Varesenews
Un vero e proprio "outlet della droga"
+ 5
CANTONE / CONFINE
03.04.19 - 11:190
Aggiornamento : 17:40

L'"outlet della droga" nei boschi di confine: tra cocaina e paura

Ennesimo arresto nelle valli del Varesotto. Questa volta sarebbe stato fermato il manager “sul campo” dello spaccio delle valli. Tra i clienti anche una decina di ticinesi

VARESE/LUINO - Un vero e proprio "outlet della droga". Così viene ormai definita la zona delle valli a cavallo tra Varesotto e Ticino, teatro nelle ultime settimane di diversi arresti per spaccio di droga. Di qualunque tipo, dall'eroina alla cocaina.

Come dei veri e propri negozietti, tra i boschi si celano gli "uffici" degli scagnozzi di una banda criminale che affonderebbe le radici a Milano, ma che nella fascia di confine hanno trovato terreno fertile per i propri affari. Sono almeno 19 i punti di spaccio identificati dai Carabinieri italiani che - come riferisce il portale Varese News - hanno ridotto ai minimi termini questa associazione criminale che si affida a spacciatori marocchini, ma farebbe capo alla ‘ndrangheta.

Aggressività e paura - Il lavoro degli inquirenti ha permesso di decapitare questa banda con l'arresto di P.A. che non solo era il manager “sul campo” dello spaccio delle valli, ma anche il tramite con i grossisti della cocaina e dell’eroina di Corsico. Il marocchino viene definito non solo abile organizzatore, ma all’occorrenza anche feroce, quando c’è da recuperare i crediti con i clienti. Ecco il perché dei selfie con tanto di armi, trovati sui telefonini sequestrati agli spacciatori. Le foto servivano per intimorire che aveva accumulato debiti e tardava a pagare.

Ma l'aggressività veniva sfoderata anche in presenza di sfortunati visitatori dei boschi (fungiàtt, escursionisti o cacciatori) che avevano la sfortuna di incrociare gli "shop".

Frontalieri e ticinesi - Il perché di questa trasferta, dal milanese ai grigi boschi di montagna, è facile da capire: la prossimità della piazza con il Ticino permetteva di trattare con clienti più danarosi. Perlopiù frontalieri, molti giovani e con possibilità finanziarie differenti rispetto alla media. Ma, confermano i Carabinieri, anche clienti ticinesi (se ne contano almeno una decina). Ecco il perché delle diverse centinaia di franchi trovate nelle tasche degli spacciatori.

La rete si era diffusa a “ventaglio”, tra le valli del Lago Maggiore e Ceresio: dalla cascata della Froda a Castelveccana, a Biviglione, da Montegrino Valtravaglia a Brusimpiano sul lago di Lugano, passando per Castel Cabiaglio, Brinzio e il belvedere di Ardena.

Varesenews
Guarda tutte le 9 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
21 min
«Ha ucciso la nonna per darle una lezione»: 18 anni al nipote
L’autore del delitto di Caslano è stato condannato per assassinio. La pena sospesa a favore di un trattamento stazionario
LUGANO
37 min
Mezzo milione per uno studio: obiettivo lungolago
Il Municipio di Lugano ha licenziato il messaggio per il credito al masterplan. Al via la progettazione
CASTEL SAN PIETRO
1 ora
«A me, il salario minimo non cambia niente»
L'imprenditore Alberto Siccardi sulla soglia dei 19.50 franchi orari
CANTONE / CONFINE
3 ore
Shopping natalizio in Italia? Domenica non ci saranno TILO
Ennesimo sciopero del trasporto ferroviario oltre confine. Non saranno assicurate nemmeno le fasce orarie di garanzia
CANTONE
3 ore
Bimba in affido maltrattata: colpevole
Confermata la condanna a 16 mesi sospesi, pronunciata in primo grado per il tutore legale
SONDAGGIO
CANTONE
4 ore
Settimana sulla neve: in Ticino la vacanza è più conveniente
Un’analisi della Banca Cler rileva comunque che nel 2020 in Svizzera i prezzi aumenteranno del 6%
BELLINZONA
5 ore
Inaugurato e "in orario", ecco il nuovo nodo intermodale
Presentato oggi, come da programma, il rinnovato piazzale della Stazione
CANTONE
6 ore
Il raddoppio del Gottardo sarà realtà nel 2032
Berna ha approvato il progetto esecutivo. Il materiale di scavo verrà usato per la copertura dell'A2 ad Airolo e per la rinaturazione del lago di Uri. I lavori inizieranno l'anno prossimo
CANTONE
7 ore
Ecco cosa ha irritato i consumatori ticinesi nel 2019
Garanzie non riconosciute e ritardi nelle consegne sono i crucci maggiori
CANTONE / SVIZZERA
8 ore
La pazza (e benefica) idea: da Berna a Chiasso a piedi
Non nuovo alle iniziative fuori dal comune, Bruno Kraken percorrerà 300 km in poco più di tre giorni. Obiettivo: raccogliere fondi per i bambini che soffrono
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile