Tio/20minuti
BELLINZONA
04.07.17 - 09:510
Aggiornamento : 11:55

«Aveva già tentato di ucciderla. L'abbiamo vista con le gambe fuori dalla finestra»

Parlano i vicini della coppia di eritrei protagonista del dramma di ieri sera in via San Gottardo. Una tragedia annunciata secondo i loro racconti. L'uomo è stato arrestato

2 anni fa Caduta dal sesto piano: arrestato il convivente
2 anni fa Donna cade nel vuoto e muore

BELLINZONA - Una grossa macchia di sangue sull'asfalto è ciò che resta dei fatti che hanno turbato la quiete notturna, in via San Gottardo 8, a Bellinzona.

Qualcuno, affacciato ai balconi di un gruppo di tre palazzine, è pronto a raccontare gli attimi concitati che sono seguiti al volo mortale dal sesto piano di una 24enne eritrea. Un volo che, dai primi elementi emersi dalle indagini di polizia, sembra essere stato provocato dal compagno della donna, un 35enne, anche lui eritreo.

«Ci aveva già provato tre settimane fa. Aveva tentato di buttarla giù ed era intervenuta la polizia», racconta un vicino. «Quella volta aveva già le gambe fuori dalla finestra». La polizia era riuscita ad arrivare per tempo placando gli animi.

Questa volta le cose sono andate diversamente. «Abbiamo sentito gridare. Mi sono affacciato e il corpo era lì,  in una pozza di sangue», racconta un altro vicino. Tutti li conoscevano, almeno di vista. Nessuno ci aveva realmente parlato. «Non si esprimevano in italiano. Non credo che lavorassero. Erano probabilmente dei richiedenti l'asilo». Lui in Ticino da diverso tempo. La compagna, invece, arrivata da poco. Una relazione problematica -  secondo alcuni - tanto che la donna era intenzionata a lasciare il compagno. 

«Lasciano due bambini piccoli.  Bellissimi. Lui l'hanno ammanettato e portato via che gridava qualcosa di incomprensibile», racconta un'altra testimone mentre non riesce a trattenere le lacrime.

Un dolore condiviso da tutti. Piange anche una donna giunta sul posto per lasciare dei fiori.

Nel frattempo, in mattinata, sul posto arriva un gruppo di eritrei. Tra di loro la cugina della donna. Non sanno ancora nulla della morte. Fanno domande. Scoppiano in lacrime. Si chiedono perché.

Tio/20minuti
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora

«Mio figlio parla solo tramite video»

Il mutismo selettivo è un problema per (almeno) una ventina di bambini in Ticino. L'associazione Atimuse: «Abbiamo fatto passi avanti»

CADENAZZO
2 ore

Cadenazzo pensa alla videosorveglianza per bloccare i furbetti

Il traffico parassitario è un problema in alcune strade residenziali del Comune. Il vicesindaco: «Entro metà-fine ottobre metteremo due telecamere»

CANTONE
3 ore

Girardi fa istanza alla Corte d'appello: «Nel mio iPhone 5 c'è la prova »

Il direttore del Lumino’s chiede la revisione del processo e fa leva sulla donazione alla Lega, negata da Bignasca: «Se ho dato 50mila franchi, che motivo avevo di far coazione sul loro ministro?»

CANTONE
5 ore

Meno automobilisti in odore di cannabis dal medico del traffico

Negli ultimi tempi Camorino opta per l'ammonimento, laddove prima veniva ordinata la visita. «Uniformate le prassi cantonali. Nulla a che vedere coi fatti degli ultimi mesi» precisa l'autorità

LUGANO
12 ore

Con un cestino distrugge il parabrezza di un'auto

Sconosciuto l'autore del folle gesto. Il proprietario del veicolo: «Sono sconcertato e rattristato»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile