Rescue Media
CONFINE
21.10.17 - 10:530
Aggiornamento : 16:01

Lo sfogo prima del gesto: «Come fanno a mangiare questi bimbi?»

Il 49enne morto ieri assieme ai figli nell'incendio a Como aveva scritto ai giornali per denunciare la situazione di difficoltà: «Nessuna visita dai servizi sociali»

COMO - F. H., l'uomo che ieri a Como ha dato fuoco all'appartamento in cui è morto con i quattro figli, un mese fa aveva scritto una lettera in cui denunciava la sua situazione di difficoltà.

Un messaggio inviato il 16 settembre sul profilo Facebook del quotidiano La Provincia di Como, in cui l'operaio marocchino denunciava di non avere mai ricevuto la visita dei servizi sociali.

«Ho chiesto l'aiuto economico e l'assistente: zero. Ho scritto al dirigente e diceva che il Comune paga l'affitto. Come fanno a mangiare questi bimbi, forse sono troppi. La scuola è gia cominciata e il primo giorno sono andato dai carabinieri per non prendere una denuncia, noi siamo a casa».

Poi lamenta di non avere mai ricevuto «nessuna visita a casa dei servizi sociali per controllare la vita quotidiana dei bambini. Non vado via per paura del servizio sociale. Se ci sono problemi tra me e loro, cosa c'entrano i bambini?».

F.H. era stato contattato dal giornale e aveva raccontato della decisione di non mandare i bambini a scuola perché era tutto troppo caro per un papà solo e disoccupato, che aveva tirato avanti grazie alla solidarietà della famiglia di una ex maestra di una delle figlie.

Ricontattato nei giorni seguenti, non aveva più risposto al telefono. Da parte sua il Comune di Como già ieri aveva specificato quali erano state le iniziative prese a sostegno della famiglia H.: housing sociale dal 2014, supporti all'assistenza scolastica, mensa gratuita, diurnato pomeridiano.

«In seguito alle segnalazioni arrivate anche dalla scuola, i Servizi hanno convocato più volte il padre senza che questi si presentasse». E anche la preside della scuola frequentata dal figlio maggiore aveva confermato che il padre aveva rifiutato ogni tipo di aiuto, dalla dote scuola ai libri di testo.

TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Due nuovi casi in Ticino
I casi registrati nel nostro cantone salgono a 3'365. I decessi restano 350.
CANTONE
1 ora
Attenzione ai falsi sordi che chiedono soldi
L'allarme arriva dalla Federazione Svizzera dei Sordi: «Non firmate petizioni, non date contanti e avvisate la polizia»
CANTONE
4 ore
Ecco che fine hanno fatto le multe covid
I circa 50mila franchi raccolti dalla polizia sono stati versati nelle casse di Pro Senectute.
CANTONE
4 ore
È presto per fallire di Covid
Fallimenti in calo rispetto all'anno scorso, in Ticino. La ristorazione stringe i denti. Suter: «Aspettiamo l'inverno»
CONFINE
11 ore
Buoni covid ticinesi contro lo shopping oltre confine
La risposta ticinese all'iniziativa "duty free" dei negozi comaschi. L'ondata di acquisti in Italia finora non c'è stata
CANTONE
13 ore
Le ombre sulla fiscalità dei telefrontalieri
Il recente accordo tra Italia e Svizzera ha sanato i mesi della pandemia, ma dubbi persistono sul futuro del telelavoro
CANTONE
15 ore
«Non vogliamo la barriera al Gottardo»
Covid-19 e vacanzieri da nord. Si entra nel vivo della stagione. Parla Angelo Trotta, direttore di Ticino Turismo.
MELIDE
17 ore
A2: tamponamento fra due camion sul ponte diga
Chiusa la galleria del San Salvatore. Si registrano forti disagi alla circolazione in direzione sud
FOTO
LUGANO
17 ore
«Ho scattato un selfie con King Roger»
Il tennista basilese a Carona per girare uno spot della Mercedes non si è sottratto ai suoi ammiratori
LUGANO
20 ore
Durante l'intervento di polizia parte una pallottola
Un agente ha inavvertitamente esploso un colpo d'arma da fuoco mentre stava entrando in un appartamento di Molino Nuovo.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile