Tipress
CANTONE
07.02.18 - 13:480
Aggiornamento : 17:53

Indebitati e in assistenza, madre e figli espulsi

Il Tribunale federale ha respinto il ricorso presentato da una cittadina serba. Il figlio inoltre, ora maggiorenne, aveva già interessato le autorità penali

BELLINZONA - Una cittadina serba di 44 anni e i due figli, rispettivamente di 21 e 14 anni, a cui la Sezione della popolazione nel 2011 aveva già rifiutato la concessione di un permesso di domicilio a causa della loro situazione debitoria e della dipendenza dall’assistenza pubblica, dovranno lasciare definitivamente il Canton Ticino.

Entrati in Svizzera nel 1998, madre e figlio avevano ottenuto nel 2001 un permesso di dimora per vivere assieme al padre. Nel 2004, alla sua nascita, lo stesso permesso fu concesso anche alla secondogenita. Sette anni più tardi, nel 2011, la difficile situazione finanziaria della famiglia ha indotto la Sezione della popolazione a non concedere loro un permesso di domicilio, rinnovando tuttavia quello di dimora.

Dal 2012 la coppia aveva vissuto separatamente e i figli, al tempo entrambi minorenni, erano stati affidati alla madre. Una situazione ulteriormente complicata dalle difficoltà ad integrarsi del primogenito, collocato in un’apposita struttura, e dalla dipendenza dall’assistenza pubblica, causa quest’ultima di un ammonimento ricevuto dalla donna nell’agosto del 2013. Al perdurare della situazione, il 9 ottobre dell’anno successivo la Sezione del DI si era pronunciata, rifiutando il rinnovo del permesso. Decisione confermata su ricorso prima dal Consiglio di Stato e poi dal Tribunale cantonale amministrativo, che aveva rilevato le «grandi difficoltà di integrazione sia dal profilo lavorativo che socioeconomico» della donna, che inoltre «era oberata di debiti privati».

Tesi, quest’ultima, condivisa anche dai giudici vodesi, che oltre alla situazione della donna hanno evidenziato pure la condizione del figlio «che non lavora, avendo svolto unicamente uno stage probatorio di una durata inferiore ad un anno» e che «nonostante la sua giovane età, ha anche avuto modo di interessare le autorità giudiziarie penali». Per quanto concerne la secondogenita, il Tribunale federale ha inoltre sottolineato come «di principio, i minorenni seguono le sorti del genitore che ha la custodia».

Il Tribunale federale ha quindi dato ragione al Tribunale cantonale. Di conseguenza, la donna e i due figli dovranno lasciare il Ticino, nonché accollarsi 200 franchi per le spese giudiziarie.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
A rischio, e senza soldi
Alcuni operatori sanitari faticano ad arrivare a fine mese. Pur fornendo «servizi essenziali». L'appello
BALERNA
8 ore
«Il mio bimbo intubato una settimana, ma ora sta bene»
Kevin, 11 mesi, soffre di problemi respiratori. Il Covid-19 ha colpito anche lui.
VIDEO
MORCOTE
10 ore
Inguardabili ieri e oggi
Le immagini e il video dei fantocci scaccia cormorani appesi da mesi alle porte del villaggio turistico.
CANTONE
12 ore
Informazione, l'arma contro l'esodo
La strategia dell'autorità per scoraggiare l'arrivo sotto Pasqua di turisti confederati si baserà sull'informazione
CHIASSO
14 ore
Quindici contagiati in dogana? «Noi tuteliamo i collaboratori»
L'Amministrazione federale delle dogane non fornisce numeri, ma garantisce il rispetto della distanza sociale
COMANO
14 ore
Auguri Sandra Zanchi: la "regina" compie 98 anni
Versatile, ironica, unica. Una leggenda del teatro dialettale ticinese taglia il traguardo in perfetta salute
CANTONE
16 ore
Aziende sì, bar con calma e niente over 65: ecco quando riaprirà il Ticino
Con l'Italia come esempio, il nostro Cantone può programmare come ricominciare.
LUGANO
16 ore
Aeroporto Lugano, referendum posticipato al 28 giugno
È stata spostata la data della votazione per il risanamento dello scalo luganese. Non si vota più il 26 aprile
CANTONE
17 ore
«Il 5-10 per cento»
Sono i ticinesi entrati in contatto con il virus, secondo il medico cantonale. Che lancia un appello oltre Gottardo
LUGANO
18 ore
Troppa gente in giro, la Città si chiude
Le aree a lago non saranno più accessibili al pubblico. Posticipata anche l'apertura del Lido.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile