respini. Nell’atto d’accusa è riassunto un crescendo di perversioni che l’uomo ha compiuto in quasi un biennio. Tutto avveniva all’interno dell’abitazione, mentre la moglie e un’altra figlia erano assenti. Almeno in 12/14 occasioni secondo la vittima, addirittura 16/17 secondo l’imputato. La prima volta, nel novembre 2016, durante la pausa di mezzogiorno, mentre guardava la tv con la figliastra, sdraiati sul divano in salotto. Una scena che si ripete più volte, con l’uomo che accarezza la ragazza nelle parti intime, alcune volte si masturba e la masturba, arrivando anche a congiungersi carnalmente (mentre la giovane era addormentata). A nulla sono valsi i continui tentativi della ragazza di resistere al patrigno: «Basta ora!», «smettila», «vai via», sono le sue parole riportate nell’atto d’accusa. In un’occasione la giovane lo colpisce anche al basso ventre. In altre si ribella bloccandolo e allontanandogli le mani. Ma tutto è inutile. 

Il processo si è aperto stamattina con l’interrogatorio dell’imputato da parte della giudice Francesca Verda Chiocchetti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
30 min
In Ticino non ci sono più cabine (funzionanti)
Le ultime sono state disattivate negli ultimi mesi da Swisscom, che sta procedendo a rimuovere le postazioni rimaste
CANTONE
1 ora
Appartamenti sfitti? «Sfruttateli come Airbnb»
L’esperienza di Milo Chiocca, a caccia di proprietari disposti a lanciarsi sulla piattaforma per locazioni a breve termine
LAVENA PONTE TRESA
12 ore
Non riesci nei tuoi studi? Puoi attaccarti al tram
Da qualche mese l’Istituto Fogazzaro ha aperto una “filiale” italiana, il Centro Atlante, a due passi dal confine e dal trenino FLP. Altro nome, stessa preside. Lo scopo: garantirsi un piano B
LUGANO
14 ore
La lettera della vittima in aula: «Non sono più tua figlia. Addio, papà».
Maria Galliani, legale della giovane abusata dalla "coppia horror" del Bellinzonese, racconta il presente della sua assistita: «A 17 anni si è ritrovata sola. Ora sta lottando»
VIDEO
GRANCIA
15 ore
Scairolo, acqua marrone e «odore di vernice»
La situazione segnalata da un lettore. L'Ufficio della gestione dei rischi ambientali e del suolo: «Verificheremo»
LUGANO
15 ore
«Stava giocando ai lego e i genitori l'hanno chiamato mentre facevano sesso»
Al processo contro la coppia del Bellinzonese che abusava dei figli, parla l'avvocato del ragazzo: «Ancora oggi il mio assistito è legato a mamma e papà»
LUGANO
16 ore
«Faccio fatica a definire genitori queste due persone»
Processo contro la coppia horror del Bellinzonese: la procuratrice pubblica Marisa Alfier chiede una pena di 15 anni di carcere per l'uomo e di 14 anni e 6 mesi per l'ormai ex moglie
VIDEO
GAMBAROGNO
17 ore
L’inferno alle 7 di mattina: al lavoro coi nervi a pezzi
Chiuso il nucleo di Quartino. Tutto il traffico si riversa sulla strada cantonale. Il test video di Tio/20minuti. E la rabbia degli automobilisti: «Vergognoso»
LOCARNO
18 ore
Delta Resort: «Il Municipio di Locarno fa il necessario?»
Interpellanza di Pier Mellini al Municipio sul suo operato e sull’ordine di vigilare affinché gli appartamento non siano utilizzati come residenza
CANTONE
19 ore
La rivelazione shock del padre: «Toccarmi con mia figlia era diventata un'esclusiva»
Processo alla coppia dell'orrore. Il 50enne, che abbelliva i filmati hard con effetti speciali e colonne sonore, gioca a nascondino col giudice. Intanto emerge che la madre era gelosa della ragazza
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile