Tio/20minuti
+ 2
LUGANO
19.08.19 - 19:450
Aggiornamento : 23:02

Via un pino dal Ciani: «Poteva precipitare da un momento all'altro»

La pianta, di circa 80 anni, è stata recisa in mattinata. Strappata dal suolo dopo l'ultimo temporale era diventata «assolutamente pericolosa»

LUGANO - Motoseghe in azione, questa mattina, in quel del Parco Ciani a Lugano. Ad essere abbattuto, per mano degli operatori del verde pubblico cittadino, è stato un pino silvestre che si ergeva a cavallo tra due viali.

Un taglio tutt'altro che immotivato, come ci ha tenuto a precisare al telefono il caposezione del verde pubblico luganese, Christian Bettosini. «La pianta si era inclinata vistosamente, presupponiamo in seguito alle raffiche di vento degli scorsi giorni, probabilmente dopo l'ultimo temporale».

Purtroppo, per il pino quasi secolare non c'era più nulla da fare se non reciderlo. «La pianta si era stappata alla base e rischiava di incombere sui due viali principali del Parco. In questo stato era assolutamente pericolosa. Abbiamo dovuto intervenire immediatamente».

Come si evince dalle foto scattate sul posto, alla base si era formata una crepa di oltre 3 centimetri. «Era già fortemente sbilanciata, ora avrebbe potuto precipitare in qualsiasi momento», conclude Bettosini.

Tio/20minuti
Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
Monica Ca 3 sett fa su fb
BALLEEEEEEE
Alessandro Milani 4 sett fa su fb
In questo caso così piegato e con questa crepa è pienamente giustificato purtroppo..l'abbattimento...
Bluechips 4 sett fa su tio
Mi scuso per avere indicato Viale Cassarate al posto di Viale Castagnola per ciò che attiene al Lido di Lugano.
vulpus 4 sett fa su tio
L'operazione era più che evidente da eseguire. E probabilmente ce ne saranno altre. Questi alberi hanno raggiunto maestosamente una altezza ragguardevole, ma ora con lo sfoltimento delle stesse, saranno maggiormente soggette a cadute , in quanto l'autosostentamento è venuto a mancare. Proviamo a pensare a quale forza è sottoposta una chioma di queste, quando c'è vento. Qualcuno forse si ricorderà delle tempeste degli anni scorsi in Svizzera interna, anche dove questi alberi erano letteralmente spaccati in 2 dalla torsione. Per cui ,no sicuramente ad un taglio indiscriminato delle piante, ma una cura accurata delle stesse, in città, evitando dimensioni pericolose, sicuramente si.
Maxy70 4 sett fa su tio
Si é dovuto abbattere un albero pericolante. Una notizia da prima pagina... E adesso?
Bluechips 4 sett fa su tio
Mi spiace che il lettore "gabola" non abbia colto che il termine "deforestamento" era un'iperbole. Sono consapevole che Lugano non sia avvolta da una foresta; tuttavia, il solo Viale Cassarate privo dei suoi meravigliosi alberi è desolante, senza contare che la nuova entrata al Lido fa concorrenza a qualunque cimitero. Lì è stato raso al suolo anche il doppio filare di alberi del Lido stesso. Perché tutti? Quanti erano pericolanti? E quelli della stazione di Lugano e ora pure quelli di Bellinzona? E tanti altri dei quali manco si parla? Altro che ipocrisia!
sedelin 4 sett fa su tio
@Bluechips qui si parla di UN (1) albero palesemente pericolante. per quanto riguarda viale cassarate hai ragione, ma qui non c'entra: penso che bisogna essere oggettivi e non innescare la polemica a ogni occasione.
Bluechips 4 sett fa su tio
@sedelin Sono d'accordo per ciò che concerne i casi isolati. Ma non è polemica cercare di capire perché si abbattono interi viali solo perché un albero è pericolante.
Nikooo777 4 sett fa su tio
Perche' in passato non c'era TIO/internet dove ogni cip viene riportato. Ecco perche' Oppure perche' in passato c'era meno ipocrisia di adesso
sedelin 4 sett fa su tio
e dài con le polemiche qui sotto! é evidente che questo albero bisognava tagliarlo. o preferivate che cadesse in testa a qualcuno, magari a voi?
gabola 4 sett fa su tio
@sedelin Sarebbe bello,magari con in mano un cartello salviamolo,e gente parla pure di deforestazione a Lugano,mia parol,poro tesin da borbotoni
Bluechips 4 sett fa su tio
Deforestamento a tutto spiano di viali, strade, giardini. Qualcosa non torna. Non ricordo niente di simile in passato, o mi sbaglio? Cos'è questa improvvisa solerzia dove si parla di alberi malati che tali non sono, di pericoli di crollo di alberi centenari e via dicendo. E, a proposito, la sostituzione con alberelli quando è possibilissimo trapiantare piante adulte.
comp61 4 sett fa su tio
@Bluechips in passato non tirava il vento di questi anni. Almeno io non me lo ricordo. Ti prenderesti la responsabilità?
Gus 4 sett fa su tio
Ovviamente Rossi e Verdi a Lugano non dicono niente. C'est l'argent qui fait la guerre!
Frankeat 4 sett fa su tio
@Gus Cosa dovevano dire?
sedelin 4 sett fa su tio
@Frankeat lasciatelo lì che cadrà in testa a qualcuno ;-)
comp61 4 sett fa su tio
Un servizio per ogni pianta?
miba 4 sett fa su tio
@comp61 Hai ragione. E poi siamo sempre nel campo dell'ipocrisia elevata alla massima potenza. Perché? Perché tagliano di qua e tagliano di là ma nessuno scrive mai un articolo sulla pignoleria di tanti nostri forestali che non sono d'accordo di tagliare una pianta nemmeno se sta per cadere su uno stabile d'abitazione. Provate un po' anche a chiedere a chi della legna ha un reddito come stanno realmente le cose!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora

«Mio figlio parla solo tramite video»

Il mutismo selettivo è un problema per (almeno) una ventina di bambini in Ticino. L'associazione Atimuse: «Abbiamo fatto passi avanti»

CADENAZZO
1 ora

Cadenazzo pensa alla videosorveglianza per bloccare i furbetti

Il traffico parassitario è un problema in alcune strade residenziali del Comune. Il vicesindaco: «Entro metà-fine ottobre metteremo due telecamere»

CANTONE
3 ore

Girardi fa istanza alla Corte d'appello: «Nel mio iPhone 5 c'è la prova »

Il direttore del Lumino’s chiede la revisione del processo e fa leva sulla donazione alla Lega, negata da Bignasca: «Se ho dato 50mila franchi, che motivo avevo di far coazione sul loro ministro?»

CANTONE
4 ore

Meno automobilisti in odore di cannabis dal medico del traffico

Negli ultimi tempi Camorino opta per l'ammonimento, laddove prima veniva ordinata la visita. «Uniformate le prassi cantonali. Nulla a che vedere coi fatti degli ultimi mesi» precisa l'autorità

LUGANO
11 ore

Con un cestino distrugge il parabrezza di un'auto

Sconosciuto l'autore del folle gesto. Il proprietario del veicolo: «Sono sconcertato e rattristato»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile