Immobili
Veicoli
tipress
CANTONE
27.01.22 - 06:000
Aggiornamento : 10:21

Il "re delle slot" amico dei clan ha ottenuto il permesso, e un prestito Covid

Un frontaliere 59enne sarebbe prestanome del clan Raso-Gullace-Albanese. In Ticino ha ottenuto un prestito Covid

Socio di un'azienda di manutenzione di slot-machine, si è visto negare il permesso di soggiorno causa precedenti penali. Ma questo non gli ha impedito di beneficiare dei crediti federali durante la pandemia

BELLINZONA - La 'ndrangheta in Ticino è gentile. Chiede permesso, e gentilmente lo ottiene. Di permessi, l'azienda di elettronica gestita nel Luganese da un pregiudicato di origini calabresi ne ha ottenuti in realtà diversi: un "B" per uno dei soci - incensurato, ma coinvolto in un'inchiesta antimafia del 2016 - e un "G" per l'altro. Secondo il Tribunale di Reggio Calabria, quest'ultimo sarebbe un prestanome del clan Raso-Gallace-Albanese di Gioia Tauro. In Lombardia gestiva otto società nel settore delle slot-machine, sequestrate lunedì dalla Dia di Milano. 

Da questa parte del confine - Ma gli affari del "re delle macchinette", come è stato soprannominato dalla stampa italiana, non si fermavano al confine. Lo hanno superato nel 2013, con l'apertura di una società Sagl a Mendrisio, poi spostata nel Luganese secondo il registro di commercio. I due soci italiani si occupano di «import-export, produzione, distribuzione e noleggio di prodotti elettronici» ma anche «meccanici» e «alimentari». Nel magnifico Borgo però, stando a informazioni raccolte da tio.ch/20minuti, avrebbero aperto solo una bucalettere. 

Un permesso no, l'altro sì - E i controlli? Dopo l'introduzione dell'obbligo del casellario giudiziale, nel 2015, qualcosa scatta. Al 59enne viene negato il permesso di residenza: ha precedenti per furto, tentato furto, ricettazione, associazione a delinquere e resistenza a pubblico ufficiale. Ma questo non gli impedisce di ottenere un permesso da frontaliere. E neanche di beneficiare, nel 2021, di un credito Covid federale.

Il prestito Covid - Trentamila franchi garantiti dalla Confederazione, per aiutare l'azienda a superare la pandemia. Contattato, il socio ancora residente in Ticino afferma di avere «ogni intenzione di restituire il prestito». Ma nel frattempo la società è stata chiusa, a fine anno. «Siamo stati fermi per otto mesi causa Covid e non abbiamo retto» precisa il 67enne, oggi pensionato. I tre collaboratori, compreso il "Re delle slot" (socio-dipendente), sono stati licenziati.  

Manutentori di slot - Ma di cosa si occupava l'azienda, di preciso? «Manutenzione di slot-machine nei casinò della regione» afferma il co-titolare, a sua volta attivo nel gioco d'azzardo in Lombardia fino a tempi recenti. Sulle pendenze del socio non si esprime: «Lo conosco da sempre come un grande lavoratore, è perseguitato dalla giustizia italiana per dei pregiudizi e per le sue origini. Spero non avvenga anche in Ticino». 

«Niente da nascondere» - Il Ministero pubblico della Confederazione ha ricevuto una rogatoria dagli inquirenti italiani, che vogliono vedere chiaro negli affari ticinesi del "re". Il socio - che non risulta indagato - si dice «a disposizione» della giustizia, che non ha ancora bussato alla sua porta. «Non ho niente da nascondere».  

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
16 min
Covid, terapie intensive vuote
È la prima volta da oltre 10 mesi. Negli ospedali ticinesi restano ricoverate 43 persone
CANTONE
3 ore
Nebbia sul frontaliere che si porta a casa l’auto della ditta
Nasce il Registro dei Veicoli Immatricolati all’Estero. Chi non si iscrive, rischia il sequestro del veicolo.
LAMONE
3 ore
Quattro poliziotti finiscono sotto indagine
Si tratta di un terzo dell'effettivo della Polizia del Vedeggio. E sarebbe coinvolto anche il vicecomandante.
CANTONE
5 ore
Il taglio record nel bosco... dopato dallo scirocco
Una notte tempestosa all'origine del primato ticinese della produzione legnosa
LOSONE
15 ore
Il "re del karaoke" insegna calcio e inglese ai ragazzini
Sfida estiva per lo showman Jimmy Smeraldi: «Abbino pallone e apprendimento della lingua. Ci divertiremo».
CANTONE
18 ore
Turisti spaventati dai lupi? «Il problema non esiste»
I lupi, contrariamente a quanto affermato da Germano Mattei, non influenzerebbero negativamente il turismo ticinese.
CANTONE
18 ore
Il vaiolo delle scimmie «non è il coronavirus»
Giorgio Merlani tranquillizza tutti sulla malattia: «Per contrarla ci vuole un contatto molto stretto e prolungato».
CANTONE
21 ore
Anche in ospedali, cliniche e case anziani si ritorna (quasi) alla normalità
L’andamento epidemiologico attuale permette di allentare ulteriormente le misure di protezione in atto.
POSCHIAVO (GR)
22 ore
L'amo tocca i fili della corrente: pescatore muore folgorato
La tragedia è avvenuta domenica mattina nel fiume Val Pednal, a Li Curt nel Comune di Poschiavo.
CANTONE/SVIZZERA
1 gior
Fa troppo caldo, anche per lavorare?
La colonnina di mercurio sta superando nuovi record già nel mese di maggio
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile