Depositphotos (baburkina)
MENDRISIO
24.02.19 - 09:040

Infermiere arrestato, la lista dei casi sospetti si allunga

Gli inquirenti cercano di fare luce su alcuni eventi risalenti fino al 2011. L’uomo è accusato di omicidio intenzionale e colposo

MENDRISIO - Si allunga la lista dei casi sospetti nei confronti dell’operatore sanitario dell’Ospedale Beata Vergine di Mendrisio arrestato il 5 dicembre scorso, inizialmente sospettato di maltrattamenti e ora - come comunicato venerdì dal Ministero pubblico - anche di omicidio.

Come riferisce oggi il Caffè, se le cartelle cliniche richieste all’ospedale da parte della magistratura erano fino ad ora tre, relative ad un periodo che va dal 2013 al 2018, ora gli inquirenti - che hanno richiesto altre tre cartelle - stanno cercando di fare luce su alcuni casi risalenti fino al 2011. La svolta, spiega il domenicale, sarebbe arrivata nel corso degli interrogatori effettuati in carcere, che avrebbero spalancato le finestre su uno scenario definito inquietante. Il dosaggio di alcuni farmaci sarebbe stato alterato.

Per la magistratura non sarà un compito semplice tracciare un confine tra lecito ed illecito nei gesti dell’uomo. Una figura di difficile lettura, dai tratti talvolta opposti ed incompatibili tra loro. Un contrasto che emerge anche nell’accostare le accuse di maltrattamento di alcuni pazienti alla possibilità di aver agito per abbreviare le sofferenze di altri.

La complessità delle indagini è indubbia. Una complessità in cui entrano in gioco ulteriori fattori. Dalla possibile manomissione dei dati riportati nelle cartelle cliniche al pericolo che l’uomo possa essere stato coperto - ed è uno dei sospetti - in alcune delle sue azioni.

TOP NEWS Ticino
LAMONE
1 ora
Due ticinesi in Laos a caccia di urla bestiali
Filippo Franchini, 29 anni, è dottorando in statistica. Con un drone acustico brevettato insieme al fratello e a un amico, volerà in Asia per censire i gibboni, scimmie in via d’estinzione
CANTONE
10 ore
Renzetti "flashato" a 177 km/h: «Ero arrabbiato con l'arbitro»
Il presidente dei bianconeri ha calcato un po' troppo il piede sulla A13 rientrando da una partita fuori casa: «Non pensavo la mia Golf fosse così potente»
CANTONE
11 ore
Merlini: «C'è desiderio di cambiamento, e va rispettato»
Dopo l'odierna sconfitta, il candidato PLR intende ritirarsi dalla politica: «Ora ho più tempo per la mia attività professionale»
CANTONE
13 ore
La bucalettere strabocca: «Avrei potuto rubare diverse schede»
Molte persone aspettano l’ultimo momento per imbucare la busta del voto per corrispondenza. Un’abitudine che però può creare qualche problema...
CANTONE
13 ore
Carobbio: «La mia elezione? Un segnale per l’uguaglianza di genere»
Per la prima volta una donna rappresenterà il Ticino al Consiglio degli Stati
CANTONE
14 ore
«Nessuna guerra con la Carobbio, troveremo accordi»
Un esponente dell’UDC e una del PS andranno d’accordo insieme al Consiglio degli Stati? Marco Chiesa: «Certamente sull’aumento dei premi casse malati troveremo soluzioni convergenti»
CANTONE
15 ore
Neve sull'A2, «lunghi ritardi» verso nord
Spazzaneve in azione sul posto. Disagi alla circolazione in entrambe le direzioni
CANTONE
16 ore
Lombardi: «Sapevo che col ticket avrei rischiato»
La reazione dell’ormai ex senatore PPD ticinese dopo la sua mancata rielezione
CANTONE
17 ore
Giovanni Merlini lascia la politica
Il candidato del PLR non è riuscito a conservare il seggio lasciato vacante da Fabio Abate. Caprara: «Mi assumo la responsabilità di questo risultato»
FOTO E VIDEO
CANTONE
19 ore
Carobbio festeggia con "Bella Ciao". Eletto Chiesa, fuori Lombardi
Il candidato UDC/Lega ha battuto nettamente gli sfidanti. Alle sue spalle è stato testa a testa fino all'ultimo. Alla fine per 45 voti la candidata del PS l'ha spuntata sull'uscente del PPD
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile