Tipress
LUGANO
01.09.19 - 10:020

Neurochirurgo sotto inchiesta, la durata dell'operazione sarebbe stata insufficiente

Stando alla denuncia depositata in procura non avrebbe avuto il tempo di eseguire quanto dichiarato. Nel frattempo spunta una sesta denuncia

LUGANO - Anche i tempi non coinciderebbero con quanto dichiarato. Stando al rapporto operatorio firmato dal neurochirurgo dell’Ars Medica finito sotto inchiesta, pubblicato oggi dal Caffè, l’intervento del 26 ottobre 2018 sarebbe iniziato alle 13.05, per terminare alle 13.40. L’anestesia sarebbe invece iniziata alle 11.45. Un tempo non sufficiente per effettuare l’operazione dichiarata. Per un intervento come quello necessario alla paziente ci sarebbe voluta un’ora e mezza, si legge nel testo della denuncia depositata in procura dal medico cantonale. 

Gli esperti del Neurocentro del Civico hanno inoltre spiegato che la risonanza magnetica effettuata sulla paziente prima dell’operazione eseguita all’ospedale sarebbe identica a quella effettuata prima dell’intervento all’Ars Medica. 

E, sempre rimanendo alla segnalazione del Medico cantonale, si legge: «Sia a livello L3 e L4 che L4 e L5 si osservano tracce di attività, ma nessuna compatibile con nessun tipo di intervento chirurgico con qualsivoglia indicazione sotto il profilo medico sanitario». 

Parole che troverebbero conferma nelle parole del chirurgo che ha rioperato la paziente al Civico il primo febbraio. Quanto affermato nel rapporto operatorio del neurochirurgo sotto inchiesta sarebbe falso, perché non sarebbe stato asportato alcun legamento. 

Sesta denuncia - Nel frattempo è giunta una sesta denuncia, inoltrata da una 76enne del Sottoceneri. Il neurochirurgo le aveva diagnosticato una lombalgia, ma la donna in realtà aveva tre costole rotte. A metà agosto la 76enne ha deciso di segnalare alla procura «un modus operandi del medico carente in misura grave dal punto di vista deontologico, anche al di fuori della sala operatoria, che mi ha causato un danno». La segnalazione si è poi trasformata in denuncia il 27 agosto. 

Una perizia, che potrebbe essere richiesta dalla procuratrice Marisa Alfier, potrebbe forse risolvere il giallo. 

Il neurochirurgo nel frattempo è stato reintegrato all’Ars Medica, e potrà nuovamente operare nella clinica. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
37 min
Pestaggio di Gravesano, Losanna annulla la sentenza
Il Tribunale federale ha parzialmente accolto il ricorso presentato da uno dei due aggressori, condannato per tentato omicidio intenzionale
BELLLINZONA
1 ora
«Revocate il premio alla carriera a Haber»
Dopo le frasi sessiste, e le scuse dell'artista, arriva l'interrogazione alla città di Bellinzona, sponsor di Castellinaria: «Sessismo, razzismo e xenofobia devono essere denunciati»
CANTONE
2 ore
L'allerta neve resta, ma arriva la pioggia
Precipitazioni, anche importanti, attesa da stasera fino a domenica
CANTONE
3 ore
Emirati Arabi Uniti: grande interesse da parte degli imprenditori ticinesi
Il mercato è stato analizzato in una serata organizzata dalla Camera di commercio Cantone Ticino
CANTONE / CONFINE
4 ore
Aggredita a Lugano: «Mi ha salvata una mamma»
Paura al parcheggio di Cassarate: «Voleva il cellulare. Poi è scappato»
CANTONE
5 ore
La Federazione cacciatori boicotta la battuta tardo autunnale
Critiche al Dipartimento del territorio che ha «ignorato il loro parere», non dando il giusto peso ai problemi di sicurezza
CANTONE
5 ore
Isolato dal mondo per 18 giorni, Andrea ce l’ha fatta
Il ticinese Andrea Pawlotzki è riuscito nell'impresa di attraversare in solitaria l'Oceano Atlantico : «Non sono mai stato così ricco in tutta la mia vita, perché ero libero»
MASSAGNO
6 ore
«Ma quale polmone verde, si costruirà in modo eccessivo»
Il progetto per coprire la trincea a nord della stazione di Lugano non fa l’unanimità. E violerebbe addirittura la Legge sulla pianificazione del territorio
BELLINZONA
9 ore
Se la plastica serve per incenerire i rifiuti... ma anche no
Per il Municipio di Lugano il composto sintetico contribuisce a far funzionare il termovalorizzatore. Ma dall’impianto spiegano che non è così. La replica della Città che difende le scelte fatte.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile