Immobili
Veicoli
tipress
CANTONE
27.01.22 - 06:000
Aggiornamento : 10:21

Il "re delle slot" amico dei clan ha ottenuto il permesso, e un prestito Covid

Un frontaliere 59enne sarebbe prestanome del clan Raso-Gullace-Albanese. In Ticino ha ottenuto un prestito Covid

Socio di un'azienda di manutenzione di slot-machine, si è visto negare il permesso di soggiorno causa precedenti penali. Ma questo non gli ha impedito di beneficiare dei crediti federali durante la pandemia

BELLINZONA - La 'ndrangheta in Ticino è gentile. Chiede permesso, e gentilmente lo ottiene. Di permessi, l'azienda di elettronica gestita nel Luganese da un pregiudicato di origini calabresi ne ha ottenuti in realtà diversi: un "B" per uno dei soci - incensurato, ma coinvolto in un'inchiesta antimafia del 2016 - e un "G" per l'altro. Secondo il Tribunale di Reggio Calabria, quest'ultimo sarebbe un prestanome del clan Raso-Gallace-Albanese di Gioia Tauro. In Lombardia gestiva otto società nel settore delle slot-machine, sequestrate lunedì dalla Dia di Milano. 

Da questa parte del confine - Ma gli affari del "re delle macchinette", come è stato soprannominato dalla stampa italiana, non si fermavano al confine. Lo hanno superato nel 2013, con l'apertura di una società Sagl a Mendrisio, poi spostata nel Luganese secondo il registro di commercio. I due soci italiani si occupano di «import-export, produzione, distribuzione e noleggio di prodotti elettronici» ma anche «meccanici» e «alimentari». Nel magnifico Borgo però, stando a informazioni raccolte da tio.ch/20minuti, avrebbero aperto solo una bucalettere. 

Un permesso no, l'altro sì - E i controlli? Dopo l'introduzione dell'obbligo del casellario giudiziale, nel 2015, qualcosa scatta. Al 59enne viene negato il permesso di residenza: ha precedenti per furto, tentato furto, ricettazione, associazione a delinquere e resistenza a pubblico ufficiale. Ma questo non gli impedisce di ottenere un permesso da frontaliere. E neanche di beneficiare, nel 2021, di un credito Covid federale.

Il prestito Covid - Trentamila franchi garantiti dalla Confederazione, per aiutare l'azienda a superare la pandemia. Contattato, il socio ancora residente in Ticino afferma di avere «ogni intenzione di restituire il prestito». Ma nel frattempo la società è stata chiusa, a fine anno. «Siamo stati fermi per otto mesi causa Covid e non abbiamo retto» precisa il 67enne, oggi pensionato. I tre collaboratori, compreso il "Re delle slot" (socio-dipendente), sono stati licenziati.  

Manutentori di slot - Ma di cosa si occupava l'azienda, di preciso? «Manutenzione di slot-machine nei casinò della regione» afferma il co-titolare, a sua volta attivo nel gioco d'azzardo in Lombardia fino a tempi recenti. Sulle pendenze del socio non si esprime: «Lo conosco da sempre come un grande lavoratore, è perseguitato dalla giustizia italiana per dei pregiudizi e per le sue origini. Spero non avvenga anche in Ticino». 

«Niente da nascondere» - Il Ministero pubblico della Confederazione ha ricevuto una rogatoria dagli inquirenti italiani, che vogliono vedere chiaro negli affari ticinesi del "re". Il socio - che non risulta indagato - si dice «a disposizione» della giustizia, che non ha ancora bussato alla sua porta. «Non ho niente da nascondere».  

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE/SVIZZERA
3 ore
San Gottardo preso d'assalto: 10 km di coda
Durante la notte la situazione si era calmata, ma in prima mattinata era già da bollino nero
CANTONE
17 ore
I frontalieri in telelavoro «vanno regolarizzati»
Un'interrogazione firmata Plr e Ppd chiede al Consiglio di Stato di attivarsi
CUGNASCO GERRA
1 gior
Dieci anni dopo, in memoria di Alan
Giubileo per la Birra Bozz. Il titolare Richy Bozzini porta avanti il sogno del fratello, morto di cancro alle ossa.
FOTOGALLERY
BEDRETTO
1 gior
Il Passo della Novena è uscito dal letargo invernale
La strada che collega Bedretto a Ulrichen è stata riaperta questa mattina alle nove.
CANTONE
1 gior
Ladri "elettrizzati" fanno incetta di bici (e di denunce)
Nei primi mesi del 2022 la Polizia cantonale ha ricevuto parecchie denunce per furti di biciclette.
LUGANO/BELLINZONA
1 gior
"Vestito nuovo" per l'escape in centro
Il progetto ticinese cresce e si espande. E dopo Zurigo arriva anche a Zugo e Lucerna
CANTONE
1 gior
Imposta di circolazione: i deputati accelerano
Firmato oggi in Commissione Gestione il rapporto di minoranza. Il Parlamento voterà a giugno
LUGANO / UCRAINA
1 gior
A Lugano «per ricostruire l'Ucraina»
All’evento sul Ceresio parteciperanno una quarantina di Stati e diciotto organizzazioni internazionali.
CONFINE/CANTONE
1 gior
Violentate e costrette a prostituirsi in Ticino. Tre arrestati
Gli uomini finiti in manette sono accusati anche di spaccio di droga.
CANTONE
1 gior
Pensionati del Cantone: «Decisione scandalosa»
Il Vpod promette un autunno "caldo" di proteste contro i tagli alle rendite
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile