Keystone
CONFINE
21.05.19 - 21:020

Con l'auto svizzera dichiara il falso. E viene denunciato

L'italiano pizzicato a Crevoladossola ha cercato di eludere i controlli affermando di essere residente all'estero. Peggiorando la situazione

CREVOLADOSSOLA - È stato pizzicato a bordo di un'auto con targa svizzera in Italia. A guidarla, però era un 24enne automobilista italiano. Che per evitare sanzioni ha provato a fare il furbo, dichiarando di essere un cittadino iscritto all’A.I.R.E. (L’Anagrafe Italiana dei Residenti all’Estero).

Tutto ciò per eludere il controllo stradale ed evitare le sanzioni previste dal Codice della Strada italiano per chi utilizza autoveicoli con targa estera. A tradirlo è stato però il comportamento estremamente nervoso ed un atteggiamento quasi indispettito.

Per queste ragioni, riferisce il portale Ossola24, i militari hanno voluto procedere con i dovuti accertamenti. Si è così appreso che il giovane era residente in Italia, nel comune di Domodossola. Insomma, aveva mentito.

I Carabinieri a quel punto non hanno potuto far altro che procedere con la denuncia a suo carico, consistente nella violazione al Codice della Strada e relativa sanzione amministrativa di circa 500 Euro, nonché della denuncia penale per “falsa attestazione ad un pubblico ufficiale”, come previsto dal Codice Penale".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora

Ben 350mila franchi per la TI 7851. Ma è un errore

La Sezione della Circolazione si è mostrata comprensiva con l'offerente. E la targa ritornerà all'asta

CANTONE / FRANCIA
5 ore

Ticinesi bloccati in Corsica: «Nella notte se le sono date di santa ragione»

Incubo finito dopo 24 ore bloccati sul traghetto. «Questa mattina siamo ripartiti. Ma che esperienza...»

CANTONE
6 ore

Un esercito di ticinesi indebitati

I numeri di Caritas Ticino: in quattro anni le richieste d'aiuto sono decuplicate. «E non riguardano solo giovani o disoccupati»

CANTONE
8 ore

Dal licenziamento a 50 anni alla rinascita. Passando per una tragedia

La storia di Giovanni Ardemagni che dalla sua esperienza ha tratto il romanzo “Un momento fa, forse”: «Un racconto a tinte giallo noir che pesca dalla realtà, ma in grado di far riflettere»

CANTONE
9 ore

Allievi difficili e vacanze estive: «In Ticino non è prevista la scuola speciale»

A differenza di Zurigo, la presa a carico avviene tramite il Sostegno pedagogico. E non si interrompe con le ferie, spiega la responsabile

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report