tipress
CANTONE
05.09.17 - 17:280
Aggiornamento : 19:32

Marco Siciliano deve tornare in Ticino

Accolto il ricorso del fisioterapista che uccise, a Obino, Beatrice Sulmoni

LUGANO - Marco Siciliano non si muove dal Ticino, o meglio, deve ritornarvi. A stabilirlo è una sentenza del Tribunale federale che ha dichiarato inammissibile il ricorso del Governo ticinese.

I fatti - Condannato per aver ucciso la moglie, il fisioterapista, dal 25 novembre 2010 si trovava presso il penitenziario cantonale "La Stampa" per scontare una pena detentiva a vita alla quale era stato condannato dalla Corte delle assise criminali.

Il 1° marzo 2016, la Direzione delle strutture carcerarie ticinesi aveva però deciso il suo trasferimento presso il penitenziario di Bellevue, a Gorgier (NE), per «motivi di sicurezza e di ordine interno». Siciliano veniva così trasferito in meno di 24 ore nel marzo 2016, nonostante l’immediata opposizione presentata.

Il 20 gennaio 2017, la Divisione della giustizia respinge un reclamo dello stesso Siciliano, contrario al trasferimento. Lo stesso non fa la Corte dei reclami penali del Tribunale d'appello (CRP), che, con sentenza del 13 luglio 2017, accoglie le richieste di Siciliano. Secondo la Corte cantonale non ci sarebbe una «seria messa in pericolo della sicurezza e dell'ordine interno da parte del condannato, tale da giustificare il suo trasferimento in un altro penitenziario, fuori Cantone».

Il 17 agosto del 2017 lo Stato del Cantone Ticino, per il tramite del Consiglio di Stato, impugna questa sentenza con un ricorso al Tribunale federale. La cui risposta è arrivata oggi.

Il Governo non è legittimato a ricorrere - «Il diritto di ricorso - ha spiegato il TF - spetta alla Cancelleria federale, ai dipartimenti federali o, in quanto lo preveda il diritto federale, ai servizi loro subordinati, se la decisione impugnata viola la legislazione federale nella sfera dei loro compiti. Di conseguenza, il Consiglio di Stato e le autorità cantonali di esecuzione delle pene e delle misure non sono abilitate a ricorrere dinanzi al Tribunale federale mediante un ricorso in materia penale».

In sostanza, il ricorso non è legittimo e di conseguenza «inammissibile». La sentenza, in sostanza, obbliga il Cantone al trasferimento immediato di Siciliano dal penitenziario romando a quello ticinese.

TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
51 min
Fumo dalle scuole "vecchie" di Viganello: un'esercitazione
Le fiamme notate all'ultimo piano dell'edificio in via Emilio Rava erano parte di un esercizio dei pompieri volontari
CANTONE
2 ore
Permessi: «Venga attivata l'Alta Sorveglianza»
Anche ForumAlternativo prende posizione sulle dichiarazioni di Gobbi a proposito del “giro di vite” sugli stranieri
FOTO E VIDEO
CANTONE
5 ore
Scontro nella notte a Bellinzona
Forte tamponamento in Cantonale, ci sarebbe un ferito
FOTO
ROVEREDO (GR)
20 ore
Cerca funghi, finisce nel riale. Soccorso in elicottero
L'uomo è stato trasportato all'Ospedale Civico di Lugano.
FOTO
LOSONE
21 ore
Malore nei pressi del fiume, arriva la Rega
Sul posto anche la Polizia, un'ambulanza e un'automedica
FOTO
LUGANO
1 gior
Vernice? No, l'alga tossica
Immagini suggestive quelle inviate da un lettore.
CANTONE
1 gior
Pulire i fondali del Lago Maggiore? «Trovato letteralmente di tutto»
I sub dell'Associazione Delta Divers si sono impegnati nella pulizia dei fondali durante il Clean-up day 2020
LUGANO
1 gior
Esce di strada di fronte allo stadio
L'incidente è avvenuto questa sera in via Trevano. Illesi i tre occupanti del veicolo
CANTONE
1 gior
«In questa crisi la Svizzera ha mostrato la sua coesione»
Ignazio Cassis e Christian Vitta hanno ripercorso questa sera i punti salienti della pandemia.
CANTONE
1 gior
Inchiesta Lega: spunta il nome di Tettamanti
I magistrati italiani indagano sui conti pro-Salvini. Ma dal Ticino arriva la smentita di Fidinam
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile