tipress
MENDRISIO
25.07.19 - 13:170
Aggiornamento : 17:39

In manette una banda di "ragazzacci" momò

Il branco era dedito a estorsioni, furti e spaccio. Arrestati cinque giovani della regione. Denunciati altri quaranta

MENDRISIO - Una banda di "cattivi ragazzi", guidati da un capo-branco 23enne del Mendrisiotto. Una sessantina di episodi criminosi, tra furti, estorsioni, spaccio di cocaina e marijuana. Una quarantina di giovani sono stati coinvolti in un'operazione contro la micro-criminalità, di cui la polizia ha dato notizia oggi.  

Cinque persone - tra cui due minorenni - sono state arrestate su ordine del Ministero pubblico e della Magistratura dei minorenni. Le accuse riguardano contravvenzioni alla legge sugli stupefacenti, reati contro il patrimonio e la libertà delle persone. 

Durata svariati mesi, l'indagine ha permesso di ricostruire «una sessantina di eventi a carattere criminoso e ha preso avvio nel 2017» quando venne segnalata una serie di furti con epicentro nel Mendrisiotto. Incrociando le informazioni raccolte, gli inquirenti hanno potuto «attribuirne la paternità a un unico gruppo» alla cui testa vi era un 23enne cittadino svizzero residente nel Mendrisiotto.

Il capo-branco - finito in detenzione preventina nel novembre 2018 - veniva di volta in volta affiancato da altri membri della banda, sia maggiorenni sia minorenni, con mansioni e responsabilità differenti.

Gli accertamenti hanno poi portato in luce «una stretta correlazione tra i furti e le estorsioni operati dal gruppo e il mondo degli stupefacenti» ha spiegato oggi la polizia. «In particolare, il provento dei crimini veniva in buona parte utilizzato per l'acquisto di cocaina e marijuana».

Ma non è tutto. Dalle verifiche è emerso che alcuni componenti della banda si erano specializzati nel sottrarre sostanze stupefacenti a piccoli spacciatori locali. Questo «sfruttando la loro superiorità numerica e fisica» e nella consapevolezza che le persone prese di mira non avrebbero sporto denuncia. Parte della droga ottenuta veniva poi rivenduta e messa in circolazione. L'inchiesta è coordinata dal Pp Roberto Ruggeri e dalla Magistratura dei minorenni.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
La scuola ricomincia in aula, per tutti
Lo ha comunicato oggi il Governo ticinese: «È lo scenario che fa funzionare le scuole in maniera corretta»
BELLINZONA
3 ore
Due presunti islamisti a processo
Il dibattimento inizia oggi al Tribunale penale federale di Bellinzona. Gli imputati sono un 34enne e un 37enne
CANTONE
4 ore
Coronavirus in Ticino: nel weekend quattro casi e zero decessi
Nel nostro cantone il numero complessivo di persone risultate positive al virus sale a 3'453
CANTONE
4 ore
Disoccupati in (lieve) calo
A luglio trend positivo. Ma rispetto all'anno scorso c'è un peggioramento
SVIZZERA
5 ore
I genitori potranno portare i figli a scuola?
Dipende dalla scuola. Alcune lo vietano espressamente. Oggi il Ticino chiarirà la sua strategia
CANTONE
7 ore
Nuove professioni crescono: una ventina i "riciclatori" in Ticino
Ivo Bazzanella è stato l’unico a concludere questo apprendistato nel 2020.
CANTONE
7 ore
C'è un iceberg d'amianto in Ticino
Il "killer dormiente" continua a fare vittime. E nelle nostre case ne spunta sempre di più
FOCUS
15 ore
I 60 giorni più difficili di Daniel Koch
Per due mesi ha avuto i riflettori puntati addosso. È stata la voce più ascoltata durante il Covid.
CANTONE
17 ore
Anche la Lega contro l'aumento delle imposte
«Si utilizzino piuttosto i ristorni dei frontalieri» si legge nella presa di posizione
FOTO
RIVIERA
19 ore
Infortunio nel riale, giovane in ospedale
L'incidente è avvenuto attorno alle 14 di questo pomeriggio
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile