tipress
CANTONE
10.07.19 - 12:560
Aggiornamento : 14:42

«L’Ente ospedaliero va prosciolto»

È quanto sostiene la difesa nel processo per il contagio da epatite C verificatosi nel 2013: «Nessuna carenza organizzativa»

BELLINZONA - Carenza organizzativa all’interno dell’Ente ospedaliero cantonale (EOC)? Non ci sta l’avvocato difensore Mario Molo, che sottolinea come non ci sia un obbligo di identificare gli operatori che effettuano la posa di una via venosa. Non lo prevede la legge sanitaria. Tantomeno la norma ISO che certifica il servizio di radiologia dell’Ospedale Civico di Lugano, dove il 19 dicembre 2013 si verificò il contagio da epatite C al centro del processo in corso in pretura penale. Da qui la richiesta del legale di prosciogliere l’EOC da ogni imputazione.

«La posa della via venosa - ha affermato Molo - è un’operazione di routine che soltanto nell’Ente ospedaliero cantonale viene effettuata circa 200’000 volte all’anno». E in nessun ospedale elvetico, ha sottolineato, vengono protocollate le generalità dell’operatore che se ne occupa. «Nemmeno in altri reparti di radiologia svizzeri certificati ISO».

Molo ha poi ricordato che successivamente ai fatti è stata effettuata un’indagine approfondita dal medico cantonale. «E non è stata emanata alcuna direttiva per cui tutti gli operatori che intervengono nelle cure di un paziente debbano essere identificati nella cartella clinica». La difesa ha inoltre ribadito che tutti i pazienti infettati dal virus di epatite C «sono guariti, senza conseguenze». E che lo stesso Ente aveva segnalato al medico cantonale quanto avvenuto quel 19 dicembre del 2013.

Lo ha detto anche il direttore generale Giorgio Pellanda, che ha preso l’ultima parola: «Sin dall’inizio l’EOC ha riconosciuto l’errore commesso e ha offerto ai pazienti assistenza medica e psicologica». E ha aggiunto: «La sentenza di prima istanza avrebbe costituito una svolta preoccupante per l’intero sistema sanitario nazionale, di fatto avrebbe esteso massicciamente la quantità e il tipo di informazione da registrare nella cartella. Non aumentando la sicurezza del paziente».

La richiesta dell’accusa - L’accusa, rappresentata dal procuratore pubblico Moreno Capella, aveva chiesto la condanna dell’EOC a una multa di 100’000 franchi per lesioni colpose gravi. Nella sua requisitoria aveva parlato di «carenza organizzativa» all’interno della struttura che non ha permesso di identificare l’operatore sanitario che all’epoca effettuò la manipolazione.

La decisione del giudice Siro Quadri sarà comunicata entro due settimane.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Maxy70 12 mesi fa su tio
Il paziente entra sano, esce con la epatite C (non un raffreddore!!!), nessuno é colpevole e non occorrono ulteriori misure di sicurezza. Va tutto bene così. Magari invece, registrando il nome dell'operatore, quest'ultimo lavorerebbe con maggiore attenzione, sapendo di essere perseguibile! Se non c'è la coscienza professionale, almeno valga il timore delle conseguenze.
Mattiatr 12 mesi fa su tio
@Maxy70 E il bello è che gli vogliamo regalare il cardiocentro :-D
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
PARADISO
2 ore
Cade di testa da tre metri
Infortunio questa mattina in un cantiere in via Bosia a Paradiso. Soccorso un operaio di 45 anni
CANTONE
2 ore
In Ticino ci sono 4 nuovi positivi
Nonostante vi siano oltre 450 persone in quarantena, non vi sono sensibili variazioni nella curva dei contagi
MORCOTE-BRUSINO
3 ore
Cena al grotto, poi il tuffo dalla barca: deceduto
È stato trovato morto il 65enne scomparso ieri sera nel Ceresio. La polizia ha trovato il corpo a Brusino Arsizio
LUGANO
4 ore
Il vento ha fatto... qualche danno
Un albero caduto in centro a Lugano, ore di lavoro per i pompieri
FOTO
MORCOTE
5 ore
Scomparso nel lago mentre faceva il bagno
Ricerche in corso a Morcote. Un uomo è sparito nelle acque del Ceresio ieri sera
CANTONE
6 ore
«Prima diagnosticavamo solo i casi gravi, ora tutti»
Covid-19: numeri di nuovo in crescita. Ma pochi ospedalizzati. Perché? Il medico Christian Garzoni fa "chiarezza".
CANTONE
6 ore
Tutti in acqua in barba al Covid
Segnalazioni da Lugano, Bellinzona e Verzasca. I responsabili assicurano: «Nessun caso problematico. Monitoriamo sempre»
FOTO
CENTOVALLI
18 ore
Intragna, si scontra in curva con un camion
L'incidente è avvenuto attorno alle 18 di questo pomeriggio. Sul posto soccorsi e polizia
FOTO / VIDEO
MORBIO INFERIORE
18 ore
Il ramo si spezza e cade sulla strada
È accaduto questo pomeriggio in zona Balbio, a Morbio Inferiore
CANTONE
21 ore
Collettivo R-esistiamo: nei centri per migranti condizioni da «lager»
Il gruppo fa riferimento anche al caso di un ragazzo che si è gettato dal centro della Croce Rossa a Paradiso
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile