tipress
LUGANO
20.08.18 - 10:230
Aggiornamento 12:33

Svaligiano casa con le chiavi rubate al mare

Il colpo è stato messo a segno dopo un furto nell’alloggio delle vacanze a Marina di Castagneto

LUGANO - Doppio smacco per una famiglia ticinese in vacanza a Marina di Castagneto, località marittima nella zona di Livorno. La visita di C.T.Z. nel Belpaese è stata infatti rovinata da alcuni "topi d'appartamento". Non paghi del colpo messo a segno nella casa vacanze, i delinquenti hanno infatti voluto far visita anche all'abitazione ticinese dei derubati, dopo averne trovate le chiavi durante il colpo nella località toscana avvenuto lo scorso 31 luglio.

Un episodio, questo, tutt'altro che isolato come riferisce a "Il Tirreno" il titolare dell’agenzia immobiliare Claudio Gani, che aveva affittato la casa vacanze. «Non è un bel segno – ammette – se continuiamo così nessuno vorrà più venire nel nostro territorio. E come dargli torto?».

Il primo furto in Italia - I ladri sono entrati in casa di C.T.Z. mentre era in spiaggia con i familiari. «Sono entrati in casa alzando la tapparella del bagno e dopo aver rovistato in giro, hanno preso la mia borsetta, svuotandola di un po’ di monetine, e prendendo il mazzo di chiavi di casa dell’appartamento a Lugano, che era sul tavolo - racconta la donna derubata -. Abbiamo fatto subito denuncia ai carabinieri, che ci hanno rassicurato dicendo che parrebbe trattarsi di ragazzini di 15-16 anni, alle prime armi, e che non sarebbero andati fino in Svizzera. Ci siamo fidati».

Il secondo a Lugano - Invece è proprio ciò che è accaduto: «Il 3 agosto ci hanno svuotato la casa a Lugano. Un furto senza scasso. Hanno usato le chiavi di casa. Ci hanno portato via la piccola cassaforte smurandola, e qualche altro oggetto. La cosa che più ci fa male, oltre al senso di violazione e lo shock subito anche dai nostri figli, è aver perso i ricordi dei nostri genitori deceduti, alcuni oggetti ereditati dai nonni e che non potremo mai rivedere. Siamo assicurati e ricompreremo le cose più recenti, ma purtroppo le cose antiche sono perdute. Ci teniamo a raccontare la nostra disavventura per mettere tutti in guardia su questa nuova modalità del furto di chiavi di casa».

«Pronti a pagare per riavere le nostre cose» - Infine l'appello: «Siamo disposti a riconoscere un premio in denaro per chi ci riporta quegli oggetti che non hanno un gran valore, ma erano regali di famiglia, anellini e altri oggetti preziosi del fidanzamento, battesimo e di altre ricorrenze».

Potrebbe interessarti anche
Tags
casa
furto
oggetti
cose
chiavi casa
segno
vacanze
colpo
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report