keystone
CANTONE / BERNA
04.07.19 - 15:320
Aggiornamento : 16:21

Lauber vuole ricusare il giudice Bomio-Giovanascini

Il procuratore generale della Confederazione ha criticato l'obiettività del giudice ticinese

BERNA - Il procuratore generale della Confederazione Michael Lauber, costretto a ricusarsi nelle indagini riguardanti la FIFA dal Tribunale penale federale (TPF), chiede ora la ricusazione di uno dei tre giudici che hanno preso la decisione, il ticinese Giorgio Bomio-Giovanascini, per un'asserita prevenzione nei suoi confronti.

«Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha presentato una domanda di ricusazione alla Corte d'appello del TPF contro il presidente della Corte dei reclami penali (Bomio-Giovanascini, ndr) sotto forma di una istanza di revisione», ha indicato oggi la stessa Procura federale all'agenzia Keystone-ATS, a conferma di un articolo pubblicato dal "Tages-Anzeiger" e altri giornali Tamedia.

Abboccamento nel canton Vaud - Secondo quanto scrive il quotidiano zurighese, Lauber giustifica la sua richiesta nei confronti del giudice ticinese citando una mail inviatagli dal consigliere agli Stati socialista di Basilea Campagna Claude Janiak, presidente della delegazione delle commissioni della gestione delle Camere federali.

Questi gli ha riferito che Bomio-Giovanascini, egli pure membro del PS, durante una gita del gruppo parlamentare socialista nel canton Vaud avvenuta il 12 giugno scorso lo ha avvicinato, criticando poi in un breve colloquio lo stesso Lauber e definendo "insostenibile" la situazione all'MPC. Un giudice che parla così non è obiettivo, argomenta il procuratore generale secondo quanto riferisce il "Tages-Anzeiger".

«Non va che un giudice prima di una decisione si esprima pubblicamente», critica a sua volta Janiak citato dal giornale. Interpellato da Keystone-ATS, il "senatore" ha risposto di non avere nulla da aggiungere.

Dal canto suo il giudice ticinese, interpellato dal quotidiano, ha risposto di non volersi esprimere pubblicamente su un procedimento in corso.

Istanze di ricusazione - La Corte dei reclami penali, lo scorso 17 giugno, ossia cinque giorni dopo l'incontro vodese, aveva in parte accolto due istanze di ricusazione contro il procuratore generale Lauber e i membri della task force dell'MPC istituita nel 2015 per occuparsi delle inchieste sugli scandali di corruzione che hanno coinvolto la Federazione internazionale di calcio (FIFA). Queste sono attualmente 25.

Più precisamente, aveva accolto le domande di ricusazione formulate da due degli imputati in questi procedimenti - l'ex segretario della FIFA Jérôme Valcke e l'ex capo delle finanze della federazione Markus Kattner, secondo il "Tages-Anzeiger" - nei confronti di Lauber, dell'ex procuratore federale capo Olivier Thormann (che è ora giudice alla Corte d'appello del TPF) e di un altro procuratore federale. A Lauber sono rimproverati gli incontri informali non registrati - contrari alle regole di procedura - con il presidente della FIFA Gianni Infantino, incontri che secondo il TPF possono far sorgere dubbi sull'imparzialità del procuratore generale.

Lauber ingaggia avvocato - Nella sua risposta alla richiesta di conferma di Keystone-ATS, l'MPC scrive che gli sono state «riferite informazioni che lasciano concludere a una possibile parzialità» del giudice federale che ha presieduto alle decisioni riguardanti la Procura federale e Lauber in particolare.

Il "Tages-Anzeiger" scrive anche che Lauber ha ingaggiato il noto avvocato Lorenz Erni in relazione al procedimento disciplinare disposto nei suoi confronti dall'Autorità di vigilanza sull'MPC (AV-MPC) per gli incontri con Infantino. Interpellata al riguardo, la Procura federale conferma solo che il suo capo «si fa rappresentare legalmente», senza aggiungere altro.

Ieri l'AV-MPC ha reso noto di aver designato gli esperti incaricati di svolgere l'inchiesta disciplinare. La direzione dell'indagine sarà assunta da Peter Hänni, professore ordinario emerito di diritto costituzionale e amministrativo, coadiuvato da due ulteriori specialisti, gli avvocati Lukas Blättler e Sarah Duss.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
41 min
«Ho una targa che scotta»
Un mistero irrisolto dagli anni di piombo: la pista porta... a una ditta di pulizie del Bellinzonese
FOTO E VIDEO
GAMBAROGNO
1 ora
Due feriti lievi nell'incidente sul piano di Magadino
Il conducente di una Citroën avrebbe tamponato violentemente la Toyota che lo precedeva
TORRICELLA-TAVERNE
2 ore
Strani movimenti nell'ex prigione: ecco cosa succede
Il Naravazz è ufficialmente chiuso nel 2013. Ma puntualmente la popolazione nota curiose attività.
CANTONE
10 ore
Premi 2021: «Loro con le tasche piene, noi bistrattati»
L'esperto di sanità e socialità Bruno Cereghetti: «Un aumento vergognoso che non trova giustificazione»
CANTONE
11 ore
30'000 firme contro l'eutanasia degli animali sani
Sono state consegnate oggi a Daniele Caverzasio, il comitato: «Aspettiamo con fiducia la risposta del Parlamento»
LOSONE
12 ore
Un caso di Covid-19 alle medie di Losone
La classe è stata messa eccezionalmente in quarantena, i sintomi del ragazzo si sono manifestati dopo una gita
CANTONE
13 ore
Rustico in fiamme a Novaggio
I pompieri di Novaggio sono impegnati nell'opera di spegnimento
FOTO
LUGANO
15 ore
Bus doppio prende la rotonda e... ci rimane incastrato
È successo oggi proprio davanti alla stazione di Lugano, il traffico è rimasto bloccato in entrambe le direzioni
CANTONE
16 ore
«Siamo molto delusi, è inaccettabile»
Casse malati, in Ticino è record di rincari. Il Covid non ha abbattuto i premi. La diretta con il direttore del DSS
CANTONE
16 ore
Anche Lugano corre per il WEF
Tra le opzioni al vaglio anche Montreux e il Bürgenstock.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile