Tipress
LUGANO
16.10.18 - 07:190

Gonfiava le fatture, chirurgo condannato

Alcune venivano anche inventate, il tutto per incassare i soldi dell'assicurazione

LUGANO - Dieci mesi di carcere sospesi per due anni. È questa la pena inflitta ad un chirurgo  per aver falsificato delle fatture, intascando circa 300’000 franchi. L’uomo è stato ritenuto colpevole di reati finanziari, fra cui truffa, appropriazione indebita e bancarotta fraudolenta. Lo riportano vari media.

I fatti risalgono ad una decina di anni fa. Il medico aprì una società di servizio di cura e assistenza a domicilio, e gonfiò alcune fatture, o addirittura le inventava, il tutto a danno delle assicurazioni. Lo stratagemma fu messo in atto, stando alla testimonianza dello stesso chirurgo, per far fronte al pagamento dei dipendenti, dato che «le casse malati rimborsavano anche svariati mesi in ritardo».

In ultimo, una volta fallita la società, il medico avrebbe falsificato non solo i conti, ma anche occultato il proprio patrimonio, per un totale di carenza beni e debiti per oltre un milione di franchi.

TOP NEWS Ticino
CANTONE / ARGENTINA
6 ore

Blackout in Argentina, ma non a... Ticino

L'interruzione di corrente nazionale non ha toccato la comunità nella provincia di Córdoba, villaggio fondato da due svizzeri nel 1911

BELLINZONA / BIASCA
12 ore

Rissa sul treno e volano bottiglie: «Abbiamo avuto paura»

La polizia conferma il ferimento di una persona sul treno tra Bellinzona e Biasca. Le indagini sono in corso per far luce sull'accaduto

CANTONE
13 ore

Addio ad Antonio Snider

L’avvocato locarnese è stato stroncato nella notte da un male incurabile. Aveva 96 anni

CANTONE
14 ore

Finanze cantonali in nero, il preconsuntivo fa ben sperare

Dal Consuntivo 2019 potrebbe risultare un avanzo di 73.3 milioni di franchi. Incidono (anche) i 9.6 milioni di franchi di restituzione da parte di AutoPostale

SANT'ANTONINO
17 ore

Doppio tentativo di furto a un bancomat, in manette un 35enne

L'uomo, che per due volte non è riuscito nel suo intento, si era dato alla fuga ma è stato arrestato dalla Polizia cantonale. Ancora latitanti i suoi complici

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report