Tipress
CANTONE / SVIZZERA
15.01.19 - 14:190
Aggiornamento : 17:27

«Nessun rimborso» per i frontalieri pagati in euro

È la decisione presa oggi dal Tribunale federale, che ha accolto un ricorso delle aziende interessate. Il sindacato è deluso: «Persa un'occasione»

LOSANNA - Due frontalieri che hanno ricevuto i loro salari in euro a causa del franco forte non hanno diritto ad un rimborso. È la decisione presa oggi dal Tribunale federale, che ha in questo modo accolto un ricorso delle rispettive aziende interessate.

Secondo i due dipendenti - uno della Marquardt Verwaltungs-GmbH e uno della vonRoll production SA - la misura era contraria alla libera circolazione delle persone e i rispettivi tribunali cantonali avevano dato loro ragione. Le aziende hanno però fatto ricorso al TF, che per la prima volta ha trattato la questione dei salari in euro.

Nel 2011 la Marquardt aveva avvertito i dipendenti delle difficoltà legate al franco forte e della decisione di pagare il 70% dei salari in euro, e il restante in franchi, dal gennaio 2012. Un impiegato licenziato nel 2014 ha ottenuto 20'475 di arretrati davanti al Tribunale cantonale si Sciaffusa. Secondo questa corte si è trattato di una discriminazione indiretta dei lavoratori europei rispetti ai colleghi domiciliati in Svizzera, contraria all'accordo sulla libera circolazione.

vonRoll aveva dal canto suo instaurato un sistema dinamico, che prevedeva il pagamento degli stipendi in euro in funzione delle variazioni del franco rispetto alla valuta europea. Un frontaliere francese, davanti alla giustizia giurassiana, nel 2016 ha ottenuto 18'881 di rimborso per le perdite dovute al salario in euro, decisione confermata nel 2017. Anche in questo caso è stata ravvisata una violazione dell'accordo sulla libera circolazione.

Il TF ha però accolto il ricorso delle due aziende. Secondo l'Alta corte di Losanna entrambi i lavoratori avevano accettato nel 2011 una modifica contrattuale proprio sui salari in euro. Conoscevano quindi le circostanze particolari nelle quali si iscrivevano le misure, ovvero le gravi difficoltà economiche dei datori di lavoro.

Oltre a questo, erano perfettamente a conoscenza del fatto che un salario versato in franchi e convertiti al tasso di cambio effettivo avrebbe garantito un salario in euro più elevato di quello percepito. In queste circostanze - conclude il tribunale nella sua sentenza - non si può richiedere un risarcimento a posteriori.

Sindacati delusi - In un comunicato, il sindacato Impiegati svizzeri deplora il fatto che la questione della discriminazione dovuta ai salari in euro resti aperta.

«Il Tribunale federale ha perso l'occasione di definire il principio 'lavoro uguale, salario uguale'. Lascia i lavoratori soli davanti alla scelta di accettare una discriminazione o perdere il posto di lavoro»; ha affermato l'avvocato del sindacato Pierre Derivaz.

L'organizzazione si opporrà al versamento di salari in euro ai frontalieri se una questione simile dovesse ripetersi.

Simile la posizione di Unia, che si rammarica del fatto che la corte non abbia affrontato il tema della discriminazione, «riconosciuto invece dai tribunali cantonali di Giura e Sciaffusa». Spostando la responsabilità dell'accettazione dei salari in euro sulle spalle degli impiegati, «il TF ignora le realtà del mondo del lavoro», denuncia il sindacato in una nota.

Commenti
 
moma 10 mesi fa su tio
I frontalieri devono ringraziare mamma Svizzera che li accoglie e gli da lavoro per sfamarsi, altrimenti sarebbero disoccupati e affamati nella loro amata patria di Garibaldi. Di sicuro, avrebbero da perdere più loro che noi, in caso di licenziamento di massa.
Orso 10 mesi fa su tio
Madonna che razzisti! :) immagginate se state in ospedale e vi salva la vita un medico frontaliero....poi voglio vedere le vostre facce. Per il caso citato ha ragione il tribunale. I dipendenti lo sapevano e non avevano contestato. Quindi ciao ciao:)
ciapp 10 mesi fa su tio
eh bé mi sembra giusto
seo56 10 mesi fa su tio
Giusta sentenza!!!
Danny50 10 mesi fa su tio
Vai in Italia a farti pagare in franchi o in Inghilterra a farti pagare in euro. Ti mandano giustamente a fan....lo, a giusta ragione.
tip75 10 mesi fa su tio
invece di preoccuparci sempre di chi viene da fuori perché non ci preoccupiamo degli aumenti che non fanno mai e dei salari che sono fermi da un decennio mentre i costi sono lievitati oltremisura ?
Bandito976 10 mesi fa su tio
@tip75 Purtroppo é lo sport nazionale, per lo straniero si fanno anche inc...re.
Zico 10 mesi fa su tio
@tip75 i frontalieri l'aumento lo hanno avuto: fai il conto del franco/euro a 1,20 e rifallo a 1,10. vedi siamo noi a non avere aumenti di salario. loro sì e poi si lamentano!
MIM 10 mesi fa su tio
@Zico da 1.50 a 1.10 poi arrivò a 1.00 e intervenne la BNS. Quindi da 1.50 a 1.10 l'aumento è stato di euro 240 ogni 1000 franchi, un aumento del salario netto del 24%
TOP NEWS Ticino
LAVENA PONTE TRESA
7 ore
Non riesci nei tuoi studi? Puoi attaccarti al tram
Da qualche mese l’Istituto Fogazzaro ha aperto una “filiale” italiana, il Centro Atlante, a due passi dal confine e dal trenino FLP. Altro nome, stessa preside. Lo scopo: garantirsi un piano B
LUGANO
9 ore
La lettera della vittima in aula: «Non sono più tua figlia. Addio, papà».
Maria Galliani, legale della giovane abusata dalla "coppia horror" del Bellinzonese, racconta il presente della sua assistita: «A 17 anni si è ritrovata sola. Ora sta lottando»
VIDEO
GRANCIA
9 ore
Scairolo, acqua marrone e «odore di vernice»
La situazione segnalata da un lettore. L'Ufficio della gestione dei rischi ambientali e del suolo: «Verificheremo»
LUGANO
10 ore
«Stava giocando ai lego e i genitori l'hanno chiamato mentre facevano sesso»
Al processo contro la coppia del Bellinzonese che abusava dei figli, parla l'avvocato del ragazzo: «Ancora oggi il mio assistito è legato a mamma e papà»
LUGANO
11 ore
«Faccio fatica a definire genitori queste due persone»
Processo contro la coppia horror del Bellinzonese: la procuratrice pubblica Marisa Alfier chiede una pena di 15 anni di carcere per l'uomo e di 14 anni e 6 mesi per l'ormai ex moglie
VIDEO
GAMBAROGNO
12 ore
L’inferno alle 7 di mattina: al lavoro coi nervi a pezzi
Chiuso il nucleo di Quartino. Tutto il traffico si riversa sulla strada cantonale. Il test video di Tio/20minuti. E la rabbia degli automobilisti: «Vergognoso»
LOCARNO
13 ore
Delta Resort: «Il Municipio di Locarno fa il necessario?»
Interpellanza di Pier Mellini al Municipio sul suo operato e sull’ordine di vigilare affinché gli appartamento non siano utilizzati come residenza
CANTONE
14 ore
La rivelazione shock del padre: «Toccarmi con mia figlia era diventata un'esclusiva»
Processo alla coppia dell'orrore. Il 50enne, che abbelliva i filmati hard con effetti speciali e colonne sonore, gioca a nascondino col giudice. Intanto emerge che la madre era gelosa della ragazza
FOTO E VIDEO
CHIASSO
15 ore
Tamponamento in via Rampa, conducente ferita
L'incidente è avvenuto attorno alle 10 di questa mattina. Sul posto soccorsi e polizia
LUGANO
16 ore
«I nostri figli in quei momenti erano oggetti al servizio della coppia»
Si apre il processo nei confronti dei due genitori del Bellinzonese che per anni avrebbero abusato sessualmente dei loro ragazzi. Filmando spesso le folli gesta. Ammissioni shock da parte della mamma
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile