Rescue Media (archivio)
La rissa era avvenuta nelle prime ore del 21 ottobre 2017 all’esterno della discoteca Blu Martini, in via al Forte a Lugano
CANTONE
10.04.19 - 10:140

Alla sbarra per la maxirissa con accoltellamento

Si è aperto oggi alle Criminali il processo per l’episodio del 21 ottobre 2017. Quattro imputati accusati di tentato omicidio intenzionale

LUGANO - Un giovane di origine balcanica ma cittadino svizzero e tre sudamericani. Sono i quattro imputati - di età compresa tra i 24 e i 46 anni - che oggi compaiono alle Criminali per la maxirissa con accoltellamento avvenuta nelle prime ore del 21 ottobre 2017 all’esterno della discoteca Blu Martini, in via al Forte a Lugano. Davanti alla Corte presieduta dal giudice Mauro Ermani, i quattro devono rispondere principalmente di tentato omicidio intenzionale.

Nella rissa - che aveva visto lo scontro di bande rivali di origine albanese e sudamericana - erano volati pugni, ma poi anche bottiglie. Ed erano spuntati coltelli. Erano almeno una dozzina i protagonisti. Uno di loro - il giovane che aveva tirato il primo pugno - è già stato condannato, la scorsa estate, a tre anni e mezzo di carcere.

Lo scontro avrebbe avuto lo scopo, come si evince dall’atto d’accusa, di vendicare un pestaggio avvenuto una settimana prima. Un pestaggio in cui era stato preso di mira il fratello del 24enne di origine balcanica. Per l’occasione il gruppo si era munito di una pistola e di un coltello con una lama di quindici centimetri (previste le imputazioni alternative di atti preparatori punibili di omicidio intenzionale o lesioni gravi).

Nei giorni immediatamente precedenti alla rissa la pistola era stata importata dall’Italia. E poi quel 21 ottobre era stata portata a Lugano con colpo in canna e caricatore pieno, proprio in vista dello scontro con gli albanesi. A mente dell’accusa, in aula rappresentata dal procuratore pubblico Moreno Capella, i quattro avrebbero tentato di uccidere uno o più membri dell’altra banda.

I quattro imputati sono difesi dagli avvocati Andrea Cantaluppi, Hugo Haab, Daniele Molteni ed Egidio Mombelli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
47 min
Covid-19, ristoratori "presi in giro" dalle assicurazioni
Il fenomeno coinvolge diversi esercenti a sud delle Alpi, ma anche nel resto della Svizzera. La rabbia di GastoTicino
CANTONE
1 ora
Le temperature tornano a salire
Nei prossimi giorni la colonnina di mercurio supererà i 20 gradi
FOTO E VIDEO
TENERO-CONTRA
2 ore
Incendio in cucina, palazzina evacuata
Nessuno avrebbe riportato ferite. L'intervento dei pompieri ha evitato il peggio
CANTONE
11 ore
«Il Covid-19? Non piangiamoci addosso»
Svizzera Turismo parla di gravi perdite in alcune località di punta. Con ripercussioni anche a lungo termine.
CANTONE
14 ore
Troppe case secondarie "prese d'assalto"
Ecco la fotogallery pubblicata dal blog "La Voce del Gambarogno". Perché il messaggio non passa?
LIVE
CANTONE
15 ore
Christian Vitta: «Nei prossimi mesi prepariamoci a una “normalità limitata”»
A Bellinzona si è tenuta la conferenza stampa dello Stato Maggiore di Condotta
VIDEO
CANTONE
15 ore
Christa Rigozzi e Petkovic: «Non è il momento di venire in Ticino»
Due testimonial d’eccezione, e un volantino, spiegano ai confederati perché per Pasqua è meglio restare a casa
CANTONE
17 ore
Tornano i controlli della velocità
L'attuale situazione legata al coronavirus obbliga la polizia a un utilizzo mirato delle risorse.
CANTONE
20 ore
I turisti sono (già) in ritirata
Lo dice un'indagine pubblicata dall'O-Tur e basata sulle prenotazioni ad aprile negli alberghi
CANTONE / SVIZZERA
21 ore
«In Ticino con la truppa nonostante un contagio»
Alcuni militi criticano la gestione dell'emergenza: «Distanze non rispettate». L'Esercito: «È questione di disciplina».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile