Patrick Mancini
BREGANZONA
21.04.16 - 09:190
Aggiornamento : 11:13

«Se non processano quell’uomo, non potremo mai entrare in casa»

Un cantiere fermo da quasi due anni. E un immobiliarista che ha raggirato diverse persone. La rabbia di chi ha investito su di lui: «Siamo preoccupati»

BREGANZONA - «Sono passati quasi due anni da quando il cantiere della palazzina di Breganzona in cui avremmo dovuto entrare ad abitare è stato bloccato.

Le autorità non ci danno notizie. Siamo preoccupati». Lo sfogo è di una delle persone raggirate da Raffaello Molina, 39enne promotore immobiliare ticinese arrestato a fine gennaio 2015 con pesanti accuse sul groppone. Un lungo elenco su cui il Ministero pubblico fatica a fare luce. «Abbiamo investito tanti soldi - fa notare un’altra vittima dell’immobiliarista -. Se non si arriva a un processo, il cantiere non potrà mai essere riavviato. E noi non potremo mai avere il nostro appartamento».

La lista di accuse - Un cantiere fermo da maggio 2014, tra Via Camara e Via Vergiò, a Breganzona, diventa l’emblema di un ginepraio in cui gli inquirenti sembrano essersi persi. Appropriazione indebita, truffa, amministrazione infedele, bancarotta fraudolenta e frode nel pignoramento, diminuzione dell’attivo in danno dei creditori, cattiva gestione, omissione della contabilità, diffamazione, calunnia, coazione, danneggiamento, falsità in documenti, falsità in certificati e riciclaggio di denaro. Sono le accuse con cui Molina era finito in manette.

Scarcerato - A metà dello scorso mese di luglio l’immobiliarista era stato scarcerato, su richiesta esplicita del suo avvocato, in attesa della conclusione delle indagini. E questo dopo 6 mesi esatti di prigione, trascorsi in carcerazione preventiva e in seguito sotto forma di espiazione anticipata della pena. «In quel periodo - riprende uno dei nostri interlocutori - si diceva che l’inchiesta fosse ormai alle battute conclusive. Invece…»

Il pasticcio - Invece il procuratore pubblico Andrea Minesso stenta, e non poco, a rimettere assieme i tasselli del puzzle. A complicare la situazione, nel corso dell’autunno passato, è arrivato lo scandalo del fallimento dell’Adria Costruzioni e quello della Banca Wir, con l’arresto di altre persone. Società legate a Molina, dal momento che l’Adria stava costruendo per lui proprio le due palazzine di Breganzona e la Wir lo finanziava direttamente.

Sotto sequestro - A tenere in ansia le tante persone che aspettano, in qualche modo, di essere risarcite da Molina sono alcuni aspetti cruciali. Fino al processo, tutti i suoi beni resteranno sotto sequestro. Con il processo, si dovrebbe passare dal sequestro alla confisca. In pratica, i suoi averi dovrebbero essergli portati via per ricompensare i creditori, la gente che ha raggirato. E forse anche il cantiere di Breganzona potrebbe essere finalmente riavviato.

Precariato - La situazione delle palazzine di Breganzona, due stabili da sette appartamenti ciascuno, è particolare. Il cantiere, definito “obbrobrio” dagli abitanti della zona, è fermo addirittura dal maggio del 2014, vale a dire da quanto Molina ha avuto i primi problemi. «Quanto già costruito - evidenzia uno dei nostri testimoni - è in uno stato sempre più precario: muffa, infiltrazioni d’acqua». Lo scorso anno la Città di Lugano aveva dovuto blindarne l’accesso per evitare che i giovanissimi entrassero di notte a fare feste abusive e a ubriacarsi. «Bisognerà quasi ripartire da zero».

Ricostruzione finanziaria - Ma per i creditori di Molina le notizie che arrivano dal Ministero Pubblico, sollecitato da Ticinonline, non sono buone. «L’indagine è parecchio intricata - fa sapere il portavoce - ed è ancora aperta. I fatti sono stati parzialmente ammessi da Molina. È in corso una dettagliata ricostruzione finanziaria dei suoi movimenti. Ma non è semplice, anche perché la si fa sulla base di una contabilità praticamente inesistente».

Fuori tempo - Il portavoce del Ministero pubblico ammette come il possibile coinvolgimento dell’Adria e della Wir abbia, di fatto, aumentato ulteriormente la difficoltà delle indagini. «Sappiamo che i legami ci sono. Ma bisogna capire in che misura. Quello che è praticamente certo è che Molina non ha più soldi. È difficile che le sue ipotetiche vittime vengano rimborsate. La questione andrà ancora per le lunghe, gli accertamenti da fare sono parecchi. E il processo potrebbe slittare anche al 2017».

Patrick Mancini
Guarda le 4 immagini
TOP NEWS Ticino
CANTONE
15 min
I cantoni latini invocano il mini-lockdown
Il Ticino e i cantoni francesi chiedono a Berna un inasprimento delle misure
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 ora
Ecco i robot che prendono l'ascensore e portano i medicinali in tutto l'ospedale
Due mezzi autonomi della Posta sono entrati in servizio negli spazi del Civico di Lugano
VIDEO
BELLINZONA
3 ore
Tanto verde al posto delle Officine
È stato presentato questa mattina il progetto scelto quale base per la futura pianificazione del comparto.
CANTONE
4 ore
In Ticino superati i 5mila casi
Il bollettino giornaliero del medico cantonale. Sono 123 i nuovi positivi, 9 in più i ricoverati in ospedale
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
La Finma rivede al ribasso gli utili confiscati alla BSI
Dopo una rivalutazione più precisa, l'importo è stato ridotto da 95 a 70 milioni.
MENDRISIO
7 ore
Da Mendrisio a Catamayo per salvare le vite dei bimbi
Toglierli dalla strada, offrire loro una vita migliore grazie alla scuola e regalare dei sogni
FOTO
POLLEGIO
7 ore
Contro il muro con il furgone
L'incidente è avvenuto poco prima delle 23 di ieri sera a Pollegio, in via Cantonale
LUGANO
8 ore
Le sardine con la mascherina (a metà)
Mezzi pubblici affollati: a Lugano la situazione più problematica. Un 17enne con l'asma: «Ho paura»
MENDRISIO
8 ore
«Basta un codice QR e il cliente è tracciato»
Esercenti stufi di “perdere tempo” nel registrare gli avventori? Forse c’è una soluzione.
COMANO
17 ore
Caffè "scorretto" Covid
La gerente dell'esercizio pubblico critica i silenzi dell'azienda: «Un cliente aveva il Covid e l'ho saputo da altri»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile