PONTE CAPRIASCA
09.12.12 - 11:390
Aggiornamento : 21.11.14 - 17:53

Antenne Sunrise e Orange accanto alle scuole. I Verdi denunciano

Le antenne resterebbero nascoste agli occhi dei cittadini

PONTE CAPRIASCA - I Verdi di Ponte Capriasca contro la costruzione di diversi ripetitori Sunrise e Orange in una zona definita sensibile dal Cantone Ticino per la presenza di bambini, scuole e asilo. Con un comunicato stampa infatti i Verdi denunciano l’intenzione di Orange e Sunrise di posare diversi ripetitori GSM e UMTS sul tetto di uno stabile in via delle Scuole, a un centinaio di metri dalle elementari del paese, dell’asilo e dal parco giochi. Uno dei tre fasci di radiazioni emesse al massimo della potenza consentita dall’Ordinanza federale sulle radiazioni non ionizzanti (ORNI) è diretta verso l’edificio scolastico.

Per i Verdi il profitto aziendale non deve andare a discapito delle fasce più deboli e indifese della popolazione.

 

Storia - Sunrise e Orange, rappresentate da Alcatel-Lucent, hanno depositato negli scorsi giorni presso la Cancelleria comunale di Ponte Capriasca una domanda di costruzione per l’istallazione di diversi ripetitori di telefonia mobile GSM e UMTS posizionati in modo da emettere segnali in più direzioni. Due di questi fasci sono emessi il primo in direzione dell’edificio delle scuole elementari, mentre il secondo in direzione dell’asilo consortile. La potenza emessa è quasi pari al valore limite consentito dalla ORNI, quindi il massimo della potenza permessa dalla legge federale.

 

Denuncia - I Verdi di Ponte Capriasca denunciano una totale insensibilità da parte dei due operatori di telefonia nazionali nei confronti della popolazione del Comune, in particolare dei bambini tra i 3 e i 10 anni d’età, e ricordano che l’art. 5 cpv. 2 del Regolamento cantonale di applicazione della ORNI raccomanda che: “Gli impianti in zone a carattere prevalentemente residenziale o nelle vicinanze di locali dove soggiornano persone particolarmente sensibili (bambini, anziani, ammalati) sono, per quanto possibile, da evitare.” Il motivo di questa raccomandazione dell’autorità cantonale è da ricercare nel fatto che le radiazioni non ionizzanti possono avere effetti a lungo termine sulla salute dei bambini e inoltre compromettere le loro capacità di concentrazione.

 

Tuttavia nel loro comunicato, i Verdi di Ponte Capriasca precisano di non essere contrari ad una copertura sostenibile del territorio Cantonale con segnali GSM e UMTS. Sono piuttosto contrari al fatto che nonostante Ponte Capriasca disponga di innumerevoli spazi aperti e poco o del tutto disabitati, Sunrise e Orange abbiamo deciso di posare i loro ripetitori a poche decine di metri dalle scuole elementari, asilo, parco giochi e nel mezzo della zona più densamente abitata del Comune.

 

Progetto - Inoltre i Verdi, spiegano che Orange e Sunrise avrebbero tentato più volte di convincere i proprietari di alcune unità abitative nella zona attorno alle scuole elementari "promettendo lauti guadagni a coloro che avessero acconsentito all’istallazione delle antenne GSM e UMTS sul proprio stabile".

Tutti i tentativi sono andati a vuoto tranne che con il proprietario dello stabile di appartamenti attualmente oggetto della domanda di costruzione. Dalla documentazione relativa alla domanda di costruzione emerge che i futuri ripetitori GSM e UMTS saranno posizionati all’interno del vano ascensore e quindi invisibili all’occhio. "In questo modo la reddittività dello stabile sarà garantita, poiché i potenziali inquilini interessati agli appartamenti non sospetteranno di convivere con un’antenna posta direttamente sopra le loro teste", concludono i Verdi.

 

TOP NEWS Ticino
BIASCA
19 min
Allarme su Fb: «Rapitori di bimbi in paese». La scuola: «È un fake»
Un post su Facebook mette in ansia i genitori. All’origine ci sarebbe un fatto reale, un automobilista che ha avvicinato una bimba chiedendole il nome e poi è ripartito
CANTONE
1 ora
Solo un distretto risparmiato dai radar
La prossima settimana niente controlli mobili a Blenio. Ben 15 le località controllate nel Luganese
LOCARNO
2 ore
Lettere anonime a Dadò: «È la 150esima. Un'ossessione»
Da anni uno stalker l'avrebbe preso di mira. «Invito questa persona a dedicare il suo tempo ad altro e a sé stesso. Probabilmente ne ha bisogno»
LUGANO
3 ore
Morta dopo la liposuzione, il medico non operava in Ticino
Arriva a distanza di un anno e mezzo la risposta del Consiglio di Stato sul dottor M.C. «Non ha mai ricevuto l'autorizzazione a esercitare»
FOTO E VIDEO
CANTONE / NEPAL
5 ore
Le mani ticinesi nella ricostruzione post terremoto
Oltre 600 case, due scuole e un ambulatorio medico grazie alla generosità. Kam For Sud ha concluso il lavoro di ricostruzione del villaggio di Saipu
LUGANO
7 ore
Chi conosce l’agente di quartiere, si sente più sicuro
Sono stati presentati stamani i risultati del sondaggio sulla sicurezza. I cittadini più soddisfatti della qualità di vita sono quelli di Castagnola, Carona e Cureggia
LUGANO
7 ore
Lago Ceresio, è allerta piena
Il rischio "marcato" è previsto tra le 11 di oggi e le 18 di lunedì. Anche la Tresa, l'emissario del lago di Lugano, si è alzata
LUGANO
9 ore
«Me la sono cavata con una giacca rotta e qualche "pattone" in faccia»
Parla la vittima dell'aggressione al posteggio di Campo Marzio: «Devo ringraziare la mamma che mi ha aiutato e la polizia cantonale che è stata gentilissima»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile