Varesenews
Un vero e proprio "outlet della droga"
+ 5
CANTONE / CONFINE
03.04.19 - 11:190
Aggiornamento : 17:40

L'"outlet della droga" nei boschi di confine: tra cocaina e paura

Ennesimo arresto nelle valli del Varesotto. Questa volta sarebbe stato fermato il manager “sul campo” dello spaccio delle valli. Tra i clienti anche una decina di ticinesi

VARESE/LUINO - Un vero e proprio "outlet della droga". Così viene ormai definita la zona delle valli a cavallo tra Varesotto e Ticino, teatro nelle ultime settimane di diversi arresti per spaccio di droga. Di qualunque tipo, dall'eroina alla cocaina.

Come dei veri e propri negozietti, tra i boschi si celano gli "uffici" degli scagnozzi di una banda criminale che affonderebbe le radici a Milano, ma che nella fascia di confine hanno trovato terreno fertile per i propri affari. Sono almeno 19 i punti di spaccio identificati dai Carabinieri italiani che - come riferisce il portale Varese News - hanno ridotto ai minimi termini questa associazione criminale che si affida a spacciatori marocchini, ma farebbe capo alla ‘ndrangheta.

Aggressività e paura - Il lavoro degli inquirenti ha permesso di decapitare questa banda con l'arresto di P.A. che non solo era il manager “sul campo” dello spaccio delle valli, ma anche il tramite con i grossisti della cocaina e dell’eroina di Corsico. Il marocchino viene definito non solo abile organizzatore, ma all’occorrenza anche feroce, quando c’è da recuperare i crediti con i clienti. Ecco il perché dei selfie con tanto di armi, trovati sui telefonini sequestrati agli spacciatori. Le foto servivano per intimorire che aveva accumulato debiti e tardava a pagare.

Ma l'aggressività veniva sfoderata anche in presenza di sfortunati visitatori dei boschi (fungiàtt, escursionisti o cacciatori) che avevano la sfortuna di incrociare gli "shop".

Frontalieri e ticinesi - Il perché di questa trasferta, dal milanese ai grigi boschi di montagna, è facile da capire: la prossimità della piazza con il Ticino permetteva di trattare con clienti più danarosi. Perlopiù frontalieri, molti giovani e con possibilità finanziarie differenti rispetto alla media. Ma, confermano i Carabinieri, anche clienti ticinesi (se ne contano almeno una decina). Ecco il perché delle diverse centinaia di franchi trovate nelle tasche degli spacciatori.

La rete si era diffusa a “ventaglio”, tra le valli del Lago Maggiore e Ceresio: dalla cascata della Froda a Castelveccana, a Biviglione, da Montegrino Valtravaglia a Brusimpiano sul lago di Lugano, passando per Castel Cabiaglio, Brinzio e il belvedere di Ardena.

Varesenews
Guarda tutte le 9 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 ora

Grande successo per la nuotata popolare nel lago

I primi a tagliare il traguardo dopo avere attraversato i 2'500 metri che separano Caprino dal Lido sono stati Pierandrea Titta e Maria Fernanda Stornetta

CANTONE
1 ora

Dalla canicola alla neve, quando l’allerta corre sul filo dei social

La bacheca degli Amici di MeteoLocarno è seguita da oltre 17mila persone. La pagina ora cambia nome. Ma cambierà anche il resto? Lo abbiamo chiesto a Nicola Gobbi

FOTO
MINUSIO
3 ore

La barca va giù, sei giorni dopo il recupero

Sono state laboriose le operazioni effettuate dai pompieri di Locarno in collaborazione con un cantiere nautico della zona

GRAVESANO
6 ore

Operazioni fasulle, la prima segnalazione in febbraio

Il medico cantonale aveva scritto alla magistratura di un «possibile pericolo per la salute pubblica». Ma all’Ars Medica la procura aveva assicurato: «Nessun pericolo per i pazienti»

MURALTO
21 ore

«Vorremmo tenere aperto fino a mezzanotte, ma ce lo vietano»

Il negozietto di fronte alla stazione torna a fare discutere. Il giovane responsabile: «L’estate per noi è il momento degli affari». Il sindaco: «Prolungamento degli orari inopportuno»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile