Keystone
BELLINZONA
21.12.18 - 11:000
Aggiornamento : 11:54

Caso MUS, condannato anche Jacques de Groote

Il Tribunale penale federale ha riconosciuto l'ex membro del consiglio di amministrazione del FMI colpevole di truffa

BELLINZONA - Dopo le condanne di ieri nei confronti di tre uomini d'affari cechi nella vicenda della privatizzazione dell'ex società mineraria MUS in Repubblica Ceca, il Tribunale penale federale (TPF) ha riconosciuto colpevole di truffa il belga Jacques de Groote, ex membro del consiglio di amministrazione del Fondo monetario internazionale (FMI).

La Corte ha confermato la condanna pronunciata nel 2013, ma poi successivamente annullata nel dicembre 2017 dal Tribunale federale in seguito a un ricorso del belga. I giudici hanno ritenuto che de Groote aveva agito intenzionalmente, collaborando all'acquisizione del gruppo MUS mediante fondi sottratti.

L'ex dirigente del FMI, oggi 91enne, è stato condannato a 270 aliquote giornaliere da 190 franchi con la condizionale. La sentenza non è ancora definitiva ed è dunque ancora possibile un ricorso al Tribunale federale.

Nel 2013, al belga era stata inflitta una pena per truffa di 330 aliquote giornaliere da 230 franchi con la condizionale di due anni.

Ieri, il TPF aveva pronunciato le condanne nei confronti di tre uomini d'affari cechi. A uno dei tre, colpevole di truffa e riciclaggio di denaro aggravato, è stata inflitta una pena detentiva di 46 mesi e 220 aliquote giornaliere da 110 franchi con la condizionale. Un secondo è invece stato condannato a 41 mesi dietro le sbarre e 230 aliquote giornaliere da 180 franchi con la condizionale per complicità in truffa, falsità in documenti e riciclaggio aggravato.

Per il terzo invece 36 mesi di prigione, di cui 18 da scontare, e 180 aliquote giornaliere da 35 franchi. Nei confronti di tutti e tre è invece caduto il capo d'imputazione di amministrazione infedele. Anche nel caso dei tre uomini d'affari la sentenza non è ancora definitiva.

La Corte penale ieri ha inoltre mantenuto le richieste di risarcimento a favore della Confederazione per un totale di circa 243 milioni di franchi. Questi dovrebbero tuttavia essere restituiti in futuro alla Repubblica ceca in seguito all'esito di una procedura ancora pendente.

Stando all'atto d'accusa del Ministero pubblico della Confederazione (MPC), che aveva avviato un procedimento nel 2005, gli imputati avevano orchestrato dal 1997 al 2003 un'enorme sottrazione di fondi in seguito alla privatizzazione della MUS (Mostecka Uhelna Spolecnost), una delle più grandi società minerarie ceche. Le malversazioni sono state possibili grazie alla complicità di alcuni dirigenti del gruppo. Centinaia di milioni di franchi rimangono tuttora sequestrati.

10 mesi fa Caso MUS, condannati tre cittadini cechi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
GIUBIASCO
1 ora
Col furgoncino nel fiume, arrestato il guidatore-ladro
Il veicolo, di proprietà di una ditta di pompe funebri, era rubato. Dopo due incidenti l'automobilista aveva tentato la fuga. Invano
LOCARNO
2 ore
Un’immobiliare contro il venditore ambulante: «Chiamate la polizia»
La Assofide Sa mette in guardia gli inquilini: «Non l'abbiamo mandato noi e neppure il Cantone». Lui si difende: «Diffamazione e violazione della privacy»
TICINO / VENEZUELA
5 ore
Un prete rivoluzionario, da Curio al Venezuela
Don Angelo Treccani fa il missionario in un paese allo sbando: serve più di mille pasti al giorno ai bisognosi, grazie alla generosità ticinese
VIDEO
CANTONE
6 ore
L’amianto che dorme nelle case: «Prima di svegliarlo fate una perizia»
Il materiale è tornato d’attualità, ma i più ignorano le potenziali “bombe” che si trovano nelle abitazioni costruite prima del 1991. L’esperto: «Il Ticino, purtroppo, è fanalino di coda in materia».
FOTO
BELLINZONA
8 ore
Col furgoncino vola nel riale
Sul posto Polizia e Pompieri, oltre alla Scientifica. Non sono note le condizioni del conducente
CANTONE
18 ore
In bici al lavoro: «Un pieno di benzina adesso mi dura 4 mesi»
La proposta di Patrizia, che ha abbandonato l’auto per abbracciare il “bike to work”: «Sarebbe bello promuovere degli incentivi al chilometro». L'esperto: «Non dimentichiamoci della sicurezza»
LUGANO
20 ore
«Le Iene si sono introdotte in quel salone in modo vergognoso»
Un testimone racconta l'episodio verificatosi nella serata di giovedì da parte degli inviati di Italia 1. Tra scorrettezza e violazioni della privacy a gogo 
LUGANO
22 ore
Caos all'inaugurazione del salone: arrivano Le Iene e la polizia
Storie di ex mogli che sostengono di essere state raggirate. La vicenda riguarda un noto parrucchiere. Grande scompiglio creato dagli inviati della trasmissione italiana
COMANO
23 ore
Una miscela di gas esplosivo per forzare il bancomat
Gli autori del tentato furto della scorsa notte sono tuttora in fuga. Le ricerche sono in corso
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile