GERMANIA / CANTONE
24.08.16 - 11:510
Aggiornamento : 13:42

«Il tifoso biancoblù ferito da un pezzo di vetro»

Non ci sono novità nell'inchiesta per risalire alle cause che hanno originato la grave ferita di un tifoso biancoblù domenica ancora in circostanze tutte da chiarire

STOCCARDA - E' ancora un caso tutto da chiarire. Contattato questa mattina da tio.ch, il portavoce della polizia di Ludwigsburg afferma che non ci sono novità nell'inchiesta avviata dal ministero pubblico tedesco per risalire alle cause del grave ferimento di un tifoso biancoblù di 29 anni avvenuto nelle prime ore di domenica a Bietingheim, nel Circondario di Ludwigsburg, in Germania meridionale.

Gli inquirenti tedeschi confermano la versione fornita ieri. In sintesi: tra sabato e domenica notte non risultano scontri tra leventinesi e tifosi avversari e tra leventinesi e persone residenti. Una zuffa che, all'arrivo della polizia, si è trasformata in fuga dapprima verso l'albergo in cui alloggiavano i tifosi dell'HCAP e poi allo scontro con gli agenti giunti sul posto, che hanno dovuto ricorrere alle maniere forti per ristabilire la calma. Ed è soltanto in quel momento che la polizia ha rinvenuto, in un cespuglio, un giovane che presentava gravi ferite al petto. «Se non l'avessimo ritrovato subito, avrebbe rischiato di morire dissanguato», ci avevano detto ieri dalla questura di Ludwigsburg.

Su come si siano svolti i fatti vi è una ampia divergenza tra la versione ufficiale della polizia e quella dei tifosi biancoblù. Innanzitutto a cominciare dalla rissa all'interno e fuori dal bar dove si erano riuniti una ventina di tifosi biancoblù. Secondo i leventinesi sarebbe stato lo scontro con dei cittadini turchi a provocare il ferimento del giovane ticinese. Secondo le indagini della polizia, invece, il coinvolgimento di cittadini turchi nella zuffa resterebbe soltanto una voce non confermata.

Ma c'è un altro elemento che diverge e riguarda l'arma che ha provocato il grave ferimento del 29enne originario del Luganese. Secondo i ticinesi il giovane sarebbe stato accoltellato, mentre la polizia esclude la ferita da arma da taglio. Infatti gli inquirenti ritengono che essa sia stata provocata da un pezzo di vetro, forse di un bicchiere rotto.

Commenti
 
Lorena Quadri 3 anni fa su fb
A dire il vero c'è poco da dire.... Si sono snegrati, fatto casino, tutto tra di loro (se non sbaglio) uno ci ha quasi rimesso la pelle.... In sintesi.... Cazzi suoi! Questi non sono tifosi e non hanno passione per lo sport. Sono solo dei cerca guai e basta!
Elias Vestermark Caccia Hansen 3 anni fa su fb
Fortuna che c'eri e sai cosa è successo!
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE / AUSTRALIA
2 ore
Garze e calzette ticinesi hanno raggiunto i koala
Il pacco spedito dal Ticino è arrivato in Australia. Dall’associazione: «Siete leggende. Grazie di aiutarci ad aiutarli»
LUGANO
2 ore
Quattro assunzioni e un lavoro che non esiste
L'annuncio di ricerca personale. I contatti via WhatsApp. E la firma di contratti che valgono come carta straccia. Ma l'azienda ribatte: «Presto apriremo»
CONFINE
11 ore
Discarica abusiva: «Danno ambientale gravissimo»
Rifiuti pericolosi, ma anche animali abbandonati. C'era un po' di tutto nell'area a due passi dal confine ora posta sotto sequestro, scovata grazie alla segnalazione di un malcantonese
CANTONE
13 ore
«Il confinante se ne frega e la mia vigna va in malora»
Storie di ordinario menefreghismo che mettono in ginocchio alcuni viticoltori amatoriali della Svizzera italiana. Intanto, le cantine sono sempre più piene e il prezzo dell’uva cola a picco
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
15 ore
Altro incidente sul lavoro, grave un operaio 59enne
L'uomo è precipitato da un ponteggio posto a circa due metri e mezzo d'altezza. Si tratta del terzo ferimento in un cantiere in poche ore
FOTO E VIDEO
CANOBBIO
15 ore
Cade dal tetto e si ferisce in modo grave
Altro incidente sul lavoro. Questa volta a Canobbio, dove un 32enne è precipitato da un'altezza di circa cinque metri
FOTO E VIDEO
GORDOLA
18 ore
Otto chilometri, mangiando e bevendo, in mezzo alle viti
Nasce In Vite A Güstà, simpatica e originale escursione enogastronomica con vista sul Lago Maggiore. L’appuntamento è per il lunedì di Pasqua
SVIZZERA / ITALIA
18 ore
Dà fuoco allo chalet e resta a guardare
Probabilmente si tratta un gesto contro l'ex moglie, co-proprietaria dello stabile. Il 30enne italiano residente in Svizzera è stato arrestato
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile