Tipress (archivio)
LUGANO
04.09.19 - 10:350
Aggiornamento : 11:20

Predava la figliastra in salotto, davanti alla tv

Un sessantenne ticinese a processo davanti alle Assise criminali per ripetuti atti sessuali su una minorenne. I reati avvenivano in casa, mentre la moglie era assente

LUGANO - Un crescendo di atti sessuali nei confronti della vittima minorenne iniziato nel novembre 2016 e protrattosi fino all’agosto 2018. È una cronaca di violenze con oggetto la figliastra quello ricostruito stamane in aula penale a Lugano dove un 60enne viene processato davanti alla Corte delle assise criminali di Locarno. Nei suoi confronti sono contestati i reati di atti sessuali con fanciulli, ripetuti; coazione sessuale, ripetuta; atti sessuali con persone incapaci di discernimento o inette a resistere. Quest’ultimo reato rinvia al fatto che gli atti sono stati compiuti anche mentre la vittima dormiva.

L’uomo, difeso dall’avvocato Chiara Buzzi, rischia una pena minima di 5 anni. Almeno è questo il minimo che intende chiedere il titolare dell’inchiesta, il procuratore pubblico Nicola Respini. Nell’atto d’accusa è riassunto un crescendo di perversioni che l’uomo ha compiuto in quasi un biennio. Tutto avveniva all’interno dell’abitazione, mentre la moglie e un’altra figlia erano assenti. Almeno in 12/14 occasioni secondo la vittima, addirittura 16/17 secondo l’imputato. La prima volta, nel novembre 2016, durante la pausa di mezzogiorno, mentre guardava la tv con la figliastra, sdraiati sul divano in salotto. Una scena che si ripete più volte, con l’uomo che accarezza la ragazza nelle parti intime, alcune volte si masturba e la masturba, arrivando anche a congiungersi carnalmente (mentre la giovane era addormentata). A nulla sono valsi i continui tentativi della ragazza di resistere al patrigno: «Basta ora!», «smettila», «vai via», sono le sue parole riportate nell’atto d’accusa. In un’occasione la giovane lo colpisce anche al basso ventre. In altre si ribella bloccandolo e allontanandogli le mani. Ma tutto è inutile. 

Il processo si è aperto stamattina con l’interrogatorio dell’imputato da parte della giudice Francesca Verda Chiocchetti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTOGALLERY
LUGANO
35 min
Dopo il lockdown, la lordura
Una "epidemia" di littering alla Foce del Cassarate e sul Brè. Le foto vergognose. La Città: «Problema in aumento»
CANTONE
2 ore
«Ora incrociamo le dita»
I campeggi hanno riaperto i battenti, oggi. L'associazione di categoria: «La stagione si può ancora salvare»
CONFINE
2 ore
Niente gite in Italia, le dogane restano vuote
Nonostante la riapertura della frontiera, i ticinesi sembrano ancora restii dal recarsi in Italia
MURALTO
6 ore
Aggredito sul lungolago, notte in ospedale
La vittima, un 35enne della regione, è stata picchiata da un ragazzo più giovane. Per futili motivi.
CANTONE
8 ore
«Quest'estate troppi giovani a casa»
I Giovani UDC ticinesi sono preoccupati per la disoccupazione under 25. E chiedono misure urgenti
CANTONE
20 ore
Garzoni: «Sì a piscine, fiumi e laghi. E dimagriamo»
Il direttore della clinica Moncucco sulle dichiarazioni di Zangrillo: «Non è certo che il virus sia mutato».
CANTONE
23 ore
L'ex infermiere dell'OBV è stato ritrovato morto
Il 45enne era scomparso lo scorso 30 maggio da Balerna. La sua automobile era stata rinvenuta ieri a Buseno.
CANTONE
23 ore
Al via su Piazzaticino.ch la seconda serata di Poestate
Il festival letterario luganese ritorna questa sera alle 18.00 con la sua edizione 100% online
FOTO
LUGANO
1 gior
Il nuovo volto della Foce per contenere gli assembramenti
Uno specifico arredo, con panchine e altri accorgimenti, è stato posato per delimitare il numero di presenze.
CANTONE
1 gior
Galleria del Ceneri, discoteche e spesa in Italia. Norman Gobbi a 360°
Il presidente del Governo ha toccato diversi temi durante un'intervista rilasciata a Radio Ticino.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile