LUGANO
28.08.15 - 11:250
Aggiornamento : 14:28

"Hanno tentato di entrare nel mio iPad"

Hacker senza limiti. Tra le potenziali vittime anche lo specialista informatico Didier Assandri: "Chi ha un apparecchio Apple sta rischiando grosso"

LUGANO - Un'email che chiede all'utente di cambiare la password del proprio Apple ID. Sembra un'operazione di routine quella richiesta negli ultimi giorni a diversi possessori di iPhone e iPad. In realtà si tratta di una trappola che può rivelarsi fatale. Lo spiega bene Didier Assandri, specialista informatico di Lugano. Lui è una delle potenziali vittime scampate al pericolo. "Gli hacker hanno tentato di entrare nel mio iPad - conferma -. Volevano impossessarsi delle mie coordinate bancarie".

Minacce in aumento - L'esperto, dotato di un bagaglio di conoscenze enorme, è riuscito comunque a non cadere nel trabocchetto. "Ma mi immagino che non sia così evidente per le persone qualsiasi intuire l'odore di fregatura. Anche perché tutto sembra confezionato ad arte. Io mi occupo regolarmente di questa problematica. E devo dire che questo specifico tipo di truffa mi è nuovo. Purtroppo devo constatare che per i fruitori di tecnologie è sempre più difficile difendersi. Ogni giorno arriva una minaccia diversa".

Dati personali - Poi Assandri rivela ulteriori dettagli sull'episodio vissuto in prima persona. "Ti dicono che devi cambiare la password del tuo Apple ID e ti mandano un link su cui cliccare. In seguito devi inserire il tuo nome utente e la tua vecchia password. Così come la nuova. Chi lo fa rischia grosso. Perché poi gli hacker, grazie ai dati personali di cui si sono impossessati, riescono ad accedere ai profili Apple ID e di conseguenza a eventuali conti bancari".

Nuove vie - La strana email in questo momento colpirebbe un determinato tipo di pubblico, vale a dire gli utenti di Bluewin. "È una mia deduzione dal momento che il mittente era apple@bluewin.ch e io uso Bluewin. Gli hacker sono riusciti a copiare molto bene una pagina della Apple. E così chi accede al sistema per cambiare la password rischia di non accorgersi di nulla. Tempo fa a essere tirate in ballo erano le banche. Ora le banche riescono a tutelarsi. E gli hacker, che spesso operano dall'Asia, cercano di percorrere nuove vie".

Dettagli - Lo specialista informatico conclude con alcuni consigli. "Quando ci si ritrova di fronte a email che chiedono di cambiare le password, non bisogna mai fare le cose di fretta. Al contrario, va analizzato ogni dettaglio. Spostando il mouse sul link si riesce a vedere se l'indirizzo reale corrisponde a quello indicato. Anche qui, occorre fare massima attenzione. Anche perché a volte la differenza consiste in una semplice lettera o in un banale punto".

Commenti
 
TOP NEWS Ticino
PONTE TRESA
3 ore
Scontro al passaggio a livello: traffico in tilt
Un tamponamento è avvenuto questa sera sulla cantonale verso Ponte Tresa, presso i binari dell'FLP
ISONE
6 ore
«Tutto liscio» al carnevale, per ora
Dal "Carnevaa di Locc" un bilancio positivo. «Le regole di sicurezza hanno funzionato»
FOTO
BELLINZONA
9 ore
La Città dei mestieri è infine realtà
La struttura di Viale Stazione è stata inaugurata oggi. L'apertura ufficiale è attesa per lunedì
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
15 ore
Le fiamme distruggono il tetto di una casa a Cugnasco
L'incendio è divampato questa notte in via Vaslina. Nessuno è rimasto ferito
ASCONA
1 gior
Raccogliere la plastica? «Non ne vale la pena (per ora)»
Il Municipio di Ascona risponde al malcontento dei cittadini per la mancata organizzazione del servizio
ISONE
1 gior
L’incendio sul Monte Tiglio causato da un’esercitazione militare?
Un caso analogo si sarebbe già verificato nel 1994, come ricorda un testimone
CANTONE
1 gior
Coronavirus, in Ticino siamo pronti?
Il medico cantonale Giorgio Merlani incontra gli enti d'intervento per elaborare un protocollo. «Niente panico»
FOTO
BELLINZONA
1 gior
La Birreria Bavarese cambia, ma non muore
Dopo quarant'anni la famiglia Lazzarotto-Romano ha deciso di lasciare lo storico locale di Viale Stazione. Già trovato chi subentrerà
BELLINZONA
1 gior
Bus fermato sull'A2, dentro c'erano 40 piccioni vivi
Il controllo è stato effettuato ieri nell'area di sosta di Bellinzona. I volatili erano destinati a una gara
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile