Tipress
LUGANO
01.09.19 - 10:020

Neurochirurgo sotto inchiesta, la durata dell'operazione sarebbe stata insufficiente

Stando alla denuncia depositata in procura non avrebbe avuto il tempo di eseguire quanto dichiarato. Nel frattempo spunta una sesta denuncia

LUGANO - Anche i tempi non coinciderebbero con quanto dichiarato. Stando al rapporto operatorio firmato dal neurochirurgo dell’Ars Medica finito sotto inchiesta, pubblicato oggi dal Caffè, l’intervento del 26 ottobre 2018 sarebbe iniziato alle 13.05, per terminare alle 13.40. L’anestesia sarebbe invece iniziata alle 11.45. Un tempo non sufficiente per effettuare l’operazione dichiarata. Per un intervento come quello necessario alla paziente ci sarebbe voluta un’ora e mezza, si legge nel testo della denuncia depositata in procura dal medico cantonale. 

Gli esperti del Neurocentro del Civico hanno inoltre spiegato che la risonanza magnetica effettuata sulla paziente prima dell’operazione eseguita all’ospedale sarebbe identica a quella effettuata prima dell’intervento all’Ars Medica. 

E, sempre rimanendo alla segnalazione del Medico cantonale, si legge: «Sia a livello L3 e L4 che L4 e L5 si osservano tracce di attività, ma nessuna compatibile con nessun tipo di intervento chirurgico con qualsivoglia indicazione sotto il profilo medico sanitario». 

Parole che troverebbero conferma nelle parole del chirurgo che ha rioperato la paziente al Civico il primo febbraio. Quanto affermato nel rapporto operatorio del neurochirurgo sotto inchiesta sarebbe falso, perché non sarebbe stato asportato alcun legamento. 

Sesta denuncia - Nel frattempo è giunta una sesta denuncia, inoltrata da una 76enne del Sottoceneri. Il neurochirurgo le aveva diagnosticato una lombalgia, ma la donna in realtà aveva tre costole rotte. A metà agosto la 76enne ha deciso di segnalare alla procura «un modus operandi del medico carente in misura grave dal punto di vista deontologico, anche al di fuori della sala operatoria, che mi ha causato un danno». La segnalazione si è poi trasformata in denuncia il 27 agosto. 

Una perizia, che potrebbe essere richiesta dalla procuratrice Marisa Alfier, potrebbe forse risolvere il giallo. 

Il neurochirurgo nel frattempo è stato reintegrato all’Ars Medica, e potrà nuovamente operare nella clinica. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MAGADINO
49 min
Tragedia di Sarra, ticinesi assolti
Dramma in volo, il tribunale di Macerata ha giudicato non colpevoli i tecnici che si erano occupati dell'elicottero.
CANTONE
8 ore
«Io, lavoratore indipendente in attesa dell'IPG»
A causa della pandemia, le casse di compensazione sono confrontate con migliaia di richieste
CANTONE
11 ore
Con la pandemia, i giovani vogliono diventare infermieri
Cresce l'interesse per la relativa formazione professionale. Alla SUPSI le domande d'ammissione sono aumentate del 10%
LUGANO
11 ore
Direttrice licenziata «di comune accordo»
Sandra Castellano non guiderà più Casa Santa Elisabetta. Causa riorganizzazione
CANTONE
13 ore
Allerta meteo: «Utilizzate l'auto soltanto se necessario»
Le indicazioni della polizia in vista delle nevicate annunciate nei prossimi giorni
CANTONE
14 ore
Alla sbarra per abusi su minori: «Fatti di una gravità inaudita»
Oltre 100 gli episodi di cui si sarebbe macchiato il 77enne.
CANTONE
14 ore
Spacciatore in manette
Si tratta di un trentenne del Luganese. A casa sua sono state trovate alcune decine di grammi di cocaina
Attualità
16 ore
Ladri e borseggiatori non vanno in vacanza: scatta Prevena 2020
Anche quest'anno la polizia mette in guardia la popolazione in vista del periodo natalizio
CANTONE
19 ore
Ecco la conferma: è allerta neve
MeteoSvizzera dirama un avviso di "pericolo forte", con la fase più intensa prevista venerdì tra le 6 e le 18
SONDAGGIO
CANTONE
19 ore
Ecco la rivoluzione del trasporto pubblico
Mancano meno di due settimane al giorno X: il prossimo 13 dicembre sarà messo in esercizio il tunnel del Ceneri
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile