TiPress - foto d'archivio
CANTONE
28.03.19 - 18:460
Aggiornamento : 22:09

Rissa alla Stampa: «Non volevamo fare quel casino»

La difesa chiede l’assoluzione per (quasi) tutti gli imputati a processo alle Correzionali

LUGANO - Otto arringhe, sette richieste di assoluzione. È così che si possono riassumere gli interventi dei difensori nel processo per la rissa dello scorso 23 giugno nel cortile del penitenziario cantonale della Stampa. Una rissa in cui, a mente dell’accusa, avrebbero preso parte otto detenuti, oggi in aula alle Correzionali.

Ma soltanto uno di loro ha ammesso di aver sferrato un colpo, anzi, il primo colpo: «Per futili motivi si è lasciato trascinare dall’istinto. E in parte è stato causa della rissa» come affermato dall’avvocato Sebastiano Pellegrini, in difesa del suo assistito. «La sua intenzione iniziale non era di venire alle mani». Per questo il legale ha chiesto che un’eventuale condanna nei suoi confronti sia contenuta entro sei mesi e sospesa con la condizionale.

Un’aggressione - Per gli altri sette, come detto, è invece stata chiesta l’assoluzione. Alcuni sarebbe stati vittime di un aggressione, come sostenuto dagli avvocati Deborah Gobbi e Mario Bazzi in difesa dell’italo-brasiliano e del carcerato di origini ucraine. «Non si trattò di un alterco tra due fazioni, si trattò di una vera e propria aggressione nei confronti dei due detenuti» ha affermato Gobbi.

«Volevano porre fine alla rissa» - Altri sarebbero invece finiti nella rissa soltanto con l’intenzione di sedare gli animi. «Nessuno ha visto il mio assistito sferrare colpi. Lui gridava “Basta! Basta”» ha detto l’avvocato Maurizio Pagliuca. Così anche la legale Benedetta Noli, secondo cui il suo cliente era intervenuto «perché la rissa terminasse».

Il video? «Un ammasso di pixel» - Gli avvocati Marco Masoni e Andres Alessandro Martini hanno invece insistito sulla mancanza di certezze, appellandosi quindi al principio “in dubio pro reo”. Martini, facendo riferimento alla registrazione della videosorveglianza, ha inoltre sostenuto che «la figura identificata come l’accusato non è altro che un ammasso di pixel». Così anche il legale Matteo Quadranti: «La qualità non è tale da permettere di chiarire la realtà dei fatti».

La parola agli imputati - Gli imputati, a cui è andata l’ultima parola, si sono detti dispiaciuti per quanto successo quel 23 giugno del 2018. «Non volevamo fare casino».

Nei confronti degli otto imputati, la procuratrice pubblica Pamela Pedretti ha invece chiesto pene comprese tra tre e otto mesi da espiare. La decisione della Corte, presieduta dal giudice Mauro Ermani, sarà comunicata domani verso le 12.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
4 ore
Veicoli in fiamme vicino alla dogana di Gandria: c'è un fermo
Il presunto responsabile sarebbe un 24enne del Comasco, già finito in manette
LUGANO
14 ore
La photo challenge di Lorenzo: «Fatevi una foto con la scritta»
L'ex pilota di MotoGp in posa con il sindaco Marco Borradori invita i suoi follower a visitare Lugano
LOCARNO
15 ore
L'Astrovia di Locarno? «Da oltre dieci anni abbandonata a se stessa»
Un'interrogazione chiede al Municipio d'intervenire per sistemare il percorso didattico
CANTONE
20 ore
Ecco le località nel mirino del radar
Sono sette i distretti ticinesi in cui sono previsti controlli mobili della velocità
SLOVENIA / SVIZZERA
20 ore
La Slovenia mette la Svizzera sulla lista gialla
Ora è prevista una quarantena di 14 giorni per chi entra nel Paese
FOTO
BELLINZONA
21 ore
Corbaro ha ritrovato la libertà
La Spab si è presa cura del rapace, che ora riprenderà la sua vita nei boschi che sovrastano la Turrita
CANTONE
1 gior
Fine della tregua: riecco la canicola
MeteoSvizzera annuncia una nuova ondata di caldo. Temperature fino a 34 gradi da domani a mercoledì
CANTONE
1 gior
Il Ticino ha tre nuovi casi di coronavirus
Nel nostro cantone il tampone ha dato esito positivo per un totale di 3'449 persone da inizio pandemia.
LUGANO
1 gior
Muffa e umidità: e ti ritrovi in trappola
I guai di una 30enne nel suo appartamento. Ora se ne andrà per questioni mediche. Ma il proprietario non si fa trovare.
GORDEVIO
1 gior
«Le mie vacanze in Kenya per aiutare chi ha bisogno»
Un cuore grande, molta generosità e la voglia d'imparare da chi non ha nulla ma è sempre felice.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile