+1
MESOCCO
28.12.16 - 14:260
Aggiornamento : 16:48

«Il vento soffiava verso Soazza, ma il fuoco si avvicinava alla casa»

Parla Ivan a Marca, figlio e fratello delle persone che hanno dovuto lasciare la loro casa a causa dell'incendio divampato ieri a Mesocco

MESOCCO - «I miei genitori sono stati sfollati poco prima di mezzanotte, sono venuti da me a Lostallo», ci racconta Ivan a Marca, figlio e fratello delle persone che hanno dovuto lasciare la loro casa a causa dell'incendio divampato ieri a Mesocco.

Nessun intervento nella notte - «Sul momento non c'è stata una vera paura perché le fiamme erano ancora oltre il crinale che dà verso Soazza», racconta ancora. «La preoccupazione è stata più per la casa. Durante la notte infatti siamo saliti più volte a controllare. Anche perché sapevamo che nessuno lo stava spegnendo». La zona interessata dalle fiamme, infatti, è molto scoscesa e ha impedito il lavoro dei vigili del fuoco durante tutta la notte. 

Fiamme imprevedibili - «Nonostante il vento soffiasse in direzione di Soazza, il fuoco a un certo punto si spostava verso Mesocco, verso la casa», spiega Ivan. Anche gli elicotteri, che in questi momenti volano ininterrottamente sopra il villaggio mesolcinese, non sono potuti intervenire fino alle prime luci dell'alba. Una notte agitata anche dall'imprevedibilità del fuoco: «L'incendio sembrava andare da una parte, un attimo dopo dall'altra. Anche perché la vegetazione è varia in quella zona, sotto un bosco di nocciolo, sopra le conifere». Ed è proprio il versante di sempreverdi a essere interessato ora dalle fiamme.

Un'altra casa - Oltre a quella della famiglia a Marca, un'altra casa è stata evacuata, si tratta però di un rustico adibito a residenza secondaria, dalla quale i proprietari hanno recuperato alcuni oggetti durante la notte.

tio/20minuti
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
9 ore
«Il trasferimento degli uffici a Cornaredo è una condanna a morte»
Gli esercenti del centro ritornano a discutere sul nuovo quartiere, in tempi di Covid
FOTO
CANTONE
11 ore
"Verso l'ospedale senza fumo", anche a Bellinzona
Nella "Giornata mondiale senza tabacco", l’Ospedale Regionale Bellinzona e Valli offre un contributo concreto
FOTO E SONDAGGIO
LUGANO
12 ore
Biciclette alla conquista delle corsie bus
A Lugano è in corso la posa della nuova segnaletica per le due ruote
FOTO
BELLINZONA
15 ore
Il mercato di Bellinzona ha messo la mascherina
Oggi ne sono state distribuite agli avventori che non ne erano provvisti: si tratta di una misura prevista dalla Città
CONFINE
17 ore
«L'Italia non è un lazzaretto»
Lo dice il ministro degli esteri Di Maio. Dal 3 giugno si potrà entrare nel paese senza quarantena
CANTONE
18 ore
Coronavirus: zero contagi e nessun nuovo decesso in Ticino
I dati sull'evoluzione dell'epidemia si confermano incoraggianti.
CANTONE
20 ore
Apprendistato: qui i posti ci sono
In settimane delicate per chi cerca la propria strada, ci sono due settori che assicurano opportunità «affascinanti».
AGNO
1 gior
«Galleria della circonvallazione: occhio che frana tutto»
Secondo il municipale Giancarlo Seitz il futuro tunnel andrà a toccare un pendio già instabile
MENDRISIO
1 gior
Orario ridotto al pronto soccorso pediatrico? «Frutto di un'inesatta comunicazione interna»
L'EOC ha precisato che la riduzione degli orari di apertura è stata valutata, ma non è mai entrata in vigore.
LUGANO
1 gior
La frontiera del sesso
Elena racconta come si immagina la riapertura dei locali erotici
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile