Ti Press (archivio)
CANTONE
15.04.19 - 17:180
Aggiornamento : 21:16

Delitto di Monte Carasso: carcere a vita per lei, 16 anni per lui

Entrambi sono stati riconosciuti colpevoli di assassinio

LUGANO - Il carcere a vita per lei. Sedici anni per lui. Lo ha stabilito la Corte delle Assise criminali presieduta dal giudice Amos Pagnamenta, che ha emesso oggi la sentenza per il delitto di Monte Carasso del 19 luglio 2016. Delitto in cui l’imputato di 49 anni aveva tolto la vita all’ex moglie, spinto dalla nuova consorte, cittadina russa di 39enne. Con un piano premeditato. «Lei era coinvolta fin dall’inizio nell’uccisione della donna» ha osservato il giudice, confermando l’ipotesi di correità. E si trattò di assassinio, «per il movente, lo scopo e le modalità».

«La consorte desiderava uno stile di vita al di sopra delle loro possibilità» ha spiegato il giudice. E ha sottolineato che nel loro matrimonio «aveva più importanza il risvolto economico che quello sentimentale». La 39enne era arrivata in Svizzera dalla Russia in cerca di una situazione finanziaria migliore. «Lui temeva che lei tornasse in patria, questo lo ha indotto ad assecondare le richieste della donna, anche se prive di logica e di buonsenso».

Se la posizione dell’uomo - che si era costituito due anni dopo i fatti - era chiara, per la condanna della donna la Corte si è chinata sulla valutazione della chiamata di correo da parte dell’imputato. E ha rilevato che «ha spesso fornito descrizioni non coerenti e non lineari su diversi aspetti della vicenda. Ma per i fatti salienti, quando ha tirato in ballo la consorte, ha più volte detto che lei l’ha aiutato a pianificare l’omicidio». La chiamata è emersa in modo spontaneo e disinteressato. «Non è cristallina, ma appare credibile».

Le richieste delle parti - La procuratrice pubblica Chiara Borelli aveva chiesto il carcere a vita per lei e quattordici anni per lui. Il difensore Pietro Croce puntava invece a una pena non superiore ai sette anni per lui, in considerazione della lieve scemata imputabilità e del sincero pentimento dell’imputato. E l’avvocato Yasar Ravi aveva chiesto l’assoluzione per la donna.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
20 min
Vaccinazione, neo-mamme preoccupate
L'Eoc è confrontato con i dubbi delle donne in dolce attesa. Il primario Papadia fa chiarezza
LUGANO
1 ora
Un centro tamponi nel parcheggio del Casinò
La casa da gioco offre la possibilità di effettuare un test a tutti i suoi clienti che non dispongono del certificato.
CANTONE
3 ore
Le 24 misure del PS per trasformare il Ticino
Il progetto intende contribuire a costruire un Cantone «inclusivo, sostenibile e accogliente».
CANTONE
4 ore
Città Ticino si scopre "Sfittopoli": urge ricontare
La situazione dello sfitto nei centri appariva drammatica, invece è tragica
FOTO
MENDRISIO
5 ore
Il giallo diventa più verde
L’organizzazione di recapito del Mendrisiotto è la prima in Ticino ad avvalersi di veicoli completamente elettrici.
CANTONE
8 ore
L'elettricità di 150'000 famiglie per il secondo tubo del San Gottardo
L'energia necessaria per la realizzazione del traforo sarà fornita da un consorzio che unisce AET ed EWA-energieuri
CANTONE
8 ore
L'intelligenza artificiale che tiene sotto controllo il cuore
Ecco un progetto “made in Ticino” pensato per i pazienti affetti da disturbo del ritmo cardiaco su base genetica
CANTONE
10 ore
Covid in Ticino: 21 nuovi casi, stabili i ricoverati
Non si contano nuove vittime della malattia. Sette le classi tuttora in quarantena.
CANTONE
10 ore
È scontro politico sulle ispettrici contro la disparità di genere
Iniziativa contro il dumping, la Commissione propone lo stralcio del concorso al femminile: «Sarebbe discriminatorio»
CANTONE
13 ore
Insetti nel piatto? Ai ticinesi è passato l'appetito
Da Migros saranno tolti dall'assortimento. Nei negozi Coop le vendite restano stabili
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile