TiPress
CHIASSO
09.02.17 - 07:280

Delitto di Via Valdani, l’arma fu una sola

Angelo Falconi sarebbe stato ucciso utilizzando unicamente una spranga di ferro, impugnata da Pasquale Ignorato

CHIASSO - Angelo Falconi, il 73enne ucciso il 27 novembre del 2015 in un’autorimessa in via Valdani, a Chiasso, sarebbe stato colpito a morte utilizzando una sola arma, e non due come ipotizzato dagli inquirenti. Lo riferisce il Cdt nella sua edizione odierna.

I risultati della perizia ginevrina, richiesta lo scorso ottobre, hanno infatti stabilito che tutte le ferite rinvenute sul corpo della vittima sono compatibili con il solo utilizzo della spranga di ferro, avvalorando di fatto la versione fornita dagli Ignorato, che hanno sempre insistito sulla non partecipazione al delitto da parte di Mirko, il figlio di Pasquale Ignorato.

Il difensore del 24enne, l’avvocato Elio Brunetti, ha già depositato un’istanza di scarcerazione nei confronti del ragazzo. La procuratrice pubblica Marisa Alfier dovrà prendere posizione in merito entro tre giorni. Nel frattempo proseguono gli accertamenti per far luce sul movente e sui legami tra la vittima e i due arrestati.

2 anni fa Delitto di Via Valdani, chiesta una nuova perizia
TOP NEWS Ticino
FOTO
CONFINE
7 ore

Auto precipita sui binari e viene travolta da un treno, due morti

L'incidente è avvenuto lungo la tratta ferroviaria Bellinzona-Gallarate

LOSONE
9 ore

Si "allaga" l'ex caserma: ma il Comune tace

Pasticcio tecnico a poche settimane dall'inizio del Festival del Film e dell'inaugurazione del nuovo campus creativo per giovani. Le autorità: «Tutto procede bene. Pronti ad accogliere il BaseCamp»

POLLEGIO
11 ore

Swisscom gli offre 100.000 franchi per tenersi l'antenna 5G in giardino

Ecco il retroscena della rivolta nella frazione di Pasquerio. La conferma arriva dalla stessa azienda: «È la prassi»

CANTONE
12 ore

Radar puntati su cinque distretti

La prossima settimana i controlli mobili risparmieranno Vallemaggia, Leventina e Riviera. Controlli semi-stazionari a Rodi-Fiesso, Malvaglia e Sessa

CANTONE
12 ore

Clonavano carte di credito, sgominata una banda bulgara

Un 43enne che aveva un ruolo di spicco nell'organizzazione è stata estradato nei giorni scorsi e si trova ora in carcere in Ticino

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile