tipress (archivio)
CANTONE
01.03.19 - 17:140
Aggiornamento : 19:18

Pianificazione ospedaliera, accolti i ricorsi delle cliniche Moncucco e Santa Chiara

Inoltrato nel 2016 è stato accettato dal Tribunale Amministrativo federale. «Commissione e Gran Consiglio dovranno nuovamente chinarsi sul tema»

LUGANO - I ricorsi inoltrati nel 2016 dalla Clinica Moncucco e dalla Clinica Santa Chiara contro la pianificazione ospedaliera sono stati accettati. A renderlo noto sono il DSS e la stessa clinica luganese. Quest'ultima, assieme alla Santa Chiara, si era da subito mostrata contraria alla pianificazione adottata nel dicembre 2015 dal Gran Consiglio ticinese.

La decisione del Tribunale Amministrativo federale, quindi, viene accolta di buon grado «perché conferma i dubbi e le riserve sollevate nel ricorso», sottolinea la Clinica Moncucco augurandosi che la decisione odierna, «motivata in una sentenza di una cinquantina di pagine, possa servire da linea direttrice per la Commissione della pianificazione ospedaliera e per il Gran Consiglio ticinese che dovranno nuovamente chinarsi sul tema della pianificazione ospedaliera».

La pianificazione - Definita in precedenza da un decreto legislativo del 29 novembre 2005, la pianificazione ospedaliera cantonale è stata rivista con un lungo iter procedurale iniziato nel 2011 e terminato il 15 dicembre 2015 con l’approvazione da parte del Gran Consiglio del nuovo elenco degli istituti autorizzati a esercitare a carico della legge federale sull’assicurazione malattie (LAMal).

Le sentenze - Le sentenze pervenute oggi permettono almeno in parte di chiarire aspetti procedurali, metodologie di analisi e limiti ammissibili negli interventi pianificatori delle autorità cantonali.

Dalle sentenze emerge che le decisioni sulle attribuzioni dei mandati non possono basarsi su «considerazioni estranee alla determinazione oggettiva del fabbisogno, al confronto dell’economicità e alla verifica dei requisiti di qualità. Le stesse devono inoltre essere supportate da elementi tecnici trasparenti, su cui le strutture interessate abbiano avuto la possibilità di prendere posizione».

Sono ad esempio state criticate «l’attribuzione preferenziale dei mandati agli ospedali pubblici o la possibilità data agli istituti di adempiere ai requisiti richiesti per i singoli mandati entro un congruo lasso di tempo dall’ottenimento degli stessi».

Si evidenzia del resto che alcuni elementi sottolineati dalla Corte (ad esempio la statistica dei trattamenti per gruppi di prestazioni o la metodologia per analizzare e confrontare i costi per caso) non erano invero ancora consolidati al momento dell’ultimo esercizio pianificatorio, ma sono stati sviluppati successivamente, anche a livello giurisprudenziale.

Il Cantone, prendendo atto di queste sentenze, si dice pronto a «rivalutare il complesso iter procedurale e le relative competenze nonché per iniziare al più presto il nuovo esercizio pianificatorio, comunque previsto, secondo le indicazioni del Tribunale».

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 2 anni fa su tio
Sembra che per EOC e cantone ci sia un'altra gatta da pelare. Indipendentemente dai toni della sentenza , appare evidente che 5 anni di lavoro hanno dato un risultato mediocre, da rifare in pratica. Se vi aggiungiamo la dilettantesca gestione della questione Cardiocentro, da parte del presidente, siamo messi maluccio. Chissà se un cambiamento del capo dipartimento possa portare a cambiare marcia e certi personaggi.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 min
«Ci stiamo lamentando di un Paese che ci ha dato due vaccini efficaci»
Svizzera lenta e debole? La strategia rossocrociata analizzata da Alessandro Diana, infettivologo e vaccinologo.
LUGANO
47 min
«Denunciate chi avvelena i cani»
L'invito è del Municipio e del sindaco Borradori ai suoi cittadini. Anche ai 151 che hanno firmato la raccomandata
LUGANO
1 ora
Aeroporto, il Municipio ha scelto con chi prendere il volo
Licenziato il messaggio per l'autorizzazione a intavolare trattative con Amici dell'aeroporto e Marending-Artioli
CANTONE
2 ore
Un vero flop l’idea dei ristoranti trasformati in mense
Massimo Suter, presidente di GastroTicino: «In Ticino manca la massa critica»
CANTONE
2 ore
Si cerca Miguel Rozalen Jover
Residente a Chiasso, ha fatto perdere le sue tracce dal 10 di febbraio.
FOTO
BELLINZONA
4 ore
Luce verde al semi-svincolo di Via Tatti
Il Consiglio di Stato ha comunicato la crescita in giudicato della parte cantonale del progetto.
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
I ticinesi si fanno scartare
L'idoneità al servizio è del 68,5%. Tra i cantoni, il Ticino viene dopo solo Vallese, Neuchâtel e Glarona
CANTONE
6 ore
I nuovi positivi sono 50, ma c'è una vittima
Viene segnalata una nuova classe in quarantena, per la precisione presso la Scuola media di Viganello.
VIDEO
CANTONE
7 ore
La sfida dei musei: «La gente ha bisogno di cultura»
Coi recenti allentamenti delle restrizioni, i musei hanno riaperto i battenti. È ripartita anche la Da Vinci Experience
CANTONE
11 ore
A caccia di clienti del sesso in Ticino
Qui i locali erotici sono chiusi. Altrove c'è chi può restare aperto. Il direttore dell'Oceano: «Una totale incoerenza»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile