keystone
CANTONE / BERNA
04.07.19 - 15:320
Aggiornamento : 16:21

Lauber vuole ricusare il giudice Bomio-Giovanascini

Il procuratore generale della Confederazione ha criticato l'obiettività del giudice ticinese

BERNA - Il procuratore generale della Confederazione Michael Lauber, costretto a ricusarsi nelle indagini riguardanti la FIFA dal Tribunale penale federale (TPF), chiede ora la ricusazione di uno dei tre giudici che hanno preso la decisione, il ticinese Giorgio Bomio-Giovanascini, per un'asserita prevenzione nei suoi confronti.

«Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha presentato una domanda di ricusazione alla Corte d'appello del TPF contro il presidente della Corte dei reclami penali (Bomio-Giovanascini, ndr) sotto forma di una istanza di revisione», ha indicato oggi la stessa Procura federale all'agenzia Keystone-ATS, a conferma di un articolo pubblicato dal "Tages-Anzeiger" e altri giornali Tamedia.

Abboccamento nel canton Vaud - Secondo quanto scrive il quotidiano zurighese, Lauber giustifica la sua richiesta nei confronti del giudice ticinese citando una mail inviatagli dal consigliere agli Stati socialista di Basilea Campagna Claude Janiak, presidente della delegazione delle commissioni della gestione delle Camere federali.

Questi gli ha riferito che Bomio-Giovanascini, egli pure membro del PS, durante una gita del gruppo parlamentare socialista nel canton Vaud avvenuta il 12 giugno scorso lo ha avvicinato, criticando poi in un breve colloquio lo stesso Lauber e definendo "insostenibile" la situazione all'MPC. Un giudice che parla così non è obiettivo, argomenta il procuratore generale secondo quanto riferisce il "Tages-Anzeiger".

«Non va che un giudice prima di una decisione si esprima pubblicamente», critica a sua volta Janiak citato dal giornale. Interpellato da Keystone-ATS, il "senatore" ha risposto di non avere nulla da aggiungere.

Dal canto suo il giudice ticinese, interpellato dal quotidiano, ha risposto di non volersi esprimere pubblicamente su un procedimento in corso.

Istanze di ricusazione - La Corte dei reclami penali, lo scorso 17 giugno, ossia cinque giorni dopo l'incontro vodese, aveva in parte accolto due istanze di ricusazione contro il procuratore generale Lauber e i membri della task force dell'MPC istituita nel 2015 per occuparsi delle inchieste sugli scandali di corruzione che hanno coinvolto la Federazione internazionale di calcio (FIFA). Queste sono attualmente 25.

Più precisamente, aveva accolto le domande di ricusazione formulate da due degli imputati in questi procedimenti - l'ex segretario della FIFA Jérôme Valcke e l'ex capo delle finanze della federazione Markus Kattner, secondo il "Tages-Anzeiger" - nei confronti di Lauber, dell'ex procuratore federale capo Olivier Thormann (che è ora giudice alla Corte d'appello del TPF) e di un altro procuratore federale. A Lauber sono rimproverati gli incontri informali non registrati - contrari alle regole di procedura - con il presidente della FIFA Gianni Infantino, incontri che secondo il TPF possono far sorgere dubbi sull'imparzialità del procuratore generale.

Lauber ingaggia avvocato - Nella sua risposta alla richiesta di conferma di Keystone-ATS, l'MPC scrive che gli sono state «riferite informazioni che lasciano concludere a una possibile parzialità» del giudice federale che ha presieduto alle decisioni riguardanti la Procura federale e Lauber in particolare.

Il "Tages-Anzeiger" scrive anche che Lauber ha ingaggiato il noto avvocato Lorenz Erni in relazione al procedimento disciplinare disposto nei suoi confronti dall'Autorità di vigilanza sull'MPC (AV-MPC) per gli incontri con Infantino. Interpellata al riguardo, la Procura federale conferma solo che il suo capo «si fa rappresentare legalmente», senza aggiungere altro.

Ieri l'AV-MPC ha reso noto di aver designato gli esperti incaricati di svolgere l'inchiesta disciplinare. La direzione dell'indagine sarà assunta da Peter Hänni, professore ordinario emerito di diritto costituzionale e amministrativo, coadiuvato da due ulteriori specialisti, gli avvocati Lukas Blättler e Sarah Duss.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
Lotto, vinti oltre 20 milioni. Forse in Ticino
La schedina vincente potrebbe essere stata giocata nel nostro cantone. I numeri estratti: 10, 19, 25, 29, 38, 40 e 2
FOTO
LUGANO
8 ore
Furgone distrutto dalle fiamme in un piazzale a Viganello
Il veicolo ha preso fuoco questo pomeriggio in via agli Orti. Sul posto pompieri e polizia
FOTO
MENDRISIO
13 ore
Bambini e alberi si abbracciano e crescono insieme
Questa mattina è stato ufficialmente presentato il progetto “Alberi della vita – Un albero per ogni bambino”. Obiettivo: «Regalare un futuro sostenibile per i nostri giovani»
VAUD / BELLINZONA
15 ore
Ha moglie e figlia in Ticino, ma l’espulsione è “giusta”
Permessi di dimora non concessi a causa di precedenti penali. Negli ultimi giorni il Tribunale federale ha dato una volta ragione e una torto alle autorità cantonali. Ecco le due storie
FOTO
LUGANO
17 ore
Cinque anni fa la frana che strappò due vite a Davesco
Erano da poco passate le 2.30 del mattino. La pioggia provocò il crollo di un muro di contenimento, che travolse una palazzina
FOTO E VIDEO
MINUSIO
1 gior
L'auto urta un muretto e finisce sul tetto
Nel veicolo, che circolava in direzione di Locarno, c'erano due persone, soccorse dal personale del Salva
CUGNASCO-GERRA
1 gior
In questi wc c'erano strani traffici: fermato un giovane
La polizia è intervenuta nella serata di martedì. Il ragazzo sarebbe stato trovato in possesso di stupefacenti. Coinvolti anche minorenni?
CANTONE
1 gior
I radar sbirciano ovunque... tranne che in Vallemaggia
Controlli della velocità previsti in quasi tutti i distretti la prossima settimana. Rilevamenti semi-stazionari a Golino e Agra
BELLINZONA
1 gior
Amianto killer, tutti uniti per la trasparenza
FFS, sindacati, commissione del personale e Suva in un gruppo di lavoro. «Apprensione e confusione nascono da termini troppo tecnici e la difficile traduzione dal tedesco»
CANTONE
1 gior
Bancomat manomessi, carte clonate e usate in Indonesia
Tre giorni fa è finito in manette un 38enne sul quale pendeva un mandato d'arresto internazionale. La banda colpiva in Ticino e in altri cantoni
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile