Tio / D.I.
+ 3
LUGANO
11.04.19 - 08:300
Aggiornamento : 10:39

Che pasticcio sulla frana di Davesco: chi paga?

Il proprietario del terreno è deceduto. Gli eredi si sono fatti da parte. La Città attende di riavere i soldi anticipati per le verifiche. E la famiglia di una vittima non ha ricevuto alcun risarcimen

LUGANO – Un gran garbuglio. La frana di Davesco, verificatasi nel novembre del 2014, e costata la vita a due donne che vivevano nella palazzina travolta dai detriti, continua a fare discutere. Stavolta per questioni finanziarie. Il proprietario del terreno è deceduto nel 2018. I suoi eredi avrebbero rinunciato all’eredità. Quindi non potranno, e non dovranno, risarcire i creditori dell’uomo. Né la Città di Lugano, che aveva anticipato diverse decine di migliaia di franchi per le verifiche della situazione. Né la famiglia di una delle due vittime (l’altra era figlia del proprietario stesso).

Grosse pendenze finanziarie – Se dal profilo della messa in sicurezza della zona la situazione sembra essere stata ripristinata (mancherebbe solo il collaudo finale), altrettanto non si può dire per le pendenze finanziarie in sospeso. «Ci risulta che siamo di fronte a un’eredità giacente – dice Angelo Jelmini, capo del Dicastero sviluppo territoriale –. In queste circostanze, dunque, la palla passa ad altre istanze».

I tempi si dilatano – Ad esempio, agli uffici di esecuzioni e fallimenti. La faccenda, dal momento che ora si dovrà fare luce sui beni effettivi rimanenti dell’ormai ex proprietario del terreno, rischia di andare decisamente per le lunghe. Gli accertamenti, visto che l’uomo è morto solo pochi mesi fa, sarebbero ancora in corso. «Noi – riprende Jelmini – abbiamo in ogni caso fatto presente nelle dovute sedi che stiamo aspettando di riavere quanto abbiamo anticipato». 

Misteri della burocrazia – Verrebbe da chiedersi come mai dal 2014, anno della tragedia, nulla si sia mosso fino al 2018, anno del decesso del proprietario. Mistero. Una cosa è certa. Anche la famiglia di una delle due vittime è in attesa di risarcimento, per avere perso la propria cara. In  linea teorica dovrebbe rispondere l’assicurazione dell’ex proprietario dello stabile. Ma ora che è deceduto, chi se ne occuperà? «Aspettiamo risposte concrete da troppo tempo – sospira una famigliare della vittima –. È davvero una situazione triste».

Tio/Davide Giordano
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
LUGANO
1 ora
Quando la strada per il medico è troppo lontana
Davanti alla stazione di Lugano sono comparsi alcuni cartelli con il tipico aspetto della segnaletica svizzera dei sentieri. Ma con località tutt'altro che nostrane...
LAMONE
1 ora
Due ticinesi in Laos a caccia di urla bestiali
Filippo Franchini, 29 anni, è dottorando in statistica. Con un drone acustico brevettato insieme al fratello e a un amico, volerà in Asia per censire i gibboni, scimmie in via d’estinzione
CANTONE
10 ore
Renzetti "flashato" a 177 km/h: «Ero arrabbiato con l'arbitro»
Il presidente dei bianconeri ha calcato un po' troppo il piede sulla A13 rientrando da una partita fuori casa: «Non pensavo la mia Golf fosse così potente»
CANTONE
11 ore
Merlini: «C'è desiderio di cambiamento, e va rispettato»
Dopo l'odierna sconfitta, il candidato PLR intende ritirarsi dalla politica: «Ora ho più tempo per la mia attività professionale»
CANTONE
13 ore
La bucalettere strabocca: «Avrei potuto rubare diverse schede»
Molte persone aspettano l’ultimo momento per imbucare la busta del voto per corrispondenza. Un’abitudine che però può creare qualche problema...
CANTONE
13 ore
Carobbio: «La mia elezione? Un segnale per l’uguaglianza di genere»
Per la prima volta una donna rappresenterà il Ticino al Consiglio degli Stati
CANTONE
14 ore
«Nessuna guerra con la Carobbio, troveremo accordi»
Un esponente dell’UDC e una del PS andranno d’accordo insieme al Consiglio degli Stati? Marco Chiesa: «Certamente sull’aumento dei premi casse malati troveremo soluzioni convergenti»
CANTONE
15 ore
Neve sull'A2, «lunghi ritardi» verso nord
Spazzaneve in azione sul posto. Disagi alla circolazione in entrambe le direzioni
CANTONE
16 ore
Lombardi: «Sapevo che col ticket avrei rischiato»
La reazione dell’ormai ex senatore PPD ticinese dopo la sua mancata rielezione
CANTONE
17 ore
Giovanni Merlini lascia la politica
Il candidato del PLR non è riuscito a conservare il seggio lasciato vacante da Fabio Abate. Caprara: «Mi assumo la responsabilità di questo risultato»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile