MEZZOVICO
16.04.15 - 10:320
Aggiornamento : 10.01.18 - 10:20

Operaio residente si oppone al lavoro gratuito, licenziato in tronco

Il caso avvenuto alla Casram è stato denunciato da Unia: "Vengono chiesti sacrifici ai lavoratori senza necessità dimostrabili". La direzione: "Abbiamo agito correttamente"

MEZZOVICO - Alla Casram non lavori gratis? Sei licenziato! E' questo il titolo del comunicato stampa diramato giovedì mattina dal sindacato Unia che denuncia un licenziamento giudicato "scandaloso ed inaccettabile" presso la ditta Casram di Mezzovico.

Il licenziamento è stato contestato dal sindacato Unia che avverte: "se il lavoratore non sarà reintegrato con effetto immediato il caso sarà portato davanti ai tribunali per ottenere giustizia". La ditta, come riferisce il sindacato, "ha infatti introdotto una deroga alle disposizioni del contratto nazionale di lavoro che di fatto obbliga il personale a svolgere 45 ore alla settimana, 5 in più e gratuite, rispetto alle 40 ore previste dal CCL".

Un accordo che, come informa Unia, non sarebbe mai stato sottoscritto dalla Commissione d’azienda, "ma accettato da una votazione assembleare vinta con pochi voti perchè organizzata dalla direzione dell’azienda per far cambiare idea ai dipendenti che in prima battuta avevano respinto il principio del lavoro gratuito. Principio contestato in modo particolare dal personale di produzione". Forte di questa che è stata definita da Unia "decisione-imposizione", la direzione non avrebbe dato possibilità di scelta ai lavoratori: “o lavori 5 ore gratuite o prenderemo provvedimenti: ti licenzieremo”.

Licenziamento che ha colpito "un dipendente, per di più residente, che non ha voluto cedere a questi ricatti e soprusi, si è rifiutato di svolgere le 5 ore gratuite, ma ha continuato a rispettare il suo contratto di lavoro che prevede 40 ore settimanali".

La fine del rapporto di lavoro, è stata pronunciata dall’azienda con effetto immediato e questo, come riferisce Unia "dopo aver consultato Swissmem, l’associazione di categoria che ha consigliato in tal senso l’azienda". Il sindacato giudica "l'atteggiamento irresponsabile da parte dell’azienda e di Swissmem che il sindacato Unia condanna con fermezza".

Il sindacato Unia prende inoltre atto che per "Swissmem non conta più la salvaguardia dei posti di lavoro come enunciato, ma preferisce per evidenti ragioni politiche far punire e colpevolizzare con il licenziamento i lavoratori che rivendicano i loro diritti contrattuali".

Secondo Unia con questa decisione Casram "ha un atteggiamento in aperta violazione con il principio contrattuale della pace del lavoro e che apre perciò un nuovo capitolo nell’attacco frontale portato dalle associazioni padronali di categoria e dalle aziende ai diritti dei lavoratori ed ai contenuti del CCL".

"Un atteggiamento di aggressione verso i lavoratori - si legge nella nota - che cambia i rapporti industriali tra sindacato e Swissmem in Ticino e del quale Unia ne prende atto ed agirà di conseguenza".

"Chiedere sacrifici ai dipendenti senza necessità dimostrabili e la conseguente pressione o repressione allorquando i lavoratori non accettano, è diventata un’attitudine ormai fatta propria da troppe aziende che Unia non tollera ed alla quale reagirà di conseguenza", conclude Unia.

L'azienda: "Ho agito correttamente" - L'azienda, da noi sentita telefonicamente, sottolinea dal canto suo di aver agito secondo le regole del contratto collettivo nazionale di lavoro e che la proposta di estendere l'orario di lavoro ad ulteriori cinque ore è stata sottoposta a votazione. La maggioranza dei lavoratori ha accettato la deroga delle cinque ore. "Ho agito correttamente -ci dice al telefono il direttore Antonio Brina - mi sono attenuto alle disposizioni del contratto collettivo nazionale - non posso farci niente se tutti gli altri lavoratori hanno accettato la nostra proposta". A momenti è atteso un comunicato stampa della direzione.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Ticino
CANTONE
29 min
Le case in Ticino fanno gola agli svizzero tedeschi
Sul mercato immobiliare si registra un aumento delle richieste da parte della clientela d'oltralpe
CANTONE
11 ore
Coronavirus e Gran Consiglio: è un grattacapo
Nonostante il protocollo e le rigide misure sanitarie, si valuta nuovamente un cambiamento di sede
CANTONE
12 ore
Ecco l'ora solare: stanotte "si dorme di più"
Le lancette vanno riportate indietro di un'ora
CANTONE
17 ore
Una parentesi di sole prima di pioggia e neve
Al weekend di bel tempo farà seguito un inizio di settimana contraddistinto dalle precipitazioni.
LUGANO
17 ore
Permessi al Planet: scatta l'interpellanza
Giovanni Albertini e Sara Beretta Piccoli interrogano il Municipio in merito all'apertura della struttura di Pazzallo.
FOTO E VIDEO
RIAZZINO
19 ore
Cede il terreno sotto i binari: disagi, ma danni limitati
Dopo qualche ora, le FFS hanno ripristinato la linea ferroviaria tra Cadenazzo e Locarno.
CANTONE
23 ore
Dieci ricoveri, un decesso e altri 257 contagi
Negli ospedali ticinesi ci sono 62 persone positive al coronavirus.
FOTO
RIVIERA
1 gior
Esce di strada e finisce contro i ripari fonici della ferrovia
L'incidente della circolazione ha avuto luogo questa notte all'incrocio fra via Traversa e via Cantonale.
CANTONE
1 gior
Un deputato positivo, ma il Gran Consiglio non va in quarantena
Il rispetto delle misure anti-contagio non rende necessario il provvedimento
CANTONE
1 gior
«Il mini lockdown non serve»
L'esperto in malattie infettive Christian Garzoni si appella per l'ennesima volta alla responsabilità dei cittadini
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile