Keystone - foto d'archivio
GRAVESANO
18.08.19 - 09:170
Aggiornamento : 12:00

Operazioni fasulle, la prima segnalazione in febbraio

Il medico cantonale aveva scritto alla magistratura di un «possibile pericolo per la salute pubblica». Ma all’Ars Medica la procura aveva assicurato: «Nessun pericolo per i pazienti»

GRAVESANO - La segnalazione sulle "operazioni fasulle" effettuate dal neurochirurgo dell’Ars Medica finito sotto inchiesta e sospeso la scorsa domenica era arrivata già l'8 febbraio 2019. A riferirlo è il Caffè, che evidenzia un dettaglio non da poco.

Il medico cantonale ha scritto alla magistratura in febbraio. Nella lettera viene descritto in dettaglio il caso di una 74enne affetta da forti dolori che dopo l’intervento all’Ars soffre nello stesso modo. I medici del Civico, cha la (ri)operano, scoprono che sul suo corpo era stata unicamente praticata un’incisione e pure nel punto sbagliato (troppo in alto). Il dottor Merlani parla quindi di «sospetto reato di lesioni gravi e intenzionali» e, da approfondire, «di truffa alle assicurazioni sociali, falsità in documenti e falsità in certificati». Ma, più di tutto, solleva la presenza all’Ars Medica di «un possibile pericolo per la salute pubblica».

La procuratrice Marisa Alfier il 12 febbraio invita la struttura a segnalare eventuali altri casi ma - secondo quanto riferito dal direttore della clinica privata Fabio Rezzonico - assicura che non c’è pericolo per i pazienti. E il neorochirurgo continua a operare. Gli interventi sospetti da uno passano quindi a quattro: il primo il 26 ottobre 2018, l’ultimo il 25 luglio 2019. In mezzo uno in marzo e l’altro il 16 luglio.

Il neurochirurgo non è quindi stato sospeso (fino alla scorsa domenica) e ha effettuato altre tre finte operazioni. Secondo le parole del direttore della clinica, il medico non era neppure a conoscenza dell’inchiesta in corso nei suoi confronti.

2 mesi fa «Quel medico “gentile” mi ha rovinato la vita»
2 mesi fa Neurochirurgo sotto inchiesta, l’Ars Medica lo sospende
2 mesi fa Operazioni "fasulle", neurochirurgo sotto inchiesta
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora

Quasi tutto il Ticino sotto l'occhio dei radar

Escluso dalla lista solo il distretto della Leventina. Rilevamenti semi-stazionari a Piotta e Serocca d'Agno

MENDRISIO
1 ora

Per fare un “Fiore” ci vuole un Manager

Il nuovo cantiere per sostituire la storica cremagliera, la strategia mirata sulle comitive in pullman. La Ferrovia Monte Generoso cerca un nuovo gerente in vetta e traccia un bilancio

CANTONE
4 ore

Tre giorni di acquazzoni su (quasi) tutto il Ticino

MeteoSvizzera ha diramato un'allerta piogge di livello 3 (pericolo marcato) per tutte le regioni a sud delle Alpi eccetto il Mendrisiotto

LUGANO
4 ore

Si cerca Catherine Burkhard

La 18enne ha fatto perdere le proprie tracce la mattina del 16 ottobre

CONFINE
5 ore

Colpo grosso al valico di Ponte Tresa

La Guardia di finanza di Varese ha sequestrato titoli e soldi per oltre 180mila euro a quattro cittadini israeliani

CANTONE
6 ore

Turisti più giovani e da tutta Europa, ecco il futuro del Ticino

Angelo Trotta ha fatto un primo bilancio a 100 giorni dall'inizio del suo mandato e presentato la propria visione sugli orientamenti futuri: «Per una strategia definitiva ci vorrà più tempo»

BELLINZONA
7 ore

«Il diritto alla privacy per proteggere chi lavora sul treno»

Transfair chiede alle FFS di sostituire il nome del personale del treno riportato sulla targhetta con un numero identificativo. Un modo per evitare ritorsioni da parte dei viaggiatori

CANTONE
10 ore

«Disgustato da come il Ticino possa distruggere una vita. Me ne vado»

Un imprenditore italiano, cui è stato negato il permesso C, denuncia un verbale di Polizia «volontariamente falsato». L'autorità ribatte: «Domanda gestita in modo corretto»

CANTONE
12 ore

Ecco l'unico candidato che "difende" i premi

In un sondaggio su 57 politici, Stefano Rappi è stato il solo in Ticino a definire «tollerabile» un ulteriore aumento dei premi di cassa malati. E spiega perché

CAPRIASCA
20 ore

Così il cane Fred se ne frega di Municipio e polizia

Da anni, l’animale circola liberamente per le vie di Tesserete. I suoi proprietari continuano a ricevere multe. A toglierlo dalla strada, però, non ci pensano proprio

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile