Da allora Joselito, oltre ai problemi fisici, soffre di ansia
CANTONE
24.04.19 - 19:230

Incidente nel San Gottardo: «Io salvo per miracolo, ma tremo ancora»

Il racconto di Joselito Centorame, scampato a un frontale con un camion nel 2015: «Ha cambiato la mia vita. Fatti come questi incidono sull’esistenza di intere famiglie»

LUGANO - «Quando ho sentito alla radio quello che è successo nel Gottardo ho iniziato a tremare». Sono passati quasi 4 anni e mezzo eppure Joselito Centorame non ha ancora dimenticato. Il 12 gennaio del 2015, in auto con altri tre colleghi di lavoro nello stesso tunnel, è sopravvissuto per miracolo a un frontale con un camion. Cinque i feriti in quell'occasione.

«Invase la nostra corsia. Dopo lo scontro il camionista, ancora sotto shock, percorse altri 6 chilometri prima di fermarsi». Nell’auto, invece, il 47enne di Torre si ritrovava con il femore frantumato, la lesione di due costole e contusioni varie. 

«Quanto successo mi ha cambiato la vita. Ho subito diversi interventi e non potendo rientrare subito sul lavoro, due anni dopo sono stato licenziato. Avevo 25 anni di attività alle spalle. La legge d’altra parte lo permette. A quel punto ho dovuti reinventarmi», racconta.

Oggi Joselito lavora al 50% grazie a un amico ed è aiutato dalla disoccupazione. «Ma si fa fatica. E a questa età sei già vecchio. Non voglio certo piangermi addosso, sono fortunato ad avere l’appoggio della mia famiglia, ma quel che non si capisce è che fatti come questi vanno a stravolgere delle esistenze. Persino la vita di intere famiglie».

«Oggi soffro di artrosi alla gamba sinistra e ho problemi alle ginocchia», aggiunge. Oltre ai problemi fisici poi ci sono quelli psicologici: «È un impatto non indifferente. Ancora adesso, se vedo un incidente in televisione inizio a tremare. E l’ansia resta, sempre. In quel momento invece pensavo solo alla mia famiglia. Ho creduto che non l’avrei più rivista».

Quello di Joselito è anche un appello. Come quello di tantissimi lettori che hanno scritto dopo l’ennesima tragedia in quella galleria che molti hanno definito una «trappola mortale». Tra questi anche il 47enne: «Quanto ancora dobbiamo aspettare per questa seconda canna? Qui non è più una questione di aumentare o meno il traffico su strada, ma di capire che se succede qualcosa in quella galleria, evitare il peggio è praticamente impossibile».

4 anni fa Incidente nel San Gottardo, i feriti sono cinque
4 anni fa Incidente nella galleria del San Gottardo, quattro feriti
2 mesi fa Ucciso da una ruota impazzita: era un 65enne zurighese
2 mesi fa Travolto dalla ruota del camion, un morto nel San Gottardo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora

Il PS contro Plein: «Il borioso modaiolo si rassegni, la legge vale anche per lui»

Non sono piaciute ai socialisti le battutine dello stilista tedesco sul mondo del lavoro svizzero: «Si è preso gioco del Ticino»

LUGANO
3 ore

Ordina prodotto per suicidarsi: la famiglia se la prende con le dogane

Nell’era in cui una 17enne grigionese finisce in tribunale per avere acquistato un coltellino “proibito” su Wish, ecco invece cosa riesce a fare un giovane ticinese

SONDAGGIO
CANTONE
5 ore

Col treno per Malpensa, sui bus c'è qualche passeggero in meno

Dallo scorso 9 giugno il collegamento ferroviario dal Ticino non prevede il cambio a Mendrisio. Ma per ora nel trasporto su gomma si osserva solo un leggero calo della richiesta

MINUSIO
7 ore

«Abbiamo visto un corpo galleggiare, ci siamo tuffate»

Sono state due 26enni le prime a soccorrere la donna, ora in ospedale, che ieri sera ha rischiato l'annegamento nel Verbano

FOTO E VIDEO
MINUSIO
15 ore

Rischia di annegare nel Verbano, donna in ospedale

È accaduto attorno alle 21 in via alla Riva. La dinamica dei fatti non è al momento nota

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile