keystone
BREGAGLIA (GR)
28.08.17 - 17:060
Aggiornamento : 29.08.17 - 17:53

Frana in Val Bregaglia, troppo pericoloso l'intervento dell'esercito

Dal canto suo il consigliere federale Guy Parmelin ha confermato la disponibilità

BREGAGLIA - L'esercito è pronto ad intervenire nelle operazioni di aiuto a Bondo, in Val Bregaglia (GR), dopo la frana che si è staccata mercoledì scorso dal Pizzo Cengalo travolgendo il paese. Al momento, però, l'impiego dei militari è fuori discussione, perché ritenuto troppo pericoloso.

Il consigliere federale Guy Parmelin, capo del Dipartimento della difesa, ha confermato la disponibilità. Tuttavia, l'intervento dell'esercito sarebbe troppo pericoloso allo stato attuale, ha dichiarato il consigliere retico Christian Rathgeb all'ats: in caso di emergenza, i soldati dovrebbero poter essere allontanati entro quattro minuti, cosa non possibile dal momento che il materiale è ancora in movimento.

Rathgeb ricorda, inoltre, che sul Pizzo Cengalo c'è ancora un milione di metri cubi di materiale in movimento che potrebbe staccarsi in qualsiasi momento.

Aiuto dalla catena della Solidarietà - Pronta ad offrire sostegno finanziario anche la Catena della solidarietà: secondo l'addetta stampa Daniela Toupane, l'organizzazione di soccorso dispone di un fondo specifico di 3 milioni di franchi per danni da maltempo, che potrebbero essere utilizzati per offrire aiuto finanziario immediato alla Bregaglia.

L'organizzazione attende una richiesta ufficiale dal Comune di Bregaglia o da privati; quest'ultimi possono rivolgersi alla Caritas, che rappresenta l'associazione in loco.

2 anni fa «Temiamo che una nuova frana ci porti via la casa»
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora

«Mio figlio parla solo tramite video»

Il mutismo selettivo è un problema per (almeno) una ventina di bambini in Ticino. L'associazione Atimuse: «Abbiamo fatto passi avanti»

CADENAZZO
1 ora

Cadenazzo pensa alla videosorveglianza per bloccare i furbetti

Il traffico parassitario è un problema in alcune strade residenziali del Comune. Il vicesindaco: «Entro metà-fine ottobre metteremo due telecamere»

CANTONE
3 ore

Girardi fa istanza alla Corte d'appello: «Nel mio iPhone 5 c'è la prova »

Il direttore del Lumino’s chiede la revisione del processo e fa leva sulla donazione alla Lega, negata da Bignasca: «Se ho dato 50mila franchi, che motivo avevo di far coazione sul loro ministro?»

CANTONE
4 ore

Meno automobilisti in odore di cannabis dal medico del traffico

Negli ultimi tempi Camorino opta per l'ammonimento, laddove prima veniva ordinata la visita. «Uniformate le prassi cantonali. Nulla a che vedere coi fatti degli ultimi mesi» precisa l'autorità

LUGANO
12 ore

Con un cestino distrugge il parabrezza di un'auto

Sconosciuto l'autore del folle gesto. Il proprietario del veicolo: «Sono sconcertato e rattristato»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile