CONFINE
03.09.18 - 17:510
Aggiornamento : 21:04

Abusi su due minorenni, scarcerati i tre fermati a Como

I giovani restano indagati per violenza sessuale di gruppo

COMO - Il racconto delle ragazze che hanno denunciato di essere state violentate a Menaggio presenta delle contraddizioni, mentre la ricostruzione fornita dagli indagati oltre che convergente è plausibile. Per questo motivo, mancando gravi elementi di prova e rischio di una fuga, il giudice per le indagini preliminari (gip) di Como Carlo Cecchetti non ha convalidato il fermo e ha scarcerato i tre giovani fermati nei giorni scorsi per violenza sessuale di gruppo, con l'accusa di avere violentato due turiste di 17 anni, italiane sulla spiaggia del lido di Menaggio, sul lago di Como.

Posizione alleggerita - I tre, insieme a un ventenne moldavo irreperibile, rimangono ovviamente indagati, ma la loro posizione si è alleggerita.

Secondo il gip, l'unico episodio di violenza sessuale per cui ci sono indizi, infatti, è quello che ha visto come protagonista il moldavo ai danni di una sola ragazza. Per lui ha convalidato il fermo anche se riqualificando il reato da violenza sessuale di gruppo a violenza sessuale.

L'udienza di convalida di oggi era attesa come primo momento di riscontro delle pesanti accuse piovute su un barman di 22 anni di Chiesa Valmalenco (Sondrio), un albanese di 19 anni e un etiope di 22, tutti al lavoro come stagionali sul lago di Como, dopo la denuncia delle due ragazze minorenni, ospiti con amiche di una struttura vicino a Menaggio.

I tre fin dall'inizio avevano negato ogni addebito, attribuendo gli unici atti non consenzienti al quarto indagato, il moldavo che nel frattempo scappato dall'Italia e tornato nel suo Paese. Una versione confermata anche durante l'interrogatorio di convalida in cui hanno detto che avrebbe costretto una delle diciassettenni ad avere un rapporto sessuale «contro la sua volontà».

Alcune contraddizioni - Il provvedimento del Giudice per le indagini preliminari ha evidenziato che l'unica fonte di prova a carico dei tre indagati è costituita dalle dichiarazioni delle due ragazze, che mostrano alcune contraddizioni. Gli indagati, durante l'interrogatorio, hanno invece ricostruito i fatti con versioni complessivamente concordi e, astrattamente, plausibili.

Da parte sua la Procura di Como, che aveva disposto i fermi eseguiti dai carabinieri, «si riserva di effettuare ulteriori approfondimenti investigativi, evitando allo stesso tempo di fornire ulteriori particolari inerenti un episodio che si ritiene abbia certamente colpito persone accusate e vittime e la relativa indagine - ha scritto in una nota il procuratore Nicola Piacente - pienamente rispettando la decisione assunta dal Giudice per le indagini preliminari (comunque non equiparabile ad una pronuncia di assoluzione, attesa la fase interlocutoria in cui è intervenuta)».

La testimonianza delle ragazze - Le due ragazze avevano denunciato ai carabinieri di essere state «agganciate» dai quattro giovani nella notte tra l'8 e 9 agosto scorsi e di aver passato alcune ore a bere e ballare con loro in un locale, e di essere state portate invece che nel loro alloggio, a pochi chilometri di distanza, nella spiaggia del lido di Menaggio, in quel momento deserta.

Una delle due ha raccontato di essere stata violentata dall'italiano e dall'albanese, l'altra di avere subito molestie da parte del moldavo.

Marginale rimarrebbe il ruolo del quarto indagato, il giovane di origini etiopi, che avrebbe soltanto guidato l'auto. «Lui si è limitato a condurre. Era l'autista di questa compagnia» ha spiegato l'avvocato del ventiduenne Ernestina Lanzetti, aggiungendo che «non ha commesso nessun presunto atto di violenza».

TOP NEWS Ticino
LUGANO
35 min
A Carona ciak con Roger Federer
L'amato tennista elvetico si trova nel quartiere luganese per le riprese di uno spot
CANTONE
1 ora
Regole chiare per chi vuole lavorare da casa
Il Governo ha approvato il nuovo regolamento sul telelavoro nell'Amministrazione cantonale.
CANTONE
2 ore
Otto nuovi contagi, una persona in ospedale
I casi registrati nel nostro cantone dall'inizio dell'emergenza salgono a 3'363. I decessi restano 350.
MENDRISIO
2 ore
Erbe aromatiche self-service a Mendrisio
La città ha lanciato un nuovo progetto didattico e sociale che strizza l'occhio al verde.
FOTO E VIDEO
CASTIONE
4 ore
Tamponamento a catena tra quattro veicoli, un ferito
Chiusa la corsia in direzione nord, il traffico viene deviato. Sul posto polizia e ambulanza
CANTONE
5 ore
Case di lusso: il lockdown non ferma gli italiani
La gestione della pandemia da parte della Confederazione piace ai compratori della penisola
CANTONE
7 ore
Trasferirsi in Ticino? C'è chi ti aiuta psicologicamente
Dalle pratiche burocratiche, alla scuola dei figli. Fino a toccare la sfera affettiva. C'è chi si occupa di tutto
CANTONE
7 ore
Il lockdown è finito, ma il cielo resta (ancora) blu
Anche a luglio la qualità dell'aria continua a beneficiare del calo del traffico durante il lockdown
FOCUS
16 ore
Viaggio nell'inferno delle torture siriane
Benvenuti a Coblenza, nel primo processo della storia per crimini contro l’umanità in Siria
AGNO
18 ore
Dopo tanta paura vera, i brividi del Luna Park
L'estate luganese non rinuncia al divertimento all'aperto
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile