CONFINE
03.09.18 - 17:510
Aggiornamento : 21:04

Abusi su due minorenni, scarcerati i tre fermati a Como

I giovani restano indagati per violenza sessuale di gruppo

COMO - Il racconto delle ragazze che hanno denunciato di essere state violentate a Menaggio presenta delle contraddizioni, mentre la ricostruzione fornita dagli indagati oltre che convergente è plausibile. Per questo motivo, mancando gravi elementi di prova e rischio di una fuga, il giudice per le indagini preliminari (gip) di Como Carlo Cecchetti non ha convalidato il fermo e ha scarcerato i tre giovani fermati nei giorni scorsi per violenza sessuale di gruppo, con l'accusa di avere violentato due turiste di 17 anni, italiane sulla spiaggia del lido di Menaggio, sul lago di Como.

Posizione alleggerita - I tre, insieme a un ventenne moldavo irreperibile, rimangono ovviamente indagati, ma la loro posizione si è alleggerita.

Secondo il gip, l'unico episodio di violenza sessuale per cui ci sono indizi, infatti, è quello che ha visto come protagonista il moldavo ai danni di una sola ragazza. Per lui ha convalidato il fermo anche se riqualificando il reato da violenza sessuale di gruppo a violenza sessuale.

L'udienza di convalida di oggi era attesa come primo momento di riscontro delle pesanti accuse piovute su un barman di 22 anni di Chiesa Valmalenco (Sondrio), un albanese di 19 anni e un etiope di 22, tutti al lavoro come stagionali sul lago di Como, dopo la denuncia delle due ragazze minorenni, ospiti con amiche di una struttura vicino a Menaggio.

I tre fin dall'inizio avevano negato ogni addebito, attribuendo gli unici atti non consenzienti al quarto indagato, il moldavo che nel frattempo scappato dall'Italia e tornato nel suo Paese. Una versione confermata anche durante l'interrogatorio di convalida in cui hanno detto che avrebbe costretto una delle diciassettenni ad avere un rapporto sessuale «contro la sua volontà».

Alcune contraddizioni - Il provvedimento del Giudice per le indagini preliminari ha evidenziato che l'unica fonte di prova a carico dei tre indagati è costituita dalle dichiarazioni delle due ragazze, che mostrano alcune contraddizioni. Gli indagati, durante l'interrogatorio, hanno invece ricostruito i fatti con versioni complessivamente concordi e, astrattamente, plausibili.

Da parte sua la Procura di Como, che aveva disposto i fermi eseguiti dai carabinieri, «si riserva di effettuare ulteriori approfondimenti investigativi, evitando allo stesso tempo di fornire ulteriori particolari inerenti un episodio che si ritiene abbia certamente colpito persone accusate e vittime e la relativa indagine - ha scritto in una nota il procuratore Nicola Piacente - pienamente rispettando la decisione assunta dal Giudice per le indagini preliminari (comunque non equiparabile ad una pronuncia di assoluzione, attesa la fase interlocutoria in cui è intervenuta)».

La testimonianza delle ragazze - Le due ragazze avevano denunciato ai carabinieri di essere state «agganciate» dai quattro giovani nella notte tra l'8 e 9 agosto scorsi e di aver passato alcune ore a bere e ballare con loro in un locale, e di essere state portate invece che nel loro alloggio, a pochi chilometri di distanza, nella spiaggia del lido di Menaggio, in quel momento deserta.

Una delle due ha raccontato di essere stata violentata dall'italiano e dall'albanese, l'altra di avere subito molestie da parte del moldavo.

Marginale rimarrebbe il ruolo del quarto indagato, il giovane di origini etiopi, che avrebbe soltanto guidato l'auto. «Lui si è limitato a condurre. Era l'autista di questa compagnia» ha spiegato l'avvocato del ventiduenne Ernestina Lanzetti, aggiungendo che «non ha commesso nessun presunto atto di violenza».

TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Uccise la moglie: «Ma fu omicidio, non assassinio»
La difesa del 57enne autore dell’episodio di sangue verificatosi nel 2017 in un autosilo di Ascona chiede la condanna a quattordici anni di carcere. L’incarto potrebbe tornare al mittente?
MENDRISIO
1 ora
Così una ticinese trasforma le unghie in fenomeno internazionale
Si è concluso di recente il Campionato Internazionale Aestetica Nails Challenge di Napoli. Organizzato dalla momò Claudia Valli. Ecco come è andata
CANTONE
3 ore
Si paga con un dito, ecco la prima carta biometrica
La Biometric Gold Visa è stata lanciata da Cornèr Banca. È la prima del suo genere in Svizzera
CANTONE
3 ore
Vaccini, è già penuria: «Pensateci adesso»
Le scorte iniziano a scarseggiare. Il farmacista cantonale: «Segno che la campagna di sensibilizzazione ha dato i suoi frutti»
CANTONE
3 ore
Delta Line rafforza la sua presenza in Ticino
L'azienda leader nella produzione di motori elettrici edificherà il proprio quartier generale a Lamone. La consegna dello stabile è prevista per fine 2020
FOTO
BELLINZONA
5 ore
Sbanda sulla cantonale e si rovescia sul tetto
L'incidente è avvenuto poco dopo le 6 a Gnosca. Il conducente è stato trasportato in ospedale
FOTO E VIDEO
CALANCA (GR)
6 ore
Frontale in galleria e 6 persone tra le lamiere... ma è un'esercitazione
Polizia cantonale, pompieri e Servizio ambulanze della Mesolcina si sono "allenati" ieri sera nel tunnel Val del Infern. Una trentina le persone coinvolte
CANTONE
7 ore
Maltrattamenti sui bambini, in dieci mesi 14 "casi importanti"
Trent'anni fa la Convenzione Onu sui diritti del fanciullo. L'associazione Telefono Sos Infanzia si occupa di loro: «Dietro a una telefonata c’è un minore che soffre»
LOCARNO
15 ore
Nevicate che sanno di beffa per Cardada
Vista la meteo di questi giorni, qualche rimpianto per la chiusura degli impianti c’è. «Ma un anno in più non avrebbe fatto la differenza», spiega il locale Sci Club
SONDAGGIO
CANTONE
17 ore
Acquisti online tabù: «I regali comprateli in Ticino»
L’appello della Federcommercio in vista del Natale. La presidente Lorenza Sommaruga: «Non vogliamo demonizzare nessuno. Però tanti piccoli negozi sono a rischio chiusura»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile