Tipress
LUGANO
01.09.19 - 10:020

Neurochirurgo sotto inchiesta, la durata dell'operazione sarebbe stata insufficiente

Stando alla denuncia depositata in procura non avrebbe avuto il tempo di eseguire quanto dichiarato. Nel frattempo spunta una sesta denuncia

LUGANO - Anche i tempi non coinciderebbero con quanto dichiarato. Stando al rapporto operatorio firmato dal neurochirurgo dell’Ars Medica finito sotto inchiesta, pubblicato oggi dal Caffè, l’intervento del 26 ottobre 2018 sarebbe iniziato alle 13.05, per terminare alle 13.40. L’anestesia sarebbe invece iniziata alle 11.45. Un tempo non sufficiente per effettuare l’operazione dichiarata. Per un intervento come quello necessario alla paziente ci sarebbe voluta un’ora e mezza, si legge nel testo della denuncia depositata in procura dal medico cantonale. 

Gli esperti del Neurocentro del Civico hanno inoltre spiegato che la risonanza magnetica effettuata sulla paziente prima dell’operazione eseguita all’ospedale sarebbe identica a quella effettuata prima dell’intervento all’Ars Medica. 

E, sempre rimanendo alla segnalazione del Medico cantonale, si legge: «Sia a livello L3 e L4 che L4 e L5 si osservano tracce di attività, ma nessuna compatibile con nessun tipo di intervento chirurgico con qualsivoglia indicazione sotto il profilo medico sanitario». 

Parole che troverebbero conferma nelle parole del chirurgo che ha rioperato la paziente al Civico il primo febbraio. Quanto affermato nel rapporto operatorio del neurochirurgo sotto inchiesta sarebbe falso, perché non sarebbe stato asportato alcun legamento. 

Sesta denuncia - Nel frattempo è giunta una sesta denuncia, inoltrata da una 76enne del Sottoceneri. Il neurochirurgo le aveva diagnosticato una lombalgia, ma la donna in realtà aveva tre costole rotte. A metà agosto la 76enne ha deciso di segnalare alla procura «un modus operandi del medico carente in misura grave dal punto di vista deontologico, anche al di fuori della sala operatoria, che mi ha causato un danno». La segnalazione si è poi trasformata in denuncia il 27 agosto. 

Una perizia, che potrebbe essere richiesta dalla procuratrice Marisa Alfier, potrebbe forse risolvere il giallo. 

Il neurochirurgo nel frattempo è stato reintegrato all’Ars Medica, e potrà nuovamente operare nella clinica. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
GAMBAROGNO
5 ore
«Il mio Rodolfo non merita di finire così»
Waldis Ratti, 63 anni, "piange" per lo storico ristorante di famiglia. Un patrimonio che rischia di svanire.
SANTA MARIA (GRIGIONI)
7 ore
«Quando il treno è affollato, cedo il posto e mi siedo per terra»
Nella “sua” Calanca la chiamano tutti “Robi” ma lei è la donna forte delle ferrovie svizzere.
ASCONA
9 ore
«Per chilometri legata alla borsa della padrona»
L'animale, zoppicante e in evidente stato d'incuria, non avrebbe nemmeno la possibilità di fare i suoi bisogni.
OSCO
11 ore
La vittima dell'incidente di Osco è stata identificata
Ieri la Polizia aveva chiesto a eventuali testimoni di farsi avanti.
FOTO E VIDEO
LUGANO
14 ore
Prima del Gran Consiglio, contro le politiche del DI di Gobbi
Presidio "antirazzista e per il rispetto dello stato di diritto", a partire dalle 12, davanti al Palazzo dei Congressi
CANTONE
15 ore
Piogge e fresco, l'estate è finita
Come preannunciato venerdì dai meteorologi di Locarno Monti il caldo è ormai alle spalle.
CANTONE
16 ore
Oltre 29 mila firme contro l'eutanasia di animali sani
Saranno consegnate domani, davanti all'entrata principale del Palazzo dei Congressi.
CANTONE
17 ore
Vini ticinesi profeti all'estero, ma non in patria
La vinificazione nostrana ha ricevuto molti riconoscimenti al Mondial du Merlot, ma pochi al Grand Prix du vin Suisse.
CANTONE
18 ore
Nel weekend un ricovero e 10 nuovi casi
Le cifre delle ultime 72 ore pubblicate questa mattina dall'autorità cantonali. I casi totali salgono a 3'618.
CANTONE
18 ore
Ambiente: un mestiere da ragazze
Un progetto del Cantone mira a promuovere la parità di genere nelle scelte formative e professionali.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile