deposit
CANTONE
22.08.19 - 20:530

Prima i permessi falsi, ora i tentati furti

Il processo per i permessi è stato rinviato in quanto uno degli imputati è l’uomo arrestato per i colpi al bancomat di Sant’Antonino

BELLINZONA - Era previsto per lunedì il processo per lo scandalo dei permessi falsi, ma è stato rinviato. Il motivo? Uno degli imputati principali - riferisce la Rsi - è il titolare della Aliu Big Team di Bellinzona, nientemeno che l’uomo arrestato negli scorsi giorni con l'accusa di aver compiuto i due tentati furti commessi al bancomat del Centro Commerciale di Sant’Antonino, lo scorso giugno.

L'uomo avrebbe, secondo i sospetti, procurato un alloggio agli autori materiali dei colpi. Dal canto suo il 28enne nega ogni addebito, ed è stato scarcerato venerdì.

Bisognerà ora attendere che la procura chiuda l’inchiesta sugli episodi di Sant’Antonino e firmi, contro il 28enne, un unico atto d’accusa. Prima che l'uomo approdi in aula, quindi, ci vorrà qualche mese.

1 mese fa Tentato furto al bancomat, in manette un altro sospetto
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
5 ore

Gobbi sul radar di Camorino: «Lo scopo preventivo è quantomeno discutibile»

In un post su Facebook il Direttore del DI precisa che il dispositivo "incriminato" è stato posato dalla polizia comunale di Bellinzona e assicura: «Approfondiremo questo modo d'agire»

CANTONE
5 ore

Swiss sui voli cancellati: «Siamo in stretto contatto con Adria Airways»

La situazione dello scorso weekend all'aeroporto di Agno dovuta a un problema tecnico. «Non erano disponibili altri aerei»

CANTONE
6 ore

Casse malati, l’Ordine dei medici sta con Raffaele De Rosa

«Confidiamo che nel futuro i Cantoni possano avere i dati necessari per determinare se i premi in Ticino sono adeguati» scrive il presidente Franco Denti

BIASCA
8 ore

Licenziato dall'Ocst: «Sono distrutto»

Arturo Mellace è stato lasciato a casa dopo 22 anni. La solidarietà degli operai. Ma il sindacato ribatte: «Abbiamo agito per motivi disciplinari, nel rispetto della legge»

VIDEO
CANTONE
8 ore

Prevenzione o radar trappola? A Camorino è strage di multe

Un video mostra un controllo della velocità a pochi metri dal cartello che segna la fine del limite di 50 chilometri orari. Il flash scatta di continuo, ma è subito polemica

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile