CONFINE
15.10.15 - 20:080

Architetto ucciso dopo le minacce, mistero nel comasco

Quella che era apparsa come un'esecuzione della criminalità organizzata con il passare delle ore sembra lasciare spazio a qualche dubbio

COMO - A 24 ore dall'agguato, non si chiarisce il mistero sull'omicidio di Alfio Vittorio Molteni, 58 anni, l'architetto e designer di interni assassinato a colpi di pistola mercoledì sera a Carugo (Como), nel cortile della casa di via Garibaldi in cui viveva con l'anziano padre e una zia.

Quella che era apparsa come un'esecuzione della criminalità organizzata, nello stile di quella 'ndrangheta che ha profonde radici anche nella Brianza comasca, con il passare delle ore sembra lasciare spazio a qualche dubbio. Non è infatti certo che i killer, si ritiene due, abbiano sparato con l'intenzione di uccidere. Dopo avere atteso il loro bersaglio nascosti dietro i cespugli del giardinetto condominiale, infatti, gli assassini hanno esploso soltanto due colpi di pistola: il primo alle gambe del professionista, l'altro verso la parte bassa della schiena.

È vero che i colpi sono stati letali (il secondo proiettile gli ha trapassato l'addome) ma le modalità dell'agguato fanno pensare alla volontà di "gambizzare" la vittima più che di volerla uccidere; insomma, l'impressione è che si potesse trattare di un ulteriore avvertimento, ancora più pesante rispetto a quelli degli ultimi mesi.

Al momento, comunque, ipotesi non ne vengono scartate. Al vaglio degli investigatori c'è sia la vita privata che quella professionale di Molteni, che dalla primavera scorsa era stato vittima di almeno due gravi atti intimidatori: in maggio qualcuno aveva dato fuoco alla sua Range Rover parcheggiata in un box sotto lo studio di Mariano Comense. In luglio, invece, in pieno giorno e davanti a un bar pieno di avventori, erano stati esplosi otto colpi di pistola contro la stessa casa di Carugo teatro dell'omicidio, che avevano perforato una tapparella. In entrambi i casi, Molteni aveva presentato denuncia ai carabinieri, ma avrebbe negato di avere ricevuto minacce nè avrebbe fornito indicazioni su eventuali sospetti.

Separato dalla moglie con qualche strascico legale, un figlio, Molteni era titolare dello studio "Molteni Alfio Vittorio, Interiors & Industrial Design" di Mariano Comense e aveva legami di affari con il Medio Oriente e con personaggi russi con casa sul lago di Como. A Dubai lavorava per la società "Il Grande", specializzata in design di interni per ambienti di lusso con sede in un grattacielo nella "business bay" che sul suo sito Internet vanta lavori in hotel esclusivi quali il Park Hyatt e il The Pearl. Per i russi avrebbe invece arredato dimore lussuose sul Lario, come tanti altri studi professionali del comasco. Il sostituto procuratore di Como Pasquale Addesso ha disposto l'autopsia, mentre oggi i carabinieri del Reparto investigazioni scientifiche di Parma hanno effettuato accertamenti tecnici sul luogo del delitto, nel cortile dell'abitazione e su un'automobile parcheggiata in zona, che potrebbe essere stata utilizzata dagli sparatori per arrivare a Carugo.

TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
Prete arrestato: resterà in carcere almeno per le prossime 6 settimane
La decisione del giudice dei provvedimenti coercitivi. Il 50enne è finito in manette sabato scorso per abusi sessuali
CANTONE
4 ore
«Nessuna quarantena per chi rientra dall'Italia»
Al via la conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline. Norman Gobbi fa il punto della situazione
GORDOLA
5 ore
Corinne Suter come James Bond
Abituata all'adrenalina della velocità, la sciatrice svittese ha voluto provare il noto bungee jumping ticinese
LUGANO
7 ore
Canetta lascia la Rsi
Prepensionamento per il direttore dell'emittente di Comano. Si prepara la successione
CANTONE
9 ore
Pentecoste impegnativa per la Rega: un weekend con 130 interventi
In Ticino la Guardia aerea svizzera di soccorso è decollata sette volte
CANTONE
9 ore
Altro giorno senza morti e senza nuovi casi
I contagi da coronavirus registrati nel nostro Cantone rimangono 3'315, i morti 348.
CANTONE
12 ore
Il Covid che separa papà e figli
Durante il lockdown il diritto di visita tra genitori separati ha subito limitazioni, che in qualche caso continuano
BELLINZONA
12 ore
Troppa rigidità per le startup ticinesi?
Post Covid-19. A sollevare la questione è un imprenditore che si sente penalizzato: «Così ci escludono dagli aiuti».
CANTONE
21 ore
Scattano le manette per un badante
L'uomo, di origine straniera, è stato arrestato giovedì. L'accusa è di aver sottratto 20mila franchi a un anziano.
FOTO
LUGANO
1 gior
Godersi la foce con la distanza sociale
Per il lungo weekend di Pentecoste sono entrate in vigore le nuove misure per favorire il distanziamento sociale.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile