DepositPhotos
CANTONE
21.12.18 - 15:210
Aggiornamento : 17:11

Madre colpevole di tentato omicidio

Otto anni di carcere per la donna, tre per il padre e sedici mesi per il nonno. La Corte: «È stato reso normale, ciò che invece era aberrante»

LUGANO - Otto anni per la madre, tre anni (di cui un’anno e mezzo da espiare) per il padre. E sedici mesi, di cui sei da espiare, per il nonno. Sono queste le condanne stabilite nei confronti della famiglia comparsa alle Criminali per avere fatto subire - tra l’estate del 2015 e l’inizio del 2017 - tutta una serie di violenze ai quattro figli (vedi articoli correlati). Mettendo inoltre a repentaglio la loro vita. Per la coppia è stata riconosciuta la scemata imputabilità, per lei si parla anche di collaborazione in corso d’inchiesta. Per i due è inoltre stato ordinato un trattamento ambulatoriale. La decisione è stata comunicata poco fa dalla Corte presieduta dal giudice Mauro Ermani.

«Non poteva non sapere» - La donna è stata ritenuta colpevole di tentato omicidio, nella forma del dolo eventuale, per cinque degli episodi descritti nell’atto d’accusa: si tratta della lite con il marito in cui era spuntato un coltello e di quattro casi in cui erano coinvolti i figli, che hanno subito violenze potenzialmente letali. «Pur considerando il suo deficit cognitivo, non è possibile che l’imputata non fosse consapevole di poter uccidere». Per lei si parla anche di lesioni semplici, vie di fatto e coazione. «Ha reso normale, ciò che invece era aberrante».

La regola omertosa - È colpevole anche il padre, principalmente accusato di abbandono per non aver difeso i figli. «Ha seguito quella regola omertosa di comportamento che prevede di lavare i panni sporchi in famiglia» ha sottolineato la Corte. «L’imputato ha anteposto l’immagine della famiglia alla tutela della sana e armoniosa crescita dei bambini».

I valori del nonno - Il nonno (anche oggi assente non giustificato in aula) è stato condannato per violazione del dovere d’assistenza o educazione per aver trasmesso valori inappropriati alla famiglia. Ed era al corrente di quanto accadeva tra quelle mura domestiche, senza segnalarlo alle autorità.

Tutti espulsi - Nei confronti di tutti e tre gli imputati è ordinata l’espulsione dal territorio elvetico. Per la madre la misura vale per un periodo di dieci anni, per il padre di sette e per il nonno di cinque.

L’invito della Corte - La Corte ha concluso la comunicazione della decisione con un invito rivolto agli imputati: «Se davvero tenete ai vostri figli, lasciate che possano prendere in mano il loro futuro. Abbiate rispetto per il profondo dolore che avete loro inferto».

Il fermo del padre - Il padre, che nella mattinata di ieri non si era presentato in aula, è poi stato fermato: nel pomeriggio era arrivato al tribunale, quando il dibattimento si era già concluso e la Corte si era ritirata nella Camera di Consiglio. E infatti oggi è stato accompagnato in aula dagli agenti.

Le richieste delle parti - La procuratrice pubblica Valentina Tuoni aveva chiesto il carcere per tutti e tre gli imputati. Nello specifico: nove anni per la madre, quattro per il padre e due per il nonno. I difensori - gli avvocati Pascal Cattaneo, Stefano Camponovo e Marco Masoni - si erano invece battuti per una massiccia riduzione della pena. «Ha commesso atti imperdonabili, ma non ci troviamo di fronte a un mostro» aveva sottolineato Cattaneo in difesa della donna, facendo leva sul lieve ritardo mentale rilevato dalla perizia psichiatrica.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
5 ore
Veicoli in fiamme vicino alla dogana di Gandria: c'è un fermo
Il presunto responsabile sarebbe un 24enne del Comasco, già finito in manette
LUGANO
14 ore
La photo challenge di Lorenzo: «Fatevi una foto con la scritta»
L'ex pilota di MotoGp in posa con il sindaco Marco Borradori invita i suoi follower a visitare Lugano
LOCARNO
15 ore
L'Astrovia di Locarno? «Da oltre dieci anni abbandonata a se stessa»
Un'interrogazione chiede al Municipio d'intervenire per sistemare il percorso didattico
CANTONE
20 ore
Ecco le località nel mirino del radar
Sono sette i distretti ticinesi in cui sono previsti controlli mobili della velocità
SLOVENIA / SVIZZERA
20 ore
La Slovenia mette la Svizzera sulla lista gialla
Ora è prevista una quarantena di 14 giorni per chi entra nel Paese
FOTO
BELLINZONA
22 ore
Corbaro ha ritrovato la libertà
La Spab si è presa cura del rapace, che ora riprenderà la sua vita nei boschi che sovrastano la Turrita
CANTONE
1 gior
Fine della tregua: riecco la canicola
MeteoSvizzera annuncia una nuova ondata di caldo. Temperature fino a 34 gradi da domani a mercoledì
CANTONE
1 gior
Il Ticino ha tre nuovi casi di coronavirus
Nel nostro cantone il tampone ha dato esito positivo per un totale di 3'449 persone da inizio pandemia.
LUGANO
1 gior
Muffa e umidità: e ti ritrovi in trappola
I guai di una 30enne nel suo appartamento. Ora se ne andrà per questioni mediche. Ma il proprietario non si fa trovare.
GORDEVIO
1 gior
«Le mie vacanze in Kenya per aiutare chi ha bisogno»
Un cuore grande, molta generosità e la voglia d'imparare da chi non ha nulla ma è sempre felice.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile