MUZZANO
15.03.16 - 11:340
Aggiornamento : 14:17

Bambina morta in auto: nessun provvedimento per la madre 

Deciso il decreto d'abbandono nonostante si tratti di omicidio colposo

MUZZANO - Come si ricorderà, la sera dello scorso 21 luglio 2015 veniva rinvenuto, all'interno di una vettura posizionata nel parcheggio di un campeggio in territorio di Muzzano, il corpo senza vita di una bambina di sei anni, che inavvertitamente era rimasta chiusa nell'auto e lì dimenticata per circa tre ore. Il suo decesso è stato provocato da un grave colpo di calore, cioè dagli effetti di un'ipertermia; occorre tener conto che quel giorno la temperatura atmosferica era molto elevata.

Dal profilo penale la madre della vittima si è resa dunque responsabile di omicidio colposo, poiché il decesso della piccola è stato determinato da una sua palese negligenza. L'accurata inchiesta condotta dagli inquirenti ha tuttavia evidenziato che non v'è stata alcuna volontarietà nel comportamento dell'accusata, che in quelle ore è stata anzi tranquillizzata da informazioni errate secondo le quali la bambina si trovava serenamente all'interno della struttura del campeggio.

Ora, il Ministero Pubblico segnala che la Procuratrice Capo Fiorenza Bergomi - titolare dell'incarto - ha firmato un Decreto d'abbandono nei confronti della donna. Il procedimento è stato archiviato sulla base dell'articolo 54 del Codice penale. Esso recita che se l'autore di un reato "è stato così duramente colpito dalle conseguenze dirette del suo atto che una pena risulterebbe inappropriata, l'autorità competente prescinde dal procedimento penale, dal rinvio a giudizio o dalla punizione".

Nella tragica fattispecie è infatti fuori dubbio che la madre della bambina perita (che l'ha partorita e sempre accudita in vita) sia stata duramente colpita dal risultato della sua negligenza, così come è pacifico che ella ne patisca tuttora una grande e incancellabile sofferenza interiore.

TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Le case in Ticino fanno gola agli svizzero tedeschi
Sul mercato immobiliare si registra un aumento delle richieste da parte della clientela d'oltralpe
CANTONE
13 ore
Coronavirus e Gran Consiglio: è un grattacapo
Nonostante il protocollo e le rigide misure sanitarie, si valuta nuovamente un cambiamento di sede
CANTONE
14 ore
Ecco l'ora solare: stanotte "si dorme di più"
Le lancette vanno riportate indietro di un'ora
CANTONE
19 ore
Una parentesi di sole prima di pioggia e neve
Al weekend di bel tempo farà seguito un inizio di settimana contraddistinto dalle precipitazioni.
LUGANO
19 ore
Permessi al Planet: scatta l'interpellanza
Giovanni Albertini e Sara Beretta Piccoli interrogano il Municipio in merito all'apertura della struttura di Pazzallo.
FOTO E VIDEO
RIAZZINO
21 ore
Cede il terreno sotto i binari: disagi, ma danni limitati
Dopo qualche ora, le FFS hanno ripristinato la linea ferroviaria tra Cadenazzo e Locarno.
CANTONE
1 gior
Dieci ricoveri, un decesso e altri 257 contagi
Negli ospedali ticinesi ci sono 62 persone positive al coronavirus.
FOTO
RIVIERA
1 gior
Esce di strada e finisce contro i ripari fonici della ferrovia
L'incidente della circolazione ha avuto luogo questa notte all'incrocio fra via Traversa e via Cantonale.
CANTONE
1 gior
Un deputato positivo, ma il Gran Consiglio non va in quarantena
Il rispetto delle misure anti-contagio non rende necessario il provvedimento
CANTONE
1 gior
«Il mini lockdown non serve»
L'esperto in malattie infettive Christian Garzoni si appella per l'ennesima volta alla responsabilità dei cittadini
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile